Home / Economia / Facebook Oculus Quest e la pubblicità sui visori VR

Facebook Oculus Quest e la pubblicità sui visori VR

Tre grandi domande sui nuovi annunci VR di Facebook 

Ieri Facebook ha fatto un salto che molte persone prevedevano da anni: ha iniziato a inserire annunci all’interno della realtà virtuale . La società ha lanciato un test limitato di annunci pubblicitari all’interno di tre app Oculus Quest, affermando che avrebbe ampliato il sistema in base al feedback degli utenti. La mossa è un punto di svolta per Oculus, portando una delle caratteristiche più controverse di Facebook in un mezzo che ispira sia l’idealismo che l’allarme. E solleva tre grandi domande sul futuro di Facebook e sull’informatica immersiva.

La prima domanda è fino a che punto Facebook finirà per collegare la pubblicità ai dati dei sensori hardware. Ancor più degli smartphone, i visori Oculus Quest sono una miniera d’oro di informazioni su di te. Catturano movimenti precisi della testa e della mano, immagini dell’ambiente circostante tramite telecamere di localizzazione e audio del microfono per il sistema di comando vocale di Facebook. I futuri visori probabilmente includeranno funzionalità ancora più intime come il tracciamento oculare, che offrirebbe metriche incredibilmente precise su ciò che cattura la tua attenzione in VR.

In questo momento, Facebook afferma che molti di questi dati non lasciano mai il visore o sono completamente segmentati dal suo sistema pubblicitario e afferma che “non ha piani” per fare cose come annunci mirati basati sui dati di movimento. Ma man mano che Facebook si sposta più in profondità nella realtà virtuale e aumentata, l’utilizzo delle funzionalità speciali del suo hardware per la pubblicità diventerà una prospettiva sempre più attraente.

L’INFORMATICA IMMERSIVA È UNA MINIERA D’ORO DI DATI INTIMI
Secondo quanto riferito, Facebook sta lavorando su un fitness tracker e ha discusso della creazione di occhiali AR che utilizzerai per interagire con il mondo. Questi prodotti sono costruiti su misura per produrre informazioni quantificabili sul tuo corpo e sull’ambiente circostante, ed è difficile credere che Facebook non abbia intenzione di monetizzare questo, anche se il capo di Facebook Reality Labs Andrew Bosworth ha affermato che l’azienda “non è davvero concentrata sul business modello” per l’hardware sperimentale. Oculus è il primo grande banco di prova di Facebook per la pubblicità sul proprio dispositivo informatico e, poiché espande gli annunci su VR e altro hardware, vedremo come gestisce la ricchezza di nuovi tipi di dati che sta raccogliendo.


La seconda domanda è come gli annunci influenzeranno lo sviluppo della realtà virtuale. Molti dei titoli VR più venduti in questo momento sembrano veri giochi per console o PC e si vendono a un prezzo simile. Al contrario, non è ancora chiaro quali generi di app funzionino bene con un modello basato sugli annunci. ( Blaston , il primo gioco che sappiamo include annunci pubblicitari, è un gioco di duello multiplayer a cui giochi in brevi periodi competitivi.) Qualunque siano questi generi, Facebook ha appena creato un incentivo a crearne molti di più, dal momento che gli sviluppatori ottengono una parte del entrate coinvolte.

È facile immaginare scenari distopici come un’enorme libreria di giochi e app social che attirano l’attenzione ma di bassa qualità tappezzati di pop-up, o l’inferno aziendale che provoca crisi di Ready Player One . Non aiuta che i primi test di Facebook assomiglino a banner pubblicitari piatti da un sito Web o da un gioco freeware. Detto questo, Facebook è notoriamente pignolo su ciò che va nella libreria Quest e non ci sono indicazioni che cambierà presto.

Inoltre, non conosciamo la forma finale della pubblicità VR. Facebook afferma che attualmente sta esplorando “nuovi formati di annunci esclusivi della realtà virtuale”. Non ha specificato che aspetto avesse, ma per una piattaforma pubblicitaria non tradizionale, potremmo guardare Fortnite : un popolare mondo virtuale di uno studio con un pedigree di gioco impeccabile e uno dei sistemi di distribuzione degli annunci più efficaci nel panorama culturale moderno . (Un sistema in cui i giocatori pagano per promuovere la proprietà intellettuale dei conglomerati dei media multinazionali è forse anche distopico, ma in un certo senso la maggior parte delle persone sembra a posto.) I moderni visori VR per i consumatori sono stati pieni di pubblicità fin dall’inizio, grazie al legame promozionale- ins e sponsorizzazioni. La notizia di ieri era solo l’ultima iterazione di una tendenza di lunga data.

CHE ASPETTO HA UNA BUONA APP VR SUPPORTATA DA PUBBLICITÀ?
Questa iterazione, tuttavia, ha una grande ruga a forma di Facebook. Gli annunci Quest vengono pubblicati in base ai dati del tuo profilo Facebook e l’iper-personalizzazione di Facebook è una delle sue caratteristiche più controverse, criticata in generale come strumento per la divisione sociale e più specificamente per consentire la discriminazione . Al di là di qualsiasi effetto sociale più ampio, se condividi un auricolare con amici e familiari, potrebbe sembrare semplicemente invasivo che vedano cosa pensa Facebook che ti piace. Puoi aggiungere più account a un visore Quest, ma la funzione è sperimentale e non è chiaro quanti utenti ne siano a conoscenza.

E questo solleva la terza domanda: in che modo Facebook e i suoi critici affronteranno le preoccupazioni generali sulla “Big Tech” nel regno della realtà virtuale? Facebook, ad esempio, dovrebbe vietare la visualizzazione di tipi specifici di annunci o metodi di pubblicazione degli annunci nelle cuffie? E i cani da guardia per la protezione dei consumatori dovrebbero esaminare specificamente come funzionano gli annunci all’interno della piattaforma Oculus, che hanno in gran parte ignorato durante il controllo di Facebook?

Non è stato difficile vedere arrivare questi dibattiti. Sono anni che Facebook desidera possedere la prossima piattaforma informatica e la sua visione dell’informatica si basa molto sulla pubblicità. Il fondatore di Oculus, Palmer Luckey, una volta ha promesso che Oculus non avrebbe “mostrato annunci pubblicitari” all’interno della realtà virtuale, ma lui (insieme agli altri primi dirigenti di Oculus) ha lasciato l’azienda anni fa. Bosworth ha affermato nel 2015 che l’esperienza di Oculus “dovrebbe includere pubblicità, perché la vita include pubblicità”.

Ma Facebook afferma che non sta solo andando avanti con un piano generale di lunga data, ma promette che sta esaminando il feedback mentre avanza con la pubblicità VR. Man mano che la realtà virtuale si avvicina al core business di Facebook, gli utenti e gli sviluppatori di Quest potranno vedere se l’azienda mantiene questa promessa.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi