Il recente acquisto di Bethesda è solo l’inizio

Sulla scia dell’acquisto di $ 7,5 miliardi di Bethesda che ha stimolato la comunità dei videogiochi, Microsoft sta espandendo la sua partnership con OpenAI, una società di ricerca sull’intelligenza artificiale con sede a San Francisco. Potrebbe non sembrare qualcosa che dovrebbe causare uno splash, soprattutto con la suddetta partnership che funziona senza intoppi da oltre un anno. Ma ecco il kicker: Microsoft ora ha una licenza esclusiva per il modello di linguaggio GPT-3. Se hai visto articoli scritti da AI (anche se con un po ‘di aiuto umano) o il bizzarro gioco di avventura basato su testo che mostra le sue capacità di intelligenza artificiale, sai che questo merita una seconda occhiata.
Nel caso in cui non hai seguito la tua dose di notizie sull’IA, GPT-3 è attualmente il modello di linguaggio più avanzato al mondo, addestrato su un supercomputer AI alimentato da Azure, la redditizia ala del cloud computing di Microsoft . Con oltre 175 miliardi di parametri, questo modello possiede la capacità di distribuire testo che è sia contestualmente rilevante che inquietante nella sua somiglianza con il linguaggio umano. È un pezzo di tecnologia che ha un incredibile potenziale creativo e commerciale nelle mani giuste. E mentre Microsoft parla di democratizzare i frutti di anni di ricerca sull’intelligenza artificiale all’avanguardia, non sarei sorpreso se lo utilizzassero per rafforzare prima la loro suite di servizi esistente.
Sono piuttosto entusiasta di vedere come GPT-3 potrebbe aiutare con la scrittura (brividi), catalogando enormi blocchi di dati o amplificando il lato commerciale di Microsoft in generale. Ma le possibilità che questa piattaforma di intelligenza artificiale offre alla luce della recente acquisizione di Bethesda è ciò che stuzzica davvero il mio appetito. Con il salto da GPT-2 a GPT-3, l’ avventura testuale di AI Dungeon è passata da un gioco che meritava la tua attenzione a un’esperienza che nessun altro gioco poteva offrire; esperienze di cui lo sviluppatore non ha nemmeno tenuto conto. E con i suggerimenti degli utenti costantemente integrati nel gioco, è un modello allettante che i giochi di ruolo possono utilizzare per inaugurare una nuova esperienza di nuova generazione.
Invece di limitarsi a incrementare risoluzioni e framerate, i giochi potrebbero finalmente guadagnare il soprannome di “nuova generazione”. Immagina personaggi non giocabili che costruiscono missioni sul posto o una mappa che modifica l’ambientazione e il mondo di gioco stesso per aderire a dette missioni. Pensa a un mondo che sembra medievale finché non compare una misteriosa torre meccanica di bronzo.
Cavolo, mi chiedo cosa farebbe Microsoft se avesse i diritti su Fallout e The Elder Scrolls …

Mentre franchise duraturi come Divinity: Original Sin e Baldur’s Gate si sono vantati di conversazioni curate e meccaniche di battaglia non convenzionali che si basano sulle benedizioni della fortuna, GPT-3 è una testata nucleare in una guerra che una volta veniva combattuta con le lame. Nelle mani dei maestri narratori, quelli che sono decisamente seduti negli uffici (virtuali) delle più rinomate società di sviluppo di giochi, le possibilità sono infinite.
È vero, la parola AI è stata lanciata come una palla da tennis in quasi tutte le conversazioni relative al futuro. Ma se una persona riuscisse a creare un videogioco diverso da qualsiasi altro, immagina cosa potrebbe fare un colosso aziendale come Microsoft con il modello GPT-3. E con oltre 2300 nuovi dipendenti di Bethesda che si riversano nelle loro fila, armeggiare con uno spinoff cementato nel mondo dei franchise che definiscono il genere come Fallout o The Elder Scrolls è un esperimento che potrebbe darci giochi che non avremmo mai saputo di volere.
GPT-3 non è affatto perfetto al momento, ma il potenziale è sicuramente avvincente. È un primo assaggio di un mondo che non abbiamo esplorato completamente. C’è ancora molto da scoprire. E alcuni risultati GPT-3 possono essere decisamente comici. Tuttavia, il giorno non è troppo lontano in cui i posti di lavoro rimarranno in bilico tra i progressi nell’intelligenza artificiale e una società che rifiuta di essere interrotta.
Ma in questo momento, tutto ciò a cui sto pensando è un dungeon master AI che mi tiene all’erta.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi