Home / Economia / Perché l’innovazione aperta è un’idea così necessaria per le aziende tecnologiche

Perché l’innovazione aperta è un’idea così necessaria per le aziende tecnologiche


In una recente conversazione, John Laban ha dichiarato con entusiasmo che “OCP ha raggiunto un socket comune”. Stava parlando di OCP Accelerator Module (OAM), un sottoprogetto di Open Compute Project (OCP) che mira a specifiche comuni per i moduli di accelerazione di calcolo . Quando le aziende iniziano a costruire i propri acceleratori di intelligenza artificiale, diventa più difficile integrarli nei sistemi attuali e ritardare l’adozione. Immettere OAM, che è un fattore di forma del modulo mezzanine per l’integrazione di vari acceleratori di questo tipo.

Più sorprendente è l’elenco dei collaboratori del progetto che include artisti del calibro di Facebook, Microsoft, Baidu e altri che sono concorrenti tecnologici altrove ma hanno trovato un terreno comune nell’innovazione su questo e molti altri progetti OCP. Secondo John Laban, che è un portatore di torce del movimento open source in Europa e anche un amico, questo è il futuro.

Un artefatto eccezionale di tale movimento è lo Stack India, che è “una raccolta di utility software disponibili come API che aiuta le istituzioni in India a costruire un’esperienza digitale per oltre un miliardo di persone che lo abitano”. India Stack è stato possibile solo attraverso ampie consultazioni, discussioni e partecipazione da parte dell’industria e persino del governo.

Perché dovresti giocare a poker insieme a scacchi
Henry W. Chesbrough, professore di economia e pensatore di spicco nel campo dell’innovazione, ha coniato il termine “innovazione aperta”. Secondo lui, l’ innovazione aperta è un paradigma completamente nuovo in cui un’azienda o una società fanno pieno uso di idee e conoscenze esterne e interne e strategie di mercato per costruire la propria offerta tecnologica.

Quando il mondo è pieno di idee che sono distribuite in natura e i confini tra le imprese e il mercato sono molto sottili, sarebbe un errore presumere che solo la ricerca interna e l’innovazione offrirebbero vantaggi all’impresa. L’azienda dovrebbe fare di più e fare affidamento su processi e innovazioni esterne. Per farla breve, le aziende dovrebbero anche guardare a giocare a poker insieme a giocare a scacchi.

L’ex direttore della ricerca IBM, James McGroddy, lo mette nel modo seguente: “Quando stai indirizzando la tua tecnologia alla tua attività attuale, è come una partita a scacchi. In un nuovo mercato, devi pianificare la tua tecnologia in modo completamente diverso. Non stai più giocando a scacchi; ora stai giocando a poker. Non conosci tutte le informazioni in anticipo. Invece, devi decidere se spendere soldi extra per rimanere in gioco per vedere le carte successive.

Passare da chiuso a aperto innovazione
La maggior parte delle grandi aziende tecnologiche esegue ancora pratiche di innovazione chiuse e corre il rischio di non scoprire nuovi mercati e nuovi modelli di business. Nel 21 ° secolo, ogni organizzazione tecnica deve prepararsi con una strategia eseguibile per comprendere e utilizzare le conoscenze che si trovano al di fuori dell’azienda. Integrare più talenti non è l’unica soluzione. Ci sono sempre opportunità e strade di reciproco vantaggio in cui le aziende possono progettare programmi di incentivazione o pagare per accedere a conoscenze esterne.

Esperto della Global Data Analytics Company per creare 2500 posti di lavoro in India

In un mondo in cui molte organizzazioni stanno cercando di incorporare conoscenze e processi esterni nelle loro società, emerge anche la necessità di giocatori che agiscono come importanti aggregatori di talenti e conoscenze. I centri e le aziende di innovazione aperti intermedi possono curare, gestire e gestire i centri di innovazione e aiutare le aziende ad accedervi in ​​modo continuo. Umesh Uttamchandani sta lavorando a un’iniziativa così ambiziosa, chiamata DevX Innovent . Umesh è Chief Growth Officer di Devx Workspaces, una delle società di coworking in più rapida crescita nell’Asia meridionale e ha deciso di diventare un leader nei servizi di innovazione aperti sfruttando l’infrastruttura fisica.

Dice: “Siamo in missione per stabilire opportunità di co-creazione che fungano da booster per entrambi gli innovatori al di fuori della società e della società. Abbiamo in programma di farlo istituendo laboratori IoT / AI avanzati in tutta l’India e in particolare le città di livello II in India. Questi centri diventeranno un braccio esteso di ricerca e sviluppo per le imprese. “

Ci saranno enormi opportunità sbloccate quando le società si apriranno e innoveranno il modo in cui sono progettate le loro stesse pratiche di innovazione. Henry W. Chesbrough ha un modo semplice di pensare all’innovazione aperta quando afferma nel suo libro: “La presenza di molte persone intelligenti al di fuori della tua azienda non è semplicemente un problema per te o un fatto della vita di cui pentirti. Ti rappresenta un’opportunità. “

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi