Un’intelligenza artificiale che discute un caso in tribunale potrebbe sembrare una scena di un film di fantascienza, ma è più vicina alla realtà che mai. Il consulente legale basato sull’intelligenza artificiale di DoNotPay, una società di tecnologia legale con sede negli Stati Uniti, farà il suo debutto in un vero caso giudiziario per la prima volta.

Il fondatore di DoNotPay, Joshua Browder, si è rivolto a Twitter per negare che “pagherà a qualsiasi avvocato 1.000.000 di dollari con un caso imminente davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti per indossare AirPods e lasciare che il nostro avvocato robot sostenga il caso ripetendo esattamente quello che dice”. Il recente sviluppo è intrigante perché potrebbe aprire la porta a un uso più ampio dell’IA nel sistema giudiziario e possibilmente, un giorno, sostituire gli avvocati. 

Queste affermazioni, al giorno d’oggi, potrebbero sembrare un po’ inverosimili; tuttavia, la tecnologia si sta evolvendo così velocemente che la possibilità non può essere annullata. 

 
In che modo l’IA può combattere i casi?
Caso in questione: il consulente legale basato sull’intelligenza artificiale di DoNotPay è pronto per assistere una persona accusata di una multa per eccesso di velocità. Quindi, come sarà fatto? La persona in questione si rappresenterà in tribunale; tuttavia, sarà connesso con il consulente AI al telefono, con i suoi auricolari. L’intelligenza artificiale, soprannominata il “primo avvocato robot al mondo” , istruirà l’imputato attraverso il suo auricolare su cosa dire per evitare le conseguenze di un’accusa per eccesso di velocità. 

Nella maggior parte delle giurisdizioni in tutto il mondo, la connessione a un computer o a un dispositivo intelligente non sarebbe consentita in un tribunale; tuttavia, la società di tecnologia legale ha trovato un modo per aggirare il problema. La giurisdizione in cui il caso sarà discusso non è stata ancora resa nota, ma l’imputato potrà utilizzare il suo auricolare come apparecchio acustico.

Il caso è una specie di processo, secondo Browder. La società ha inoltre accettato di coprire tutte le spese per l’imputato, comprese le sanzioni pecuniarie se imposte dal tribunale. Inoltre, Browder sta testando il suo consulente AI in un altro caso di multa per eccesso di velocità che si svolgerà sulla piattaforma di videoconferenza Zoom. 

Entra in gioco GPT-3
DoNotPay ha creato il suo consulente AI sfruttando l’architettura GPT-3 di OpenAI. Secondo Browder, l’intelligenza artificiale è stata addestrata ad attenersi ai fatti invece di fare un argomento plausibile per vincere la causa. “Stiamo cercando di ridurre al minimo la nostra responsabilità legale, e non va bene se in realtà distorce i fatti ed è troppo manipolativo”, ha detto a New Scientist. 

Ha inoltre rivelato che la sua azienda ha impiegato molto tempo per addestrare l’intelligenza artificiale sulla grande quantità di giurisprudenza necessaria per renderla utile.

L’intelligenza artificiale può davvero sostituire gli avvocati?
Ora, con l’avvento di ChatGPT, sono in corso dibattiti sul fatto che l’intelligenza artificiale sostituirà autori di contenuti, sviluppatori e persino avvocati. In un documento intitolato ” GPT Takes the Bar Exam “, i ricercatori documentano la loro valutazione sperimentale delle prestazioni di GPT-3.5, nella sezione a scelta multipla multistato (MBE) dell’esame di avvocato degli Stati Uniti.

“Sebbene la nostra capacità di interpretare questi risultati sia limitata dalla nascente comprensione scientifica degli LLM e dalla natura proprietaria di GPT, riteniamo che questi risultati suggeriscano fortemente che un LLM supererà la componente MBE dell’esame di avvocato nel prossimo futuro”, i ricercatori concludere.

Tuttavia, Matthew Miner, un avvocato associato presso Allen & Korkowski & Associates, incuriosito dal documento ha deciso di testare ChatGPT sullo stesso argomento. In un post sul blog , ha concluso, “Affidarsi a GPT sarebbe ovviamente negligenza, e non sono preoccupato per questo cambiamento presto. Credo che, almeno per il prossimo futuro, il mio lavoro sia molto sicuro e probabilmente rimarrà senza LLM.”

Inoltre, ci sono molti aspetti etici da considerare prima che un’intelligenza artificiale possa potenzialmente sostituire gli avvocati in un tribunale. L’uso dell’intelligenza artificiale potrebbe anche portare a molti pregiudizi che si insinuano nel sistema giudiziario.

Lo scorso anno il Vidhi Center for Legal Policy, un think tank indipendente, ha pubblicato un documento di ricerca in cui sottolineava che l’integrazione dell’intelligenza artificiale nel sistema giudiziario richiede un quadro legale, normativo ed etico completo per stabilire la fiducia in queste tecnologie.

Tuttavia, se la visione di Browder sarà soddisfatta, la sua intelligenza artificiale sostituirà gli avvocati, specialmente nei tribunali inferiori. “Molti avvocati fanno pagare troppi soldi per copiare e incollare documenti, e penso che saranno sicuramente sostituiti, e dovrebbero essere sostituiti”, ha affermato. 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi