Home / curiosità / Google sta utilizzando l’intelligenza artificiale per aiutare il New York Times a digitalizzare 5 milioni di foto storiche del suo archivio cartaceo

Google sta utilizzando l’intelligenza artificiale per aiutare il New York Times a digitalizzare 5 milioni di foto storiche del suo archivio cartaceo

‘Una volta che le immagini sono state digitalizzate, tutto ciò che è vecchio è di nuovo “nuovo”

Il New York Times non tiene i cadaveri nel suo “obitorio” – conserva le immagini. In un seminterrato sotto l’ufficio di Times Square, stipato in armadi e cassetti, il Times immagazzina tra 5 milioni e 7 milioni di immagini, insieme a informazioni su quando sono state pubblicate e perché. Ora, il documento sta lavorando con Google per digitalizzare la sua vasta collezione.

L’obitorio (come è noto l’area di stoccaggio del seminterrato) contiene immagini risalenti al 19 ° secolo, molte delle quali non esistono in nessun’altra parte del mondo. “[È] un tesoro di documenti deperibili”, afferma Nick Rockwell, chief technology officer del NYT . “Una cronaca inestimabile di non solo la storia del Times , ma di quasi più di un secolo di eventi globali che hanno plasmato il nostro mondo moderno”.

Ecco perché la società ha ingaggiato Google, che utilizzerà le sue capacità di visione artificiale non solo per eseguire la scansione delle note scritte a mano e allegate a ciascuna immagine, ma per categorizzare le informazioni semantiche che contengono (collegando dati come luoghi e date). Google dice che il Times sarà anche in grado di utilizzare i suoi strumenti di riconoscimento degli oggetti per estrarre ancora più informazioni dalle foto, rendendole più facili da catalogare e riemergere per un uso futuro.

Okay, quindi, fondamentalmente sono solo notizie di Google che sbarca un cliente noto per i suoi servizi di digitalizzazione. (E le immagini non saranno nemmeno accessibili al pubblico, come lo erano quando Google ha lavorato all’archivio della rivista Time .) Ma è ancora uno sguardo nella storia del Times, e mostra come l’IA può fare questo tipo di conservazione sforzo più ricco e più accessibile.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi