I più grandi metaversi di oggi, che includono Fortnite e Roblox, offrono ai marchi l’opportunità di pubblicizzare i propri prodotti in un modo che sarebbe irraggiungibile nel mondo reale.

Ad esempio, il marchio di skateboard Vans ha creato uno skatepark virtuale a Roblox che consente ai suoi giocatori di guadagnare punti che possono riscattare in un negozio virtuale per personalizzare i propri avatar. Questo parco, nel 2021, ha visto oltre 48 milioni di visitatori .

Nel frattempo, Gucci ha aperto un Gucci Garden sulla stessa piattaforma: un complemento virtuale all’esperienza del mondo reale che avevano precedentemente creato a Firenze, in Italia. Hanno anche rilasciato un paio esclusivo di sneakers digitali disegnate dal direttore creativo di Gucci Alessandro Michele, chiamate Gucci Virtual 25, che possono essere indossate in app partner come Roblox e VRChat.

Questi sono solo due esempi di come una piattaforma metaverse può consentire ai marchi di essere più creativi e di interagire con più persone di quanto sarebbero in grado di fare se fossero limitati al mondo reale.

Perché il metaverso è così redditizio per il marketing? 
In questo momento, poiché il marketing e la pubblicità nel metaverso sono così nuovi, i prezzi per eseguire una campagna sono ancora molto bassi. Ciò lo rende un’opzione redditizia per i marchi che desiderano rivolgersi al pubblico dei millennial e della generazione Z in un modo nuovo. 

La dimensione di un pubblico può anche aumentare in modo esponenziale quando sposti un’esperienza online. Oggi, ci sono circa 3,4 miliardi di giocatori online , di cui il 27% ha un’età compresa tra i 21 ei 30 anni. Inoltre, con la crescente popolarità degli NFT , è probabile che la domanda di oggetti da collezione digitali (come Gucci Virtual 25) aumenti continua a crescere. 

Un altro vantaggio del metaverso è che non limita le campagne di marketing alle leggi della fisica. Ad esempio, come il giardino della vita reale, anche il giardino virtuale di Gucci offre più stanze virtuali a tema che rendono omaggio alle vecchie campagne di Gucci, ma a differenza delle stanze di Firenze, queste stanze non sono sormontate da un soffitto ma sono invece aperte al cielo e circondato da boschi. 

Influencer marketing 
Si stima che entro il 2022 i marchi spenderanno fino a 15 milioni di dollari all’anno per il marketing degli influencer, alcuni dei quali dovrebbero essere spesi per gli influencer virtuali . 

Ad oggi, ci sono solo 150 influencer virtuali , ma è probabile che questo numero continui a crescere. Il sito di sconti di lusso online Yoox ha lanciato la sua influencer virtuale Daisy nel 2018 e l’ha presentata in campagne multimarca, indossando abiti di Calvin Klein e Tommy Hilfiger. Allo stesso modo, Puma ha lanciato l’influencer virtuale Maya per le sue campagne nel sud-est asiatico. 

Altri marchi utilizzano persone reali per i loro avatar: Dior ha creato un doppelganger digitale dell’attrice cinese Angelababy per partecipare al suo spettacolo pre-autunno a Shanghai. Allo stesso modo, una controfigura digitale delle top model Naomi Campbell e Kendall Jenner ha recitato nelle collezioni di monogrammi estivi TB di Burberry . 

I consumatori più giovani preferiscono i falò digitali 
Sebbene le sfide dei social media (come l’ASL Ice Bucket Challenge del 2014) catturino ancora gli occhi, il loro impatto è di breve durata nell’era delle tendenze di TikTok. È più probabile che i giovani di oggi siano influenzati da conversazioni che si svolgono su piattaforme più piccole e più intime come Roblox, forum Reddit e Discord. 

Queste piattaforme sono state coniate ” fuochi digitali ” da Harvard Business Review all’inizio del 2020 e potrebbero benissimo essere il futuro del marketing per il pubblico moderno. I dati hanno costantemente dimostrato che il pubblico più giovane si sta allontanando dai social network più grandi e consolidati come Instagram e Facebook verso piattaforme che offrono loro maggiore privacy e meno spazi di giudizio.  

Questa crescente riluttanza verso le tradizionali piattaforme di social media, oltre alla riduzione della capacità di attenzione e alla famigerata evasione del targeting degli annunci, ha reso più costoso raggiungere il proprio pubblico di destinazione e più importante per i marchi trovare un nuovo modo di connettersi con i clienti. I falò sono il veicolo ideale per creare relazioni intime con i consumatori e l’esperienza condivisa di mondi virtuali immersivi (metaversi) consente ai marchi di fare proprio questo. 

La pubblicità sensoriale potrebbe essere la via da seguire
La crescente avversione verso i social media è stata accompagnata da una crescente indifferenza nei confronti della pubblicità (soprattutto tra le popolazioni più giovani), con l’ 84% degli utenti di smartphone che saltano le pubblicità mentre sono in movimento. 

Mentre la maggior parte degli annunci pubblicitari oggi piace solo agli occhi e alle orecchie, è possibile che in futuro i marchi debbano fare appello a tutti e cinque i sensi per distinguersi. Per infiltrarsi nelle menti dei clienti, la stimolazione tattile della tecnologia aptica potrebbe essere la strada da percorrere. 

Il feedback aptico aumenterebbe il coinvolgimento dei consumatori simulando una presenza sociale in uno scambio tecnologico altrimenti impersonale. Anche in questo caso, una soluzione multiverso potrebbe essere la soluzione che i team di marketing della soluzione stanno cercando.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi