AI e spam: come l’intelligenza artificiale protegge la tua casella di posta
 

Le conversazioni sull’IA spesso includono il suo ruolo nella prevenzione della sicurezza informatica. L’intelligenza artificiale è uno strumento potente e indispensabile per combattere le minacce informatiche, ma può anche setacciare le caselle di posta elettronica per eliminare lo spam. Molti utenti di Internet vedono lo spam come un’innocua distrazione visiva, ma può contenere anche rischi per la sicurezza. L’implementazione dell’intelligenza artificiale per combattere lo spam in entrata ridurrà il numero di caselle di posta e manterrà gli utenti al sicuro da minacce dannose.

In che modo l’intelligenza artificiale viene utilizzata per combattere lo spam?
Leader del settore come Google stanno lavorando a livello macro con la loro intelligenza artificiale per il filtraggio dello spam, TensorFlow. Ha lo scopo di bloccare lo spam ( oltre 100 milioni di messaggi al giorno ) prima che singoli malintenzionati possano violare aziende e individui presi di mira.

Lo spam è più di un semplice fastidio: crea rischi per la sicurezza e la privacy. L’intelligenza artificiale potenzia altre misure di sicurezza, come i firewall e il rilevamento di malware, per aiutare a prevenire le violazioni dei dati. Nel corso del tempo, tuttavia, le linee di difesa come un firewall possono deteriorarsi se gli utenti di posta elettronica ignorano l’aggiornamento del software . Il filtro antispam AI può integrare le misure di sicurezza aziendale poiché l’usura apre più lacune in un piano di gestione del rischio.

Ulteriori misure come il filtro antispam AI consentono agli analisti e ai team IT di eseguire la manutenzione. I dati entrano nelle caselle di posta a una velocità sempre maggiore. Lo spam a volte supera le e-mail pertinenti e spesso è troppo per la maggior parte degli umani da esaminare o avere il tempo di gestire. L’intelligenza artificiale allevia gli esseri umani dalla pressione in un clima digitale che opera a velocità oltre i nostri limiti di cognizione e benessere.

Quando l’intelligenza artificiale filtra lo spam, allevia più oneri tecnologici rispetto al fastidioso disordine della posta in arrivo. Per le aziende, il blocco o la categorizzazione di questi messaggi consente di risparmiare spazio di archiviazione della rete e denaro dalla designazione manuale dei dati in arrivo. 

Come filtra accuratamente lo spam?
L’apprendimento automatico informa l’IA quando analizza le e-mail in arrivo. Cerca le email che segnalano segnali di pericolo, come:

Indirizzi IP e URL dannosi
Parole chiave sospette
Allegati diffidenti o contenuti incorporati
Grammatica, sintassi e ortografia incoerenti, come l’uso di simboli e numeri come lettere
Uso eccessivo di caratteri speciali o emoji
Con un database di innumerevoli riferimenti, può esaminare il contenuto delle e-mail per attività sospette. La scansione può controllare i collegamenti per pagine di accesso false o verificare le firme rispetto ai database dei dipendenti. Più l’intelligenza artificiale analizza, più accurata diventa nell’etichettare le e-mail come spam, automatizzando processi una volta manuali come l’elenco e la lista nera.

L’intelligenza artificiale sfrutta diversi algoritmi di filtraggio per eseguire giudizi precisi sulla valutazione del contenuto e delle parole chiave:

Basato sulla somiglianza: i filtri confrontano le e-mail in arrivo con le e-mail preesistenti archiviate nei server. 
Basato su campioni: i modelli di e-mail di spam legittime e non legittime consentono all’intelligenza artificiale di valutare le nuove e-mail.
Adattivo: questo algoritmo reagisce nel tempo per regolare le categorie di dati. Suddivide in compartimenti e-mail separate e confronta il potenziale spam con queste categorie più specializzate.
Algoritmi più complessi renderanno l’IA più preparata durante i periodi turbolenti. Ad esempio, il contenuto dello spam cambia in base alle tendenze globali e agli eventi internazionali. Le e-mail di spam contenevano più informazioni false sulla salute durante la pandemia poiché la paranoia medica era ai massimi storici. Eventi come questi causano valori anomali nei set di dati di machine learning, ma possono essere addestrati a considerare queste fluttuazioni.

Quali evoluzioni possiamo aspettarci?
Il filtraggio è a rischio: l’intelligenza artificiale potrebbe attribuire accidentalmente e-mail sicure come non sicure o viceversa. Ad esempio, le e-mail dannose di spam o phishing spesso tentano di copiare o sfruttare le credenziali di strutture e mittenti di posta affidabili e familiari. Sebbene alcuni filtri antispam AI possano avvisare i destinatari quando bloccano una potenziale minaccia, alla fine l’IA lavorerà di più con gli analisti umani per cercare ulteriori input.

Il filtraggio dello spam richiederà regole per consentire all’intelligenza artificiale di indovinare se stessa. Attualmente, i sistemi di intelligenza artificiale potrebbero convalidare un’e-mail che sembra provenire da una fonte sicura, ma in realtà è spam inviato dall’algoritmo altamente qualificato di un hacker. Col tempo, il filtro antispam basato sull’intelligenza artificiale può diventare più in sintonia con le sfumature per eliminare i falsi positivi e identificare quando gli hacker utilizzano l’ingegneria sociale nelle loro distribuzioni di spam.

Il perfezionamento nell’elaborazione del linguaggio naturale (NLP) potrebbe valutare il contenuto delle e-mail di spam con una maggiore finezza. L’intelligenza artificiale che si affida alla PNL avanzata per filtrare parole chiave e frasi generiche prenderà in considerazione anche i vettori di parole. La programmazione di connessioni matematiche tra le parole consentirà ai sistemi di intelligenza artificiale di scansionare intenzioni e connotazioni nei contenuti scritti, trovando più collegamenti a rappresentazioni potenzialmente dannose dai dati storici di Internet.

Oltre a e-mail di filtraggio AI più competenti, integrerà programmi di formazione degli utenti migliorati, soprattutto sul posto di lavoro. Gli utenti di posta elettronica capiranno come classificare le e-mail, soprattutto quando la posta grigia ambigua e non categorizzata entra nelle caselle di posta. Seminari e corsi si evolveranno per coinvolgere più direttamente i partecipanti umani nella formazione dell’intelligenza artificiale per il filtraggio dello spam.

Il ruolo dell’intelligenza artificiale nell’organizzazione delle caselle di posta elettronica
Il filtro e-mail AI può gestire il malware in arrivo e proteggere gli utenti di posta elettronica dallo sviluppo di compiacimento per lo spam. Appaiono come e-mail scritte male con collegamenti innaturali, ma mettono a repentaglio i dati aziendali e personali.

L’utilizzo dell’intelligenza artificiale per mitigare lo spam riduce le violazioni causate da errori umani e il tempo dedicato alla formazione regolare, quando l’intelligenza artificiale può coprire la maggior parte della responsabilità. Con l’apprendimento automatico, l’IA non farà che aumentare la propria competenza, salvando le caselle di posta dallo spam quotidiano e dalle minacce non necessarie.

di  Zac Amos da unite.ai

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi