Il progetto Venus è la fase successiva dell’evoluzione umana?

È in corso un cambiamento sismico. Sullo sfondo dell’aumento delle temperature, del collasso degli ecosistemi e della minaccia di estinzione delle specie, tecnologie come l’intelligenza artificiale (AI) e la robotica si stanno ora muovendo per trasformare l’ordine globale. Infatti, per la prima volta nella nostra storia, abbiamo gli strumenti e le tecnologie per guidare e plasmare la nostra evoluzione. Ma come sarà questo futuro?

Recentemente ho parlato con Roxanne Meadows e Nathanael Dinwiddie di The Venus Project per capire meglio i loro pensieri sul futuro. Come spiegano, lo status quo non funziona più. Il cambiamento climatico, la disuguaglianza sociale e l’innovazione tecnologica ci stanno ora spingendo oltre una società guidata dal mercato. La chiave per risolvere le attuali sfide globali, suggeriscono, dipende dallo sviluppo di un’economia basata sulle risorse .

Il termine “economia basata sulle risorse” è stato coniato per la prima volta da Jacque Fresco, il fondatore del Venus Project. Fresco credeva che un’economia basata sulle risorse potesse supportare l’integrazione scientifica delle tecnologie di automazione (AI e robotica) e dei sistemi di ingegneria nel fornire i più alti standard di vita possibili. Meadows e Dinwiddie suggeriscono che questo tipo di economia è la fase successiva dell’evoluzione umana. Ma cosa significano?

  1. Cos’è The Venus Project?

Meadows and Dinwiddie : The Venus Project è un’organizzazione senza scopo di lucro che presenta un nuovo modello socio-economico che utilizza scienza e tecnologia. Negli ultimi 40 anni, abbiamo mantenuto un centro di ricerca di 21 acri a Venus, in Florida . Le nostre metodologie sono progettate per realizzare il pieno potenziale della scienza e della tecnologia per ottenere il miglioramento sociale per tutti i sistemi viventi, senza eccezioni.


Il nostro approccio all’organizzazione sociale richiede cambiamenti nella governance, nell’economia, nella pianificazione urbana, nell’istruzione, nelle relazioni umane, nella lingua e nei valori. Proponiamo una nuova base scientifica per trascendere gli attuali problemi dell’umanità testando un nuovo design sociale per organizzare la nostra società come un “sistema operativo” globale. Nel suo insieme, il Venus Project colma l’enorme divario tra le scienze e le discipline umanistiche combinando una filosofia sociale del futuro con la conoscenza tecnica applicata su scala globale per risolvere i problemi della condizione umana.

  1. Sembra che ci troviamo nelle prime fasi di una massiccia depressione economica. Qual è la tua percezione di ciò che sta accadendo politicamente ed economicamente in questo momento?

Meadows e Dinwiddie : stiamo assistendo a una polarizzazione politica senza precedenti e a uno sconvolgimento economico in tutto il mondo oggi. Lo status quo non funziona più. Molte persone stanno ora iniziando a capire quanto sia stata disfunzionale la gestione delle nazioni, dei popoli e delle risorse. I bisogni umani e i bisogni del nostro ambiente sono troppo complessi per essere gestiti con mezzi politici, direzione economica arbitraria o un’élite senza la conoscenza pertinente della scienza e della tecnologia.

Ad aggravare questo problema, la natura opera come un sistema a circuito chiuso, ma noi non lo facciamo. Estraiamo risorse senza reintegrarle, accumuliamo materiali di scarto senza riciclarli e inquiniamo le nostre colture di aria, acqua e cibo per la necessità di mantenere margini di profitto competitivi. Ci sono molti altri fattori che convergono contemporaneamente oltre alla pandemia, che contribuiscono tutti ai disordini del sistema.

  1. Le generazioni più giovani sembrano disamorate del capitalismo. Potresti descrivere la tua visione di una società post-scarsità?

Meadows e Dinwiddie : Il Venus Project riconosce che se utilizziamo un approccio sistemico globale come base per l’organizzazione e la gestione delle risorse, possiamo progettare un ambiente molto più umano per tutti. Il nostro obiettivo è far progredire la salute e la protezione dell’ecosistema, in contrasto con l’accumulo di ricchezza, proprietà e potere. Non abbiamo abbastanza soldi per soddisfare i bisogni della popolazione mondiale, ma abbiamo risorse sufficienti, se gestite con saggezza. In definitiva, non è il denaro ciò di cui le persone hanno bisogno, ma l’accesso libero alle necessità della vita e all’autorealizzazione.

Raggiungere questo obiettivo è una sfida tecnica e ingegneristica che richiede un coordinamento massiccio da parte di team transdisciplinari di ingegneri e scienziati nella gestione delle risorse della Terra entro la sua capacità di carico. Questo tipo di attività scientifica eliminerebbe le feroci rivalità per le scarse risorse e, a sua volta, genererebbe comportamenti molto diversi tra le persone.

In breve, questo è ciò che Jacque Fresco, fondatore di The Venus Project, ha definito una ” economia basata sulle risorse “. Questo è un passo necessario per l’evoluzione dell’umanità. Potrebbe essere pensata come una nuova scienza, una scienza della gestione della Terra in cui, per necessità, tutte le risorse della Terra diventano patrimonio comune di tutte le persone del mondo.

  1. In che modo il Venus Project differisce dal socialismo o dal comunismo?

Meadows e Dinwiddie : Piuttosto che rivolte operaie e rovesciamento forzato del sistema ( comunismo ) o ridistribuzione del capitale ( socialismo ), The Venus Project affronta il cambiamento sociale come un processo di evoluzione guidata. A nostro avviso, le sfide che abbiamo di fronte sono una questione di ingegneria e design. Il Venus Project richiede un’analisi sperimentale di un nuovo sistema sociale. Questo sistema è diverso da qualsiasi rivoluzione comunista, comune utopico o colpo di stato provato in passato.

A nostro avviso, la questione fondamentale che limitava la gestione sociale in passato è stata la mancanza di una metodologia efficace basata sui dati per valutare e migliorare il funzionamento del sistema. L’applicazione su vasta scala delle politiche sociali a vaste aree geografiche – sia attraverso la rivoluzione che attraverso la legislazione – senza mezzi per valutarne l’efficacia, deriva da un approccio pesante nell’ideologia ma a corto di metodo scientifico. Il Venus Project richiede la prototipazione iterativa delle città che prendiamo come unità di analisi per convalidare o falsificare le ipotesi. Tutto questo inizia con il test di un prototipo, non con una rivoluzione.

Sebbene Karl Marx avesse immaginato una società in cui il denaro, la proprietà privata e la gerarchia sociale fossero aboliti, non riusciva a immaginare come implementare questo sistema a livello tecnico. In contrasto con il comunismo, il Venus Project richiede la riprogettazione totale delle città (trasporti, distribuzione, produzione, riciclaggio, infrastrutture) per produrre abbondanza di beni e servizi. Ciò si ottiene attraverso l’automazione e l’efficienza infrastrutturale ottimizzata.

  1. Che ruolo giocano la tecnologia e l’automazione nel Venus Project?

Meadows e Dinwiddie : per la prima volta nella storia, abbiamo gli strumenti e la tecnologia per guidare e plasmare la nostra evoluzione. A tal fine, il Venus Project sostiene l’uso umano e intelligente della tecnologia e dei metodi della scienza diretti al benessere di tutte le persone e dell’ambiente che sostiene tutta la vita.

A nostro avviso, la tecnologia e l’automazione dovrebbero essere utilizzate rigorosamente per il miglioramento sociale e per eliminare il lavoro ripetitivo, pericoloso e monotono. Se l’automazione sostituisce un lavoro, ad esempio, ciò significa che tutte le persone otterrebbero un maggiore accesso ai prodotti che quelle macchine producono. I beni di prima necessità sono distribuiti gratuitamente con l’obiettivo di estendersi a tutti i beni e servizi. Di conseguenza, non vi è alcuna minaccia derivante dal trasferimento di manodopera tecnologica. Al contrario, la tecnologia e l’automazione hanno il potenziale per migliorare il tenore di vita del mondo, consentendo alle persone di imparare, trascorrere del tempo con le loro famiglie, viaggiare e affrontare la nuova frontiera delle sfide per migliorare la resilienza del sistema nel suo complesso.

  1. Come immagina di utilizzare l’IA nel processo decisionale?

Meadows e Dinwiddie: L’applicazione dei metodi della scienza e della tecnologia (compresa l’IA) al funzionamento delle società mondiali porterà a un funzionamento dei sistemi di supporto sostanzialmente più affidabile di quello che abbiamo oggi. I senzatetto, la fame, la guerra e il degrado ambientale sono conseguenze degli approcci politici ed economici odierni al processo decisionale. Un’economia basata sulle risorse opera all’interno di un approccio di sistemi unificati che utilizza i metodi della scienza e dell’intelligenza artificiale per arrivare alle decisioni più appropriate in un dato momento. A differenza dell’attuale implementazione della tecnologia, questo nuovo approccio verrebbe eseguito con attenzione con la massima attenzione umana e ambientale. L’afflusso in tempo reale di dati quantitativi e qualitativi fornirebbe un feedback in tempo reale, consentendo all’umanità di osservare costantemente e migliorare continuamente il funzionamento del sistema nel tempo.

  1. Quali sono gli obiettivi futuri del Venus Project?

Meadows e Dinwiddie : Al momento, ci stiamo concentrando sulla formalizzazione e sulla sistematizzazione del corpo di lavoro del fondatore di The Venus Project, Jacque Fresco. In un’epoca che è gravemente carente di un approccio aggiornato alle attuali conoscenze e capacità, entriamo in un territorio inesplorato con i metodi della scienza per aiutarci. Questo è il lavoro cruciale che nessuno ha tentato fino ad ora.

A breve termine, ci concentriamo su un approccio sistemico per organizzare una comprensione olistica del mondo naturale e della cultura umana. Ciò implica la comprensione dell’economia e dei sistemi sociali umani nei più ampi contesti dei processi e degli ecosistemi della Terra e la comunicazione di questa comprensione attraverso libri, video, Internet, podcast, narrazione transmediale e programmi di studio.

A medio termine, miriamo a soddisfare il bisogno disperato di coordinamento strategico della consilienza sintetizzando la conoscenza del mondo accademico e il know-how dell’industria. Questa rete di intelligenza produrrà un’agenda di ricerca transdisciplinare, un programma di ricerca e una teoria globale del cambiamento. La costruzione di un nuovo centro di pianificazione funzionerà come un laboratorio vivente e un think tank dedicato alla progettazione del primo prototipo di città.

A lungo termine, The Venus Project spera di vedere la costruzione di nuovi prototipi di città allo scopo di testare l’ipotesi di una soluzione olistica di progettazione tecnica per un sistema sociale. Le iterazioni di questi prototipi formeranno una rete mondiale di città. Lo studio di queste città fungerà da base per una scienza della gestione della Terra, i cui modelli guidano l’allocazione intelligente delle risorse allo scopo di ottimizzare la civiltà per adattarsi ed evolversi in relazione con un’ecologia terrestre.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi