Phrasee , leader mondiale nella tecnologia di copywriting basata sull’intelligenza artificiale, ha pubblicato i risultati di un sondaggio rivolto ai professionisti del marketing aziendale. La ricerca, alimentata da Dynata , la più grande piattaforma di dati e approfondimenti di prima parte al mondo, mette in luce la crescente importanza del linguaggio del marchio, evidenziando le difficoltà nel riuscire a generare contenuti di alta qualità e una maggiore attenzione all’intelligenza artificiale (AI) per alleviare queste sfide.

Il sondaggio ha intervistato oltre 300 esperti di marketing di grandi organizzazioni in settori quali e-commerce / vendita al dettaglio, viaggi e ospitalità, ristoranti, servizi di comunicazione / telecomunicazioni, banche / finanza e assicurazioni. I principali takeaway includono:

Gli esperti di marketing ritengono che il linguaggio del marchio non sia mai stato così importante.

• Il 64% afferma che Covid-19 ha reso il linguaggio più importante che mai per aiutarli a entrare in contatto con i clienti

• Quasi un terzo (30%) afferma che il proprio CEO presta maggiore attenzione al potere del linguaggio rispetto a prima della pandemia COVID-19

• La maggioranza (71%) si aspetta di concentrarsi maggiormente sui contenuti e sulla lingua quando esegue il piano di marketing e il budget successivi

Nel complesso, i professionisti del marketing faticano a raggiungere un alto livello di qualità del copywriting.

• Mentre tre operatori di marketing su cinque affermano di misurare l’efficacia della propria lingua (60%), la maggior parte (82%) afferma di avere difficoltà a creare contenuti di marca di alta qualità

• Il 36% segnala un numero insufficiente di redattori, il 37% segnala una mancanza di fondi investiti nella creazione di contenuti, il 37% riferisce una quantità di tempo insufficiente per la creazione di contenuti.

• Di conseguenza, la maggioranza (51%) non è in grado di creare messaggi coerenti su tutti i canali, su larga scala e allineati al proprio marchio

Molti professionisti del marketing stanno cercando di investire in tecnologia ma non sono fiduciosi nelle loro capacità di gestione della tecnologia.

• Quasi la metà (47%) desidera che la tecnologia svolga un ruolo più importante nel marketing della propria organizzazione in futuro, ma desidera rimanere coinvolta

• Più della metà (53%) ritiene che la tecnologia nel marketing debba avere una qualche forma di controllo umano

• Il 42% non è sicuro di essere dotato della tecnologia giusta per rendere il proprio ruolo a prova di futuro

L’intelligenza artificiale giocherà un ruolo negli investimenti tecnologici dei professionisti del marketing.

• Il 73% prevede di investire in tecnologia AI per supportare iniziative di marketing nei prossimi 18 mesi

• Più di un terzo (37%) investirà nell’intelligenza artificiale specificamente per fare copywriting e più della metà (53%) degli intervistati nel settore bancario, finanziario e assicurativo investirà nell’intelligenza artificiale che potrebbe generare copie in linea con il loro marchio

“Non è necessario essere uno scienziato missilistico per vedere che il marketing cambierà per sempre da questo punto”, ha affermato Parry Malm, CEO di Phrasee. “Le megastar del marketing del futuro saranno definite dalla loro capacità di produrre contenuti di qualità su larga scala che amplifichino i valori del marchio, creino la fiducia dei consumatori a lungo termine e raggiungano il pubblico previsto. I migliori professionisti del marketing aziendale sono già un passo avanti nel loro utilizzo della tecnologia per potenziare le prestazioni dei contenuti: è fondamentale che coloro che aspirano alla tecnologia, ma con azioni limitate, non restino indietro “.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi