Home / Economia / Cosa dobbiamo sapere su NVIDIA e sulla partnership AI da 70 milioni di dollari con l’Università della Florida

Cosa dobbiamo sapere su NVIDIA e sulla partnership AI da 70 milioni di dollari con l’Università della Florida

Questa settimana l’Università della Florida e NVIDIA hanno presentato un’iniziativa di collaborazione in base alla quale le due hanno lanciato un piano per creare il supercomputer AI più veloce al mondo in ambito accademico, fornendo 700 petaflop di prestazioni AI.

L’ambizioso progetto avrà un valore di $ 70 milioni, che include una donazione di $ 25 milioni da parte dell’alunno dell’Università della Florida e del co-fondatore di NVIDIA Chris Malachowsky, e $ 25 milioni in hardware, software, formazione e servizi da NVIDIA. L’Università della Florida investirà 20 milioni di dollari in più per un supercalcolo e un data center incentrati sull’intelligenza artificiale.

“Abbiamo creato un modello replicabile e potente di collaborazione pubblico-privato a beneficio di tutti”, ha dichiarato Malachowsky, in un evento online che vede protagonisti sia UF che NVIDIA. Un distinto alunno di UF, Malachowsky ha ricoperto una serie di ruoli di leadership in NVIDIA sin dall’inizio. Non solo è stato un leader di NVIDIA, ma possiede anche quasi 40 brevetti e ha lavorato a lungo sulla progettazione e sulla metodologia dei circuiti integrati.

Il partenariato pubblico-privato da 70 milioni di dollari mira a rendere l’Università della Florida una delle università più significative incentrate sull’intelligenza artificiale negli Stati Uniti, con una ricerca accademica avanzata e anche risolvere alcune delle questioni più complesse dello stato. L’innovazione dell’IA in UF deve consumare molta potenza di elaborazione e NVIDIA lo realizzerà.

In collaborazione con NVIDIA, UF amplierà le capacità del suo attuale supercomputer, HiPerGator, con l’architettura NVIDIA DGX SuperPOD recentemente annunciata. Il supercomputer HiPerGator 3 di UF integrerà 140 NVIDIA DGX A100, abilitati da 1.120 GPU NVIDIA A100 Tensor Core combinate . Secondo UF, il nuovo sistema inizierà a funzionare all’inizio del 2021.

Si prevede che il progetto di collaborazione fornirà a docenti e studenti dell’UF gli strumenti per utilizzare l’intelligenza artificiale in numerose aree e per affrontare le principali sfide globali e statali in settori quali i cambiamenti climatici, l’assistenza sanitaria, la sicurezza dei dati, i trasporti sostenibili e la sicurezza alimentare. Secondo UF, stima di avere 30.000 laureati in IA entro il 2030.

Ad esempio, una delle aree su cui sta lavorando l’attuale panorama della ricerca riguarda COVID-19 e la pandemia virale, ed è qui che i supercomputer possono assumere un ruolo guida per aiutare i ricercatori a trovare soluzioni sanitarie migliori.

Secondo il CEO di NVIDIA Jensen Huang, la società tecnologica è entusiasta di contribuire a collaborare con UF per rendere l’università leader nella ricerca di intelligenza artificiale sfruttando le sue capacità hardware e software.

Di conseguenza, UF è la prima istituzione accademica negli Stati Uniti a ottenere i sistemi NVIDIA DGX A100 che sono l’architettura modulare del NVPIA DGX SuperPOD e alimentano la rapida implementazione e il ridimensionamento dell’infrastruttura AI.

I sistemi DGX A100 sono progettati per sfruttare al massimo queste capacità come un’unica piattaforma definita dal software. È una suite software che copre l’analisi dei dati, la formazione AI e l’accelerazione dell’inferenza e i sistemi di raccomandazione. Le sue capacità multimodali combinano suono, visione, linguaggio e comprensione contestuale del mondo che ci circonda.

Combinando più sistemi DGX, lo scorso anno NVIDIA ha lanciato il DGX SuperPOD che ha raggiunto le migliori prestazioni di classe 20 a una frazione del costo e della spesa energetica dei tipici supercomputer.

UF punta a diventare la prima università di intelligenza artificiale negli Stati Uniti


“La nostra visione è quella di diventare la prima università di intelligenza artificiale in America”, ha dichiarato il presidente dell’Università della Florida Kent Fuchs. L’università sta inoltre lavorando per collaborare con vari settori industriali e altri gruppi accademici, come l’Inclusive Engineering Consortium, i cui studenti lavoreranno con i membri dello staff di UF per svolgere attività di ricerca e fornire anche assunzioni a programmi di laurea UF.

L’Università della Florida è attualmente al settimo posto tra le università pubbliche in America, secondo un rapporto e mira a farla tra le prime cinque. Per diventare una delle migliori università di intelligenza artificiale nel paese, l’università si è impegnata a ricoprire 100 nuove posizioni di facoltà in IA e campi associati.

Il NVIDIA Deep Learning Institute collaborerà con UF alla creazione di un nuovo curriculum e corsi per studenti e altri studenti, compresa la programmazione, personalizzato per soddisfare le esigenze di giovani e adolescenti e motivare il loro interesse per gli studi STEM e l’IA. Per questo, UF diventerà il luogo del più recente centro tecnologico AI di NVIDIA, in cui UF Graduate Fellows e lo staff di NVIDIA lavoreranno insieme sull’intelligenza artificiale. Gli architetti della soluzione NVIDIA e gli ingegneri di prodotto installeranno anche risorse di supercalcolo nel campus, comprese tutte le più recenti applicazioni software AI.

Perché la partnership è importante per gli Stati Uniti

Man mano che le sfide che affrontano le comunità scientifiche e ingegneristiche diventano più complesse, diventa più importante la necessità di intelligenza artificiale e apprendimento automatico, sia per far avanzare le conoscenze scientifiche sia per gestire un ambiente tecnologico sempre più complesso. La nuova struttura di supercalcolo dell’Università della Florida è un’aggiunta importante all’ecosistema AI e fornirà ai ricercatori accademici l’accesso molto necessario alla potenza di calcolo che può aiutare a far avanzare la ricerca sull’intelligenza artificiale.

Gli esperti affermano che democratizzare l’accesso alle risorse in tutti i ricercatori e sviluppatori AI è un impegno infrastrutturale significativo. “Collaborando con NVIDIA, l’Università della Florida è in grado di utilizzare questa tecnologia all’avanguardia e migliorare l’istruzione e la formazione della prossima generazione di ricercatori, tecnologi e leader aziendali”, ha affermato Hodan Omaar, analista politico presso il Center for Data Innovation. “Questa partnership può e dovrebbe funzionare come modello di come università, governo e industria possano combinare i loro punti di forza per il vantaggio di tutti”, aggiunge Omaar.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi