Home / Economia / Houston utilizza il COVID-19 come un’opportunità per costruire una città intelligente

Houston utilizza il COVID-19 come un’opportunità per costruire una città intelligente

Houston sta utilizzando la pandemia come un’opportunità per costruire una città intelligente resiliente

Houston, in Texas, con 2,3 milioni di residenti, è una delle città più diverse d’America. Negli ultimi decenni, gli immigrati ispanici e asiatici hanno prosperato in questa metropoli, mentre gli afroamericani hanno stabilito comunità affiatate. Forse a causa della sua diversità, l’innovazione è fiorente nella città di Houston. È sulla buona strada per diventare una delle principali città intelligenti d’America.

Fin dall’inizio, il sindaco Sylvester Turner ha visto la pandemia COVID-19 come un’opportunità per migliorare la propria infrastruttura. Le sue iniziative di smart city contribuiscono già alla resilienza della città nel suo complesso. Quando un recente picco di pazienti COVID-19 ha travolto i suoi ospedali, la tecnologia intelligente che era già in atto ha immediatamente fornito sollievo agli ospedali della città.

La costruzione di una città intelligente ha guidato le innovazioni della città di Houston negli ultimi dieci anni. La città ha effettuato investimenti strategici in intelligenza artificiale, cloud, edge, sensori intelligenti, big data e altro ancora. Durante la pandemia COVID-19, mentre altre città lottavano, le tecnologie intelligenti hanno aiutato Houston a diventare resiliente.

Il sindaco Turner afferma: “La tecnologia non è nell’interesse della tecnologia. Devi riconoscere quali sono le tue esigenze e quale vuoi che sia il tuo obiettivo predeterminato. Nel vecchio paradigma della città intelligente, eravamo bloccati in un unico modo di pensare, affrontando un’area di necessità, ora, durante la pandemia, puoi vedere altre cose, puoi andare in più direzioni. Non sei bloccato su un binario.Questo è il motivo per cui siamo stati in grado di fare molto di più in un periodo di tempo più breve. “

Insieme, possiamo utilizzare la tecnologia intelligente per diventare resilienti
Quando i residenti nella comunità lavorano fianco a fianco con istituzioni, governo della città, partner aziendali e organizzazioni senza scopo di lucro per risolvere problemi mission-critical, è possibile scoprire altri casi d’uso pratici della tecnologia, prioritari per il futuro. Il rapido adattamento all’interno dell’ambiente attuale consente a tutti i soggetti coinvolti di fare un passo indietro e valutare il quadro più ampio.
Il sindaco Turner dice: “Abbiamo chiesto alle persone di lavorare a distanza. Stiamo reinventando e concentrandoci sulla realizzazione della nostra visione. Stiamo ricavando denaro dai programmi di miglioramento del capitale e li reindirizziamo per assicurarci che i nostri dipendenti abbiano ciò di cui hanno bisogno per svolgere il loro lavoro “.

Come parte dell’iniziativa della città Smart City for resilience , utilizzando dati in tempo reale, il tracciamento digitale dei contatti può individuare la diffusione della comunità più rapidamente, consentendo l’implementazione più rapida delle politiche per contenere la diffusione della comunità.

Il programma idrico intelligente della città, utilizzando marcatori genetici, può rilevare dove il coronavirus ha infettato il sistema idrico. Solo capire dove è penetrata la diffusione della comunità può consentire di prevenire un’ulteriore diffusione.

Sameer Sharma, Global General Manager of Smart Cities / Transportation presso Intel, afferma: “Abbiamo collaborato con la città di Houston per fornire soluzioni per città intelligenti con particolare attenzione alla qualità della vita dei cittadini. Ad esempio, Water Lens , una delle startup sostenute da Intel con Ion Smart and Resilient Cities Accelerator, offre una tecnologia di test genetico dell’acqua. L’azienda si è assicurata un programma pilota con la città per testare rapidamente il COVID-19 nelle acque reflue, che potrebbe aiutare a determinare il vero tasso di infezione della comunità “.

Virtual ICU, Telemedicine e Quick Pivots hanno fornito sollievo al sistema sanitario
Allo Houston Methodist Hospital, il recente aumento di casi di coronavirus da 230 pazienti all’altezza di aprile a ben oltre 800 pazienti ad agosto è stata un’opportunità per trovare nuovi casi d’uso per utilizzare ogni tecnologia esistente disponibile presso l’ospedale.

Roberta Schwartz, Chief Innovation Officer di Houston Methodist, afferma: “Tutti i membri del team del Center for Innovation sono stati eroici quando si è trattato della situazione del Covid-19. Abbiamo consegnato tutte le nostre applicazioni per vedere se possono essere utili in qualche modo: Telemedicine, Microsoft Teams, ecc. Il gruppo ha girato rapidamente. Ora abbiamo il monitoraggio della terapia intensiva virtuale. Inizialmente, avevamo pianificato che il progetto durasse tutto l’anno. L’abbiamo attivato in 2 settimane. ”

Lisa Spelman, vicepresidente aziendale e direttore generale di Intel, afferma: “Quando abbiamo saputo a cosa stava lavorando Houston Methodist, ci siamo immediatamente impegnati ad applicare le nostre tecnologie per accelerare l’accesso alle soluzioni virtuali di monitoraggio dei pazienti in modo da poter proteggere i fornitori di assistenza sanitaria in prima linea. cura dei pazienti in terapia intensiva. La soluzione MIC Sickbay si basa sulla tecnologia Intel per migliorare l’efficienza dell’assistenza ai pazienti in terapia intensiva, proteggendo al contempo la salute di medici e operatori sanitari in prima linea in questa crisi “.

Utilizzando la piattaforma Sickbay ™ di Medical Informatics Corp. in esecuzione sulla tecnologia Edge AI di Intel e la tecnologia di rete Cisco , l’ICU virtuale integra i dati in tempo reale dai dispositivi di monitoraggio al posto letto, fornendo a medici e infermieri la possibilità di monitorare i pazienti senza entrare nella stanza. Possono monitorare tutti i pazienti in terapia intensiva nel centro di comando o utilizzare computer o iPad in diverse sedi ospedaliere per ricevere informazioni in tempo reale come organi vitali e altri dati del paziente. L’idea è di limitare l’infezione all’interno dell’ospedale e proteggere gli infermieri e i medici. Tra il 16 marzo e l’11 maggio, il personale ha risposto a 400 chiamate tramite Virtual Alert Button al posto letto e 7.000 connessioni remote nelle stanze dei pazienti.


Il ruolo fondamentale che la tecnologia gioca nella cura del paziente. INTEL
Schwartz dice: “Non siamo partiti da zero. Avevamo già l’infrastruttura. Gran parte dell’infrastruttura o della tecnologia è stata applicata a casi d’uso e situazioni più piccoli. L’abbiamo prodotto in serie solo quando la necessità è aumentata in modo esponenziale durante la pandemia. Ad esempio, siamo stati in grado di formare 900 fornitori in un arco di settimane per utilizzare la tecnologia. Prima della pandemia, avevamo meno del 5% di visite virtuali. Ora abbiamo l’80% di visite virtuali “.

Houston Methodist fa parte di un gruppo di ospedali cittadini che fungono da hub di specialisti per gli ospedali delle aree rurali. Diventando virtuali, in futuro, gli specialisti potranno prendersi cura di più pazienti provenienti da ospedali rurali circostanti, dove i pazienti non hanno accesso immediato a questo tipo di specialisti.

Schwartz afferma: “Stiamo costruendo un hub di telemedicina. Una volta costruito, saremo in grado di fornire assistenza ad altri ospedali. Non c’è stato un momento come questo prima. Con il cloud, puoi pagare le cose in base ai clic. Ciò rende la tecnologia più accessibile agli ospedali rurali. Puoi acquistare la tecnologia per dieci infermieri o pagarla per un paziente. L’idea è di pagare per quanto usi. “

Utilizzando il cloud, Houston Methodist è stato in grado di tagliare i costi nelle distribuzioni e implementazioni della tecnologia intelligente. Prendere decisioni consapevoli per integrare e costruire infrastrutture ha consentito all’ospedale di tagliare i costi.

Le partnership aziendali hanno consentito implementazioni più rapide
A causa delle iniziative della City Smart City, le partnership aziendali con Intel, Microsoft e T-Mobile erano già in atto prima della pandemia. Durante la pandemia COVID-19, queste collaborazioni hanno fornito a ospedali come lo Houston Methodist le risorse per trasformare rapidamente le implementazioni in circostanze normali che avrebbero richiesto mesi se non anni.

Sindaco Turner, “Ci siamo concentrati sulla città di Houston per costruire il nostro ecosistema innovativo, creando un ecosistema robusto e molto integrato. I nostri partner aziendali sono stati dietro tutto questo. Mentre la nostra città si evolve nella capitale energetica e tecnologica capitale che speriamo che sia, continueremo a fare leva sui nostri partner aziendali per sviluppare iniziative a servizio delle nostre comunità. Ora viviamo in un mercato globale. Con tutto ciò che si svolge quest’anno, dobbiamo trovare un modo per andare avanti. In nel bel mezzo della tempesta, è ancora un ottimo momento per cercare modi creativi per essere resilienti e impegnarsi con tutti i tuoi partner per aiutare a fornire soluzioni. Non aspettare che la tempesta sia finita. Agisci ora “.

In tempi di incertezza, sono i partenariati tra il settore pubblico e privato che alla fine forniscono la resilienza. Sembra che Houston stia sfruttando questa partnership per diventare una delle principali città intelligenti d’America.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi