Home / Società / Google scioglie il comitato etico sull’Intelligenza Artificiale solo una settimana dopo la sua formazione

Google scioglie il comitato etico sull’Intelligenza Artificiale solo una settimana dopo la sua formazione

Google ha rivelato di aver sciolto un comitato consultivo esterno di breve durata, progettato per monitorare il suo utilizzo dell’intelligenza artificiale, dopo una settimana di controversie riguardanti la selezione dei membri della società. La decisione, riportata per la prima volta da Vox , è in gran parte dovuta alla protesta dell’inclusione del presidente della Heritage Foundation Kay Coles James, una nota figura conservatrice che ha apertamente esposto la retorica anti-LGBTQ e, attraverso la Heritage Foundation, ha combattuto gli sforzi per estendere i diritti alle persone transgender e alla lotta contro il cambiamento climatico.

Il comitato consultivo, chiamato Consiglio consultivo esterno per la tecnologia avanzata (ATEAC), ha incluso un certo numero di accademici di spicco in campi che vanno dall’IA e dalla filosofia alla psicologia e alla robotica. Ma includeva anche quelli con precedenti politici, come James e membri delle precedenti amministrazioni presidenziali statunitensi.

IL COMITATO CONSULTIVO DI GOOGLE HA SUBITO UN CONTRACCOLPO DAL MOMENTO IN CUI È STATO ANNUNCIATO
L’obiettivo era apparentemente quello di informare il lavoro di Google sulla IA e di assicurarsi che seguisse i suoi principi di intelligenza artificiale, stabiliti lo scorso anno dall’amministratore delegato Sundar Pichai dopo le rivelazioni che la società stava partecipando a un progetto di droni del Pentagono che utilizzava la ricerca sull’apprendimento automatico della compagnia. Da allora Google ha detto che smetterà di lavorare al progetto e si è impegnato a non sviluppare mai armi artificiali o a lavorare su alcun progetto o applicazione di IA che viola le “norme accettate a livello internazionale” o “principi ampiamente accettati del diritto internazionale e dei diritti umani”.

“È diventato chiaro che nell’attuale ambiente, ATEAC non può funzionare come volevamo”, ha detto a The Verge un portavoce di Google . “Quindi finiamo il consiglio e torniamo al tavolo da disegno. Continueremo a essere responsabili nel nostro lavoro sulle questioni importanti sollevate da AI e troverà diversi modi per ottenere opinioni esterne su questi argomenti “.

Il problema con l’etica dell’IA
Il trucco del consiglio di amministrazione ha subito un violento contraccolpo lo stesso giorno in cui è stato annunciato, e quella reazione si è intensificata solo all’interno e all’esterno dell’azienda nei giorni successivi . Google non ha fornito informazioni su come ha scelto i suoi membri. Ma la decisione potrebbe essere stata influenzata dal desiderio di placare i legislatori repubblicani e di favorire il favore in caso di regolamentazione sulla ricerca e la sua applicazione in prodotti e servizi reali.

La pressione su Google, che doveva ancora rispondere al contraccolpo iniziale, si è protratta lo scorso fine settimana quando il professor Alessandro Acquisti di Carnegie Mellon si è dimesso sabato scrivendo su Twitter , “Mentre mi dedico alla ricerca alle prese con questioni etiche chiave di equità, diritti e inclusione nell’intelligenza artificiale, non credo che questo sia il forum giusto per me per impegnarmi in questo importante lavoro. “All’inizio di questa settimana, migliaia di googler avevano firmato una petizione per chiedere la rimozione di James dal tabellone .

Lo scioglimento del consiglio è un’altra vittoria per i dipendenti di Google. Negli ultimi due anni, dal licenziamento di James Damore , i membri del gigante della ricerca hanno organizzato sforzi di successo all’interno dell’azienda per attuare un cambiamento nel trattamento delle donne dipendenti, politiche e pratiche sleali e sfruttatrici come l’arbitrato forzato e il lavoro a contratto , e partecipazione a programmi governativi relativi alla difesa. Il walkout di Google dello scorso anno , che ha visto oltre 20.000 dipendenti protestare contro il modo in cui la società protegge i dipendenti di sesso maschile che molestano sessualmente le colleghe, ha portato a un’espansione dell’attivismo dei dipendenti. Ora, la leadership di Google tende ad affrontare una sostanziale azione collettiva attorno a qualsiasi argomento chiave in cui la società si trova coinvolta.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi