La società di sorveglianza del riconoscimento facciale Clearview AI ha accettato di vietare permanentemente alla maggior parte delle società private di utilizzare il suo servizio in base a un accordo giudiziario. L’accordo, depositato oggi presso il tribunale dell’Illinois , risolverebbe una causa dell’American Civil Liberties Union del 2020 secondo cui la società aveva costruito la sua attività sui dati di riconoscimento facciale acquisiti senza il consenso dell’utente. L’accordo formalizza le misure che Clearview aveva già adottato e protegge la società da ulteriori cause ACLU ai sensi del Biometric Information Privacy Act (BIPA) dell’Illinois.

Come parte dell’accordo, Clearview accetta un’ingiunzione permanente a livello nazionale che ne limiti la vendita (o la distribuzione gratuita) dell’accesso a un vasto database di fotografie di volti, molte delle quali originariamente raccolte da social network come Facebook. L’ingiunzione impedisce all’azienda di trattare con la maggior parte delle imprese private e degli individui a livello nazionale, compresi i dipendenti governativi che non agiscono per conto dei loro datori di lavoro. Inoltre, non può trattare con nessuno stato dell’Illinois o agenzia governativa locale per cinque anni. Oltre a tentare di rimuovere qualsiasi fotografia dei residenti dell’Illinois, deve mantenere un programma di opt-out per i residenti che desiderano bloccare qualsiasi ricerca utilizzando il proprio volto o impedire la raccolta delle loro fotografie.

CLEARVIEW HA TAGLIATO I CLIENTI PRIVATI ​​NEL 2020
Clearview può ancora lavorare con le agenzie federali e i dipartimenti di polizia locali, purché fuori dall’Illinois.

L’ACLU ha salutato l’insediamento come una vittoria. “Richiedendo a Clearview di conformarsi all’innovativa legge sulla privacy biometrica dell’Illinois non solo nello stato, ma in tutto il paese, questo accordo dimostra che forti leggi sulla privacy possono fornire una protezione reale contro gli abusi”, ha affermato il vicedirettore del progetto ACLU Speech, Privacy and Technology Project Nathan liberò Wessler. “Clearview non può più trattare gli identificatori biometrici univoci delle persone come una fonte di profitto illimitata. Altre società farebbero bene a prenderne nota e altri stati dovrebbero seguire l’esempio dell’Illinois nell’emanare forti leggi sulla privacy biometriche”.

L’Illinois è finora uno degli unici stati a emanare una legge biometrica sulla privacy, rendendolo un hub per gli attivisti che cercano di combattere gli strumenti di riconoscimento facciale che erodono la privacy. Meta, ex Facebook, ha accettato di pagare $ 650 milioni nell’ambito di un’azione collettiva BIPA l’anno scorso.

 
Clearview aveva già dichiarato nel 2020 che avrebbe smesso di lavorare con società private, tagliando un elenco che a un certo punto includeva Bank of America, Macy’s e Walmart. La società si è invece concentrata sulla collaborazione con migliaia di dipartimenti delle forze dell’ordine locali e agenzie federali come il Dipartimento di Giustizia, che lo hanno utilizzato in modo controverso sia per lavori di polizia generici che per eventi insoliti come la rivolta del Campidoglio del 6 gennaio 2021.

Questi contratti sono ancora consentiti al di fuori dell’Illinois in base all’accordo, sebbene Clearview non offrirà più l’accesso di prova gratuito ai singoli agenti di polizia all’insaputa dei dipartimenti. Ma la pratica deve affrontare l’opposizione di alcuni governi statali e locali, dove i legislatori hanno limitato l’uso da parte del governo di tutti i database di riconoscimento facciale, incluso quello di Clearview.
 
La nuova fotocamera di GoPro è strana: niente schermo, niente batteria e niente GPS. È fatto per un solo scopo e cioè i droni FPV. Naturalmente, abbiamo reclutato un pilota di droni FPV Reza per testare per noi le nuove GoPro Hero10 Black Bones.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi