Home / Società / I modi incredibili per combinare AI, 5G e visione artificiale per trasformare l’itticoltura

I modi incredibili per combinare AI, 5G e visione artificiale per trasformare l’itticoltura

Abbiamo certamente una sfida alimentare globale che è esacerbata dalle preoccupazioni ambientali. Ma le nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale, la visione artificiale e le reti 5G potrebbero aiutarci a trovare una soluzione? L’azienda norvegese di allevamento di salmoni Cermaq ha lanciato il suo primo progetto iFarm nel suo genere. Questo esperimento quinquennale durerà fino al 2025 con i partner tecnologici BioSort e ScaleAQ, per comprendere ulteriormente come la tecnologia può ottimizzare le operazioni di piscicoltura. Altri nel settore stanno anche testando soluzioni per ottimizzare la produzione di pesce.

Uno dei vantaggi di sfruttare la tecnologia nell’allevamento del salmone è che consente un approccio personalizzato per supportare la salute e lo sviluppo di ogni pesce. In precedenza, se ci fosse stata un’epidemia di pidocchi in una popolazione ittica, che è un problema comune nell’allevamento del salmone, tutti i pesci sarebbero stati trattati. Tuttavia, questo parassita non attacca ogni pesce allo stesso modo. Essere in grado di identificare quale pesce necessita di trattamento piuttosto che trattare tutti i pesci nel sistema aiuta a ridurre lo stress generale dovuto alla manipolazione non necessaria.

Simile alle esigenze di salute di un pesce, la visione artificiale può identificare e monitorare le esigenze di alimentazione dei singoli pesci nel recinto. La tecnologia riconosce i singoli pesci nel sistema dai loro contrassegni unici e quindi può tracciare se e quando si sono nutriti per ultimi per prendersi cura di loro adeguatamente. Questa capacità di personalizzare la cura per ogni pesce rappresenta un enorme balzo per l’industria dell’acquacoltura e può anche garantire che i pesci vengano raccolti solo quando è il momento.

Ogni sistema iFarm ha 150.000 pesci che sono racchiusi in un recinto di rete nel mare. Nel sistema iFarm, i pesci vengono tenuti più in basso nel recinto perché viene utilizzato un tetto in rete. Quando un pesce si alza per riempire le sacche d’aria, viene incanalato attraverso una camera in cui un sensore scansiona, riconosce il pesce e registra i dati su quel particolare pesce.

I sensori e i dispositivi Internet of Things elaborano automaticamente le immagini per riconoscere i pesci, quindi alimentano i dati ad algoritmi di intelligenza artificiale che analizzano i dati. Questi punti dati includono tutto, dal peso e lo sviluppo a qualsiasi segno di malattia o ferita. Tutti questi dati possono quindi essere riportati per semplificare la gestione del sistema iFarm e consentire il processo decisionale basato sui dati.

L’obiettivo di Cermaq è rafforzare la piscicoltura nelle zone costiere perché il futuro della piscicoltura norvegese dipende dalla ricerca di una produzione sostenibile ed economica. Alla società sono state assegnate quattro licenze di sviluppo per il progetto, ed è diventata una collaborazione tra molte persone ed entità per arrivare a questa fase, che sta rilasciando il primo smolt nei recinti.

La coerenza di una rete 5G consente alla tecnologia

Si è parlato molto delle velocità superveloci della rete mobile 5G , non solo per le esigenze dei consumatori come incredibili velocità di download per i film, ma per l’impatto trasformativo che può avere sulle industrie. In acquacoltura, il riconoscimento del pesce che avviene attraverso dispositivi Internet of Things e il flusso di dati verso la gestione della pesca è reso possibile dal 5G. Al contrario, il cavo in fibra ottica sottomarino è difficile da mantenere. L’introduzione del 5G consente telecamere e feed di dati di alta qualità che alimentano la tecnologia della pesca.

Un altro programma pilota 5G si è svolto presso l’allevamento di salmoni Scottish Sea Farms quando i sensori collegati a Internet hanno raccolto dati sulla temperatura dell’acqua di mare, pH, ossigeno e altro nelle gabbie per salmone. L’ottimizzazione degli allevamenti di salmoni è fondamentale perché è la più grande esportazione di cibo della Scozia e un importante contributo all’economia nazionale del Regno Unito.

L’Alphabet si tuffa

La società madre di Google Alphabet e il suo team di ricerca X (precedentemente noto come Google X) stanno lavorando con allevamenti ittici in Europa e in Asia su un progetto che chiamano Tidal. Tidal sta sviluppando un altro sistema per il riconoscimento dei pesci . Simile al progetto iFarm di Cermaq, le telecamere subacquee, la visione artificiale e l’intelligenza artificiale tracciano il salmone e la coda gialla. L’intelligenza artificiale è in grado di tracciare i pesci attraverso il loro sviluppo e può distinguere i singoli pesci da sottili differenze di forme e movimenti che sono impercettibili all’occhio umano. L’obiettivo finale della tecnologia è muoversi verso una maggiore sostenibilità.

Questi progetti sono fondamentali per apprendere come l’intelligenza artificiale, la visione artificiale e l’apprendimento e il 5G possono cambiare l’acquacoltura. Poiché sono nelle fasi iniziali e i sistemi sono complessi, si prevede che ci sarà un’enorme opportunità di apprendimento e crescita che si tradurrà in risultati migliori e sostenibilità in futuro.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi