Cosa significa lo sciame di nuovi annunci di Azure

Questa settimana in Microsoft Ignite, una serie di nuovi sviluppi per Azure erano al centro dell’attenzione. Sebbene siano stati eseguiti dozzine di aggiornamenti per il secondo cloud pubblico più grande al mondo, i dati sono stati ancora una volta sotto i riflettori. L’azienda ha fatto una serie di annunci per consentire agli utenti di estrarre più valore dall’aumento esponenziale dei dati.

Satya Nadella, nel suo intervento su Ignite, ha fornito una nuova direzione visionaria, o almeno un nuovo modo di esprimere gli sforzi dell’azienda nel cloud. Questi nuovi focus coniati includevano:

In breve, il cloud Microsoft si sta evolvendo per abbracciare ulteriormente edge, privacy, sicurezza, intelligenza artificiale e sviluppatori (sia programmatori che non programmatori) e per fungere da motore per la creazione di posti di lavoro.

In superficie, questo cambiamento sembra sottile. In realtà, raggiungere queste ambizioni richiede un toolbox edge-to-cloud in grado di dare vita ai dati su scala quasi illimitata. Microsoft ha adottato misure per soddisfare queste esigenze con annunci chiave su Azure Arc, Azure Synapse, Azure Percept , Azure Purview e Azure Cognitive Search, tra una serie di altri annunci.

Azure Percept. Azure Percept è progettato per consentire ai clienti di usare modelli Azure AI predefiniti per il rilevamento di oggetti, l’analisi degli scaffali, il rilevamento di anomalie, l’individuazione di parole chiave e altre funzioni perimetrali. La piattaforma Percept verrà fornita come un kit di sviluppo completamente contenuto con la fotocamera intelligente Azure Percept Vision, una scheda di supporto e strumenti di montaggio. Poiché l’edge continua a diventare la posizione preminente per la creazione di dati, sarà fondamentale per le organizzazioni essere in grado di sviluppare e scalare le applicazioni edge.

Azure Arc. Per chi non ha familiarità, Azure Arc è una suite di tecnologie progettate per semplificare la gestione, accelerare lo sviluppo di app e fornire servizi Azure coerenti in ambienti multi-cloud, on-premise ed edge. Questa settimana in occasione di Ignite, Microsoft ha annunciato che sta aggiornando Arc per eseguire app su data center locali, più cloud (incluso AWS) e dispositivi edge. Una grande notizia è stata che il machine learning abilitato per Azure Arc è ora in anteprima. Questo miglioramento colma una lacuna significativa che consentirà agli utenti di distribuire Azure ML per coinvolgere qualsiasi cluster Kubernetes per l’addestramento del modello, indipendentemente da dove si trovano i dati.

Azure Synapse. Synapse è un servizio di analisi che riunisce integrazione dei dati, data warehousing aziendale e analisi dei big data attraverso un’esperienza unificata che consente l’acquisizione, l’esplorazione, la preparazione, la gestione e il servizio dati per soddisfare i requisiti di ML e BI aziendali. Sotto l’ombrello di Synapse, l’azienda ha implementato alcuni nuovi dati vitali e servizi di migrazione.

Synapse Link. Microsoft ha annunciato che Azure Synapse Link per Azure Cosmos DB e il supporto del server v4.0 nell’API di Azure Cosmos DB per MongoDB sono entrambi generalmente disponibili. Sebbene questi servizi siano un boccone, servono a uno scopo essenziale abbattendo un’importante barriera tra OLTP (elaborazione transazionale online) e OLAP (elaborazione analitica online) tramite il collegamento di Azure Cosmos DB ad Azure Synapse. In termini più semplici, questo strumento consente l’analisi nativa del cloud e quasi in tempo reale sui dati NoSQL in Azure Cosmos DB, incluso il supporto per MongoDB.

Percorso delle sinapsi. Pathway è uno strumento progettato per accelerare la migrazione da data warehouse legacy e / o cloud ad Azure Synapse Analytics. Esegue la scansione dei sistemi di origine e traduce automaticamente gli script esistenti in TSQL rapidamente (fino a centinaia di migliaia di righe al minuto). Microsoft vede questo strumento come un abilitatore per supportare e semplificare le migrazioni dei clienti da Snowflake, Netezza, AWS Redshift, Teradata, SQL Server e Google BigQuery.

Ricerca cognitiva di Azure. Cognitive Search è un servizio di ricerca nel cloud basato sull’intelligenza artificiale per lo sviluppo di app mobili e web. Una delle funzionalità che ho trovato importanti era che Azure ricerca cognitiva include funzionalità di ricerca semantica in modo che le organizzazioni possano fornire risultati di ricerca in base all’intento dell’utente, come il linguaggio naturale e la corrispondenza dei concetti, anziché solo le parole chiave immesse. Credo che ne vedremo molto di più in futuro.

Azure Migrate. Proprio come sembra, Azure Migrate è un set di strumenti e funzionalità per semplificare la migrazione dei carichi di lavoro da locali o altri cloud ad Azure. A Ignite, Microsoft ha annunciato nuove funzionalità in anteprima per semplificare le migrazioni SQL di Azure. Con questi aggiornamenti, gli utenti possono individuare e valutare database e server SQL per la migrazione di Azure dall’interno di Azure Migrate. Un aggiornamento che ha attirato la mia attenzione è stato un nuovo strumento di containerizzazione delle app con supporto per ASP.NET e app Web Java per aiutare i clienti a migrare le app in contenitori in esecuzione su Azure Kubernetes Service (AKS). Interessante anche un nuovo modulo Azure PowerShell che supporta il metodo agentless dello strumento di migrazione del server per rendere meno complicata la migrazione delle VM VMware ad Azure.

Azure Purview.Purview è un servizio di governance dei dati unificato meno evidenziato ma essenziale che aiuta le organizzazioni a gestire e governare i dati on-premise, multi-cloud e SaaS (Software-as-a-Service) per costruire una mappatura aggiornata dei dati aziendali panorama con rilevamento automatico dei dati, classificazione dei dati sensibili e derivazione dei dati end-to-end. Man mano che continuiamo a sentire parlare dell’importanza della conformità e della governance, queste capacità vedranno aumentare la domanda. Le funzionalità appena annunciate sono ora in anteprima; includono la scansione automatica e la classificazione dei dati in Amazon AWS Simple Storage Services (S3), SAP ECC, SAP S4 / HANA e Oracle Database. Questi servizi consentiranno alle organizzazioni di utenti di analizzare e classificare i dati in numerosi archivi dati locali con Azure Purview Data Map per soddisfare i requisiti di governance dei dati in modo più efficiente.

Cosa significa tutto questo
Come previsto, gli annunci su Azure sono stati rapidi e furiosi all’evento virtuale Ignite di quest’anno. Sembrava simile a AWS re: Invent, con gli annunci a fuoco rapido che rimbalzavano tra infrastruttura, dati, edge / IoT, piattaforma, servizi e software, il che ha senso data la rivalità delle due società per la leadership nello spazio cloud. Gli annunci di Ignite di Microsoft hanno risolto con successo le principali lacune nelle capacità dell’azienda, mettendo al contempo l’azienda in linea con la visione in evoluzione di Nadella per il cloud Microsoft. La chiave, come sempre, è mettere insieme le complessità tecniche, con i risultati di business desiderati – e l’azienda sembrava riuscirci.

Questi annunci mostrano che Microsoft continua a fornire ai clienti aziendali il set completo di funzionalità di cui hanno bisogno. Ciò significa: più ibrido, più multi-cloud, più dipendente dai dati e, naturalmente, tutto questo con maggiore velocità e minore attrito. Ciò che è evidente dagli annunci è che Microsoft sta puntando molto sulla proliferazione dei dati e sulle loro complessità per espandere i suoi servizi e rendere più facile per le aziende costruire, migrare e scalare attorno ad Azure. È anche sempre più evidente, per Azure e praticamente per tutti i provider di servizi cloud, che i dati e il posizionamento del carico di lavoro continueranno a essere temporanei. Disporre di strumenti e servizi per supportare i dati indipendentemente dalla loro residenza sarà fondamentale per la crescita.

È anche importante notare che la concorrenza continuerà ad essere significativa per Microsoft. In particolare da AWS, che dispone di un ampio set di strumenti per edge, migrazione, governance, ibrido / multi e AI / ML. Questo è il punto focale del panorama cloud competitivo. Altri fornitori di cloud, tra cui Oracle, IBM e Google, hanno tutti forti ambizioni di crescita e continuano a maturare servizi e istanze per attirare una crescente domanda di cloud e gestire il ritmo e il volume senza precedenti della creazione di dati.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi