Non fare affidamento sugli strumenti di rilevamento del plagio AI, avverte il CEO di OpenAI Sam Altman
Il CEO di OpenAI mette in guardia contro l’affidamento al rilevamento del plagio dell’IA
 
OIl CEO di penAI Sam Altman ha recentemente avvertito le scuole e i responsabili politici di non fare troppo affidamento sugli strumenti di rilevamento del plagio basati sull’intelligenza artificiale. In un’intervista, Altman ha riconosciuto che OpenAI sta lavorando per sviluppare modi per rilevare il plagio di ChatGPT, ma ha avvertito che la creazione di strumenti che rilevano perfettamente il plagio dell’IA è fondamentalmente impossibile. Questo annuncio serve a ricordare che fare affidamento sulla tecnologia per rilevare il plagio potrebbe non essere l’approccio più affidabile.

Cosa ha detto Sam Altman nell’intervista?
 
In un’intervista con Connie Loizos di StrictlyVC, Sam Altman, CEO di OpenAI, ha affermato che la società dietro il vivace chatbot AI ChatGPT svilupperà modi per aiutare le scuole a scoprire il plagio dell’IA.

Ha avvertito, tuttavia, che è impossibile creare strumenti di rilevamento del plagio AI perfetti.
Altman ha affermato che le persone hanno sempre integrato nuove tecnologie nelle loro vite, come i calcolatori nelle lezioni di matematica, e che l’intelligenza artificiale può generare un impatto più positivo per gli utenti lungo la linea. Ha incoraggiato le scuole e i responsabili politici nazionali ad adattarsi all’IA generativa piuttosto che fare affidamento su tecnologie di filigrana e altre tecniche che tentano di etichettare i contenuti generati da ChatGPT.
Altman ritiene che l’utilizzo di ChatGPT possa essere un modo più coinvolgente per imparare e che abbia il potenziale per essere un incredibile tutor personale per ogni bambino. È fiducioso che la tecnologia migliorerà nel tempo e preverrà conseguenze indesiderate.

Ha concluso le sue osservazioni affermando che tutti dobbiamo adattarci all’IA generativa e alla fine ne usciremo migliori.
Perché è impossibile creare strumenti di rilevamento del plagio AI perfetti?
 
Sam Altman, CEO di OpenAI, ha spiegato che anche se OpenAI ha sentito parlare di insegnanti che sono comprensibilmente nervosi per ChatGPT, le persone integrano da tempo nuove tecnologie nelle loro vite – e in classe – e quelle tecnologie genereranno solo un impatto più positivo per gli utenti in futuro .
Altman ha aggiunto che sebbene OpenAI sperimenterà tecnologie di filigrana e altre tecniche per etichettare i contenuti generati da ChatGPT, fondamentalmente è impossibile realizzare strumenti di rilevamento del plagio AI perfetti. Ha detto che le persone capiranno quanto testo devono cambiare o modificare per aggirare eventuali misure antiplagio.

A causa della popolarità di ChatGPT, Altman ritiene che l’IA generativa debba essere adattata al mondo.
Cosa dovrebbero invece fare le scuole e i responsabili politici?
 
Secondo un’intervista al CEO di OpenAI, l’azienda cercherà di trovare un modo per aiutare le scuole a combattere il plagio dell’IA, ma non può garantire che questo obiettivo venga raggiunto. In risposta ai divieti di scuole come le scuole pubbliche di New York City e il sistema della scuola pubblica di Seattle, Altman ha sottolineato che le persone integrano da tempo nuove tecnologie nelle loro vite e nelle loro classi e che queste tecnologie genereranno solo un impatto più positivo per gli utenti nel corso del linea.
Piuttosto che fare affidamento sugli strumenti di rilevamento del plagio dell’IA, Altman suggerisce che le scuole e i responsabili politici nazionali dovrebbero adattarsi alla tecnologia dell’IA generativa e ai suoi potenziali benefici. Ad esempio, OpenAI ha sentito dagli insegnanti che ChatGPT può essere un incredibile tutor personale per ogni bambino e può essere un modo più coinvolgente per imparare. La società sperimenterà tecnologie di watermarking e altre tecniche per etichettare i contenuti generati da ChatGPT, sebbene mettano in guardia dal dipendere da questi strumenti per rilevare perfettamente il plagio.


In definitiva, Altman crede che questo sia un mondo in evoluzione e che ci adatteremo tutti e ne trarremo beneficio. Crede che il mondo debba abbracciare la tecnologia dell’IA generativa e i suoi potenziali benefici, piuttosto che esserne spaventato.

di Liquid Ocelot

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi