Home / APP Ai / Generated Photos ha realizzato 2.686.238 foto generate dall’intelligenza artificiale disponibili gratuitamente,

Generated Photos ha realizzato 2.686.238 foto generate dall’intelligenza artificiale disponibili gratuitamente,

2,6 milioni di volti falsi: le persone generate dall’intelligenza artificiale potrebbero essere il futuro del metaverso, delle celebrità e forse … di tutti noi

Se Generated Photos continua a creare milioni di persone false, potrebbero ricevere notizie dal sindacato delle modelle. Ma l’azienda di intelligenza artificiale potrebbe anche inventare il futuro del modo in cui interagiamo online nel metaverso.

E gli avatar virtuali dell’azienda potrebbero effettivamente essere i migliori amici di modelli umani reali.

“Usiamo l’apprendimento automatico per addestrare in realtà, fondamentalmente, quello che viene chiamato un GAN – o rete di antagonismo generativo – su un enorme set di dati di addestramento, e in questo momento sono volti umani” , mi ha detto di recente Tyler Lastovich, che guida la strategia di Generated Photos Podcast TechFirst . “Possiamo attraversare e creare milioni e milioni di persone, essenzialmente, che non sono mai esistite, che sono irreali”.

Attualmente la società ha realizzato 2.686.238 foto generate dall’intelligenza artificiale disponibili gratuitamente, più molte altre per i clienti. Ma c’è un’intera industria di esseri umani sintetici.

Gli influencer sintetici come Lil Miquela hanno milioni di follower e hanno guadagnato milioni di dollari per le aziende che li creano: studi che non si limitano a firmare delle star, ma le inventano e, essenzialmente, le possiedono. Il media del governo cinese Xinhua ha un lettore di notizie virtuale che non ha una mente propria, e Fable Studio o Virtual Humans creeranno e gestiranno un personaggio sintetico o un influencer per qualsiasi marchio che ne voglia uno.


Questo non è esattamente il business delle foto generate: l’azienda conta come clienti sviluppatori di giochi che popolano i loro universi con personaggi, società di software che hanno bisogno di avatar, designer e chiunque altro abbia bisogno di “persone” ma non può usare foto reali.

Un uso sgradevole ma necessario: funzionari delle forze dell’ordine che lavorano per catturare predatori sessuali che abusano di minori. Nessun genitore, ovviamente, vuole che la somiglianza del proprio figlio sia usata come modello o immagine del profilo per qualcosa del genere.

È interessante notare che i modelli stessi costituiscono una fetta dell’industria delle somiglianze sintetiche, afferma Lastovich.

“Penso che la maggior parte dei modelli oggi abbia qualche componente sintetico, sia che siano photoshoppati o modificati o qualcosa del genere”, mi ha detto. “Penso che quello che vedremo nei prossimi cinque o dieci anni sarà davvero una sorta di incrocio tra il mondo reale e il mondo virtuale. Quindi, i modelli probabilmente non esisteranno singolarmente solo reali o digitali. Penso che questi si fonderanno insieme. “

Altri modelli potrebbero cercare una quasi replica sotto il proprio controllo o versioni virtuali in grado di moltiplicare il loro potenziale di guadagno.

È qualcosa su cui sta lavorando anche Reface.ai , costruendo una piattaforma in cui Michael Jordan potrebbe venderti personalmente le ultime Nike in video interattivo dal vivo. Oppure Morgan Freeman potrebbe essere il tuo nuovo Siri, Assistente Google, Alexa o Cortana. Non solo con la voce, ma con una faccia e un corpo.

Ma non sono solo modelli.

Tu ed io potremmo essere proprietari dei nostri avatar generati in pochi anni.

La telepresentazione diventerà sempre più importante nei prossimi anni, poiché ci connettiamo, ci incontriamo e impariamo in spazi virtuali .

“Tutti vorranno avere una personalizzazione molto profonda della loro somiglianza e di come sono rappresentati nel loro tipo di secondo mondo, seconda vita”, dice Lastovich. “Stiamo assistendo a grandi progressi nell’elaborazione del linguaggio naturale e nel testo … ci sono tutti i tipi di modelli di rigging e cose che possono proiettare le nostre immagini, diciamo, sopra una faccia 3D, e quella faccia può quindi parlare o cose del genere . E così, unire tutte queste tecnologie insieme ti darà interazioni davvero, davvero profonde che hanno il fotorealismo “.

In definitiva, ciò significa che anche i nostri assistenti digitali avranno volti e corpi. Che aspetto ha Siri? Alexa? L’Assistente Google? Probabilmente, qualunque cosa noi vogliamo che assomiglino.

E significa che avremo anche intrattenimento personalizzato.

“Sarai in grado di avere video Netflix generati proceduralmente per abbinare i tuoi dati demografici o annunci molto mirati”, afferma Lastovich. “Tutto questo tipo di cose sta sicuramente uscendo dalla pipeline più velocemente di quanto penso le persone si rendano conto.”

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi