Vista della passerella tra i gate B9 e B10 presso il nuovo Harvey Milk Terminal 1 a

Canvas, una società di robotica edile con sede a San Francisco che si concentra sull’installazione di muri a secco, ha annunciato oggi di aver raccolto 24 milioni di dollari di serie B. Il round è guidato da Menlo Ventures e verrà utilizzato per espandere la flotta di robot della startup e svilupparne di nuovi. applicazioni per la sua tecnologia.

Sia il partner di Canvas che quello di Menlo Matt Murphy hanno rifiutato di commentare i ricavi dell’azienda o la sua valutazione prevista, ma sono fiduciosi nella sua capacità di aiutare a portare il settore edile storicamente stagnante al passo con i settori tecnologicamente più avanzati.

Nello specifico, i robot Canvas ottimizzano il processo di installazione del muro a secco, un’industria a sé stante da 25 miliardi di dollari, aiutando con la sua finitura, che è particolarmente laboriosa e dannosa. Qui, il lavoro di squadra è essenziale: gli umani dirigono la situazione fisica e la programmazione del robot, che a sua volta applica automaticamente la maggior parte delle finiture. Questo può accorciare la finitura del muro a secco da sette giorni a due, aiutando i lavoratori a evitare lesioni muscoloscheletriche esacerbate dal processo di finitura.

I cofondatori di Canvas Kevin Albert, Maria Telleria e Henrik Bennetsen, che si sono riuniti allo spazio di ricerca e sviluppo Otherlab di San Francisco, sperano che questi vantaggi, che sono interdipendenti, contribuiranno a migliorare la carenza cronica di manodopera che l’industria edile ha sofferto per anni e che sono state peggiorate dalla pandemia Covid-19.

Secondo un recente sondaggio dell’Associated General Contractors of America (AGC), il 41% delle imprese di costruzioni non intende apportare modifiche alle dimensioni del proprio personale nel 2021 e il 24% delle imprese intende diminuire il proprio organico. Lo stesso rapporto descriveva in dettaglio la riluttanza del settore a investire in tecnologia quest’anno: alla domanda se avrebbe adottato nuove tecnologie nel 2021, la maggior parte degli intervistati ha risposto di no.

Mentre la resistenza all’innovazione può avere più a che fare con i bilanci che con l’ideologia, Canvas ei suoi investitori ritengono che il suo approccio all’automazione sia sufficientemente misurato e sufficientemente convincente da garantire un’adozione diffusa in futuro.

“Di solito inizi mettendo giù il robot e poi costruisci tutto intorno ad esso. Tutto è calibrato, quindi è un lavoro comodo “, afferma il CTO Telleria, che ha conseguito un dottorato in ingegneria meccanica presso il MIT ed è cresciuto in una città manifatturiera in Messico, dove le disparità nell’innovazione tra i settori: la natura high-tech della produzione automobilistica contro la dipendenza dal lavoro manuale nelle fabbriche che producevano jeans, per esempio, la frustrava e la spingeva. Nella costruzione, dice, “il punto è che lo stai costruendo, quindi anche di ora in ora il mondo che c’era potrebbe non esserci più”.

Questa natura dinamica e imprevedibile dei cantieri edili spiega perché la maggior parte delle innovazioni tecnologiche nel settore sono state logistiche, in altre parole si trattava di automazione dell’attività piuttosto che del processo fisico di costruzione. Ma la tecnologia di Canvas è adattabile. Quando un robot arriva sul posto, scansiona e mappa l’ambiente, calibrandosi per le condizioni particolari di un particolare giorno o, come ha detto Telleria, di un’ora particolare. I robot quindi collaborano con i lavoratori, completando i ritocchi finali dell’installazione del muro a secco, che prevedono l’applicazione, l’asciugatura e la levigatura ripetute di strati di “fango” di gesso tra le lastre in modo da lasciare pareti senza soluzione di continuità.

La precisione dei robot di Canvas garantisce inoltre, afferma Telleria, ambienti di lavoro “virtualmente privi di polvere” che possono rendere la costruzione, e in particolare l’installazione in cartongesso, più attraente per gruppi demografici come donne e giovani. Lo stesso vale, ovviamente, per il pedaggio del commercio sul corpo.

“Non capita tutti i giorni che i venture capitalist si addentrino nel settore del muro a secco”, afferma Murphy riguardo al potenziale ruolo di Canvas come livellatore. “Ma ogni appaltatore di muri a secco, ogni caposquadra con cui abbiamo parlato ha appena parlato di come non possono ottenere persone che vogliono fare questo lavoro … le aziende innovative che vogliono assumere quel lavoratore di nuova generazione saranno molto motivate a vedere qualcosa di simile a questo lavoro. “

Nella Bay Area, dove è stato lanciato di nascosto nel dicembre 2020 dopo tre anni di costruzione del suo portafoglio di brevetti, Canvas ha collaborato con la filiale locale della International Union of Painters and Allied Trades (IUPAT).

In collaborazione con il programma di apprendistato del sindacato, la startup è stata in grado di formare lavoratori veterani e principianti su come lavorare con i robot per ottenere finiture di cartongesso di alta qualità, alla pari di quello che Canvas chiama Machine-Finished Level 5 o Level 5+ : il più alto standard disponibile di applicazione del gesso.

Finora, i progetti Canvas includono l’Harvey Milk Terminal presso SFO, il Wayne and Gladys Valley Center for Vision presso UCSF e la Chase Arena Tower, sede dei Golden State Warriors: la società non ha rivelato il numero totale di siti dei suoi robot ha lavorato, tuttavia. E mentre Albert dice che Canvas ha intenzione di utilizzare i suoi finanziamenti per crescere, non ha confermato alcun piano immediato di espansione al di fuori della California settentrionale, sebbene affermasse la sua convinzione che la richiesta di Canvas per farlo esiste.

“Dobbiamo costruire. Abbiamo bisogno di vivere. Stiamo assistendo a rallentamenti dovuti a Covid e alla recessione, ma allo stesso tempo stiamo assistendo a una crescita della domanda a lungo termine. Dobbiamo costruire il doppio degli edifici nei prossimi 40 anni “, afferma Albert.

Mentre il rapporto AGC è pessimista sul futuro immediato della costruzione, l’ampio piano infrastrutturale annunciato il mese scorso dal presidente Biden supporta il punto di Albert: nei prossimi otto anni, l’amministrazione prevede di spendere $ 2 trilioni di dollari per lo sviluppo infrastrutturale, di cui $ 231 miliardi saranno dedicati ad alloggi economici e sostenibili. Chiamato American Jobs Plan, il suo obiettivo, oltre a portare le infrastrutture americane al limite, è riportare gli americani al lavoro. Forse alcuni di loro arriveranno sulle braccia dei robot Canvas.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi