Le forze di difesa israeliane rivelano la loro strategia di guerra dell’IA
L’IDF è stata in prima linea nell’utilizzo della tecnologia per migliorare il coordinamento tra le diverse unità schierate in varie linee del fronte.
 
Le forze di difesa israeliane hanno rivelato la loro fabbrica di dati di guerra AI e la loro strategia alla settimana dell’IA virtuale Blavatnik dell’Università di Tel Aviv. La velocità con cui una nuova arma può essere creata utilizzando i dati e l’IA è totalmente diversa rispetto a jet e sottomarini fisici, ha affermato il generale di brigata Aviad Dagan, direttore dell’amministrazione per la trasformazione digitale dell’IDF.

“I dati e l’IA possono effettivamente vincere guerre… non solo armi, jet fisici e sottomarini”, ha affermato.

L’ IDF è stata in prima linea nell’utilizzo della tecnologia per migliorare il coordinamento tra le diverse unità schierate in varie linee del fronte. L’IDF attualmente utilizza il networking digitale nel cloud tra tutte le forze, dal quartier generale ai centri di comando in prima linea alle truppe sul campo. L’esercito israeliano prevede di migliorare la sua architettura marginale costruendo mini-nuvole o reti per le sue armi e suddivisioni più piccole . Ciò consentirà alle unità di elaborare e ricevere dati a velocità più elevate rispetto alla rete attuale.

Un’ampia varietà di punti dati raccolti dal rilevamento sensoriale di un nemico fornirà all’IDF la capacità di valutare chi era il nemico, controllare le varie opzioni per rispondere alla minaccia, analizzare la quantità di carburante necessaria ai droni o ad altre unità- e quindi spedire rapidamente l’ordine di targeting più valido, ha detto Dagan.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi