Immunai , una startup che sviluppa una piattaforma AI per analizzare il sistema immunitario umano, ha annunciato oggi di aver raccolto 60 milioni di dollari. L’azienda afferma che utilizzerà i fondi per ampliare le proprie capacità di genomica funzionale e aiutare i suoi partner a stabilire le priorità, scoprire e sviluppare nuove terapie e combinazioni di farmaci.

Trattamenti emergenti come le terapie genico-cellulari e le immunoterapie contro il cancro promettono di rivoluzionare il campo della medicina. Ma la complessità del sistema immunitario – trilioni di cellule suddivise in centinaia di tipi e stati che interagiscono con vari sistemi e proteine ​​- minaccia di ostacolare la ricerca. Nel 1999, un paziente in uno studio è morto dopo un attacco del sistema immunitario probabilmente derivante da anticorpi preesistenti contro un virus usati come parte della terapia genica – una morte che gli esperti ritengono abbia portato a anni persi nello sviluppo della terapia genica. Immunai mira a prevenire tali errori con l’intelligenza artificiale che genera il profilo immunitario.

Immunai è stata fondata nel 2018 da Noam Solomon, un ex ricercatore postdottorato di Harvard e del MIT, e Luis Voloch, laureato del MIT ed ex ingegnere di machine learning presso Palantir. I due hanno collaborato con i membri del Parker Institute, che lavora con i ricercatori per accelerare lo sviluppo di terapie immunitarie, per perseguire una piattaforma che fa luce sulle popolazioni cellulari post e pre-trattamenti.

“Quando ho incontrato il mio cofondatore Luis, ero un postdoc in matematica al MIT e Luis stava lavorando per applicare l’apprendimento automatico alla biologia. Insieme, volevamo portare i metodi di intelligenza artificiale di “trasferimento dell’apprendimento” a quello che riteniamo possa risolvere il problema più grande della società odierna: la malattia “, ha detto Solomon a VentureBeat via e-mail. “Tutte le malattie possono essere ricondotte al sistema immunitario. Ma quello che Luis e io abbiamo capito è che le aziende farmaceutiche non hanno accesso a nessuna visione completa e granulare di come funziona il sistema immunitario, come risponde ai farmaci o alle terapie che stanno sviluppando e quali sono le probabilità che i pazienti ne trarranno beneficio. “

La tecnologia di Immunai registra oltre un terabyte di dati da un campione di sangue, profilando le cellule a quella che l’azienda definisce una profondità “senza precedenti”. I campioni vengono confrontati con un database utilizzando l’intelligenza artificiale che mappa i dati su centinaia di tipi e stati di cellule, creando profili immunitari.

È un approccio simile a quello degli scienziati affiliati al Progetto Vaccini Umani, che stanno lavorando per identificare i biomarcatori – cioè gli indicatori di particolari stati di malattia – che predicono le risposte immunitarie ai vaccini e alle terapie cellulari. Microsoft e la startup Adaptive Biotechnologies stanno anche collaborando allo sviluppo di algoritmi che creano una “mappa di traduzione” per i recettori cellulari agli antigeni, o molecole patogene che attivano una risposta immunitaria e mappano questi antigeni alle malattie.

Gli studi clinici si sono tradizionalmente concentrati sul test di migliaia o addirittura decine di migliaia di soggetti e sulla raccolta di una quantità limitata di dati su ciascuno. Ma enormi corpora e intelligenza artificiale consentono di raccogliere milioni di punti dati su un singolo individuo.

“Il sistema immunitario è implicato in quasi tutte le malattie, rendendo la nostra tecnologia fondamentale per l’identificazione, la diagnosi e il trattamento delle malattie, dal cancro alle malattie autoimmuni”, ha detto Solomon in una dichiarazione. “La nostra espansione nella genomica funzionale aiuterà i nostri partner ad affrontare le loro domande più urgenti nello sviluppo della terapia e, in definitiva, migliorerà la vita di molti pazienti”.

I profili immunitari di Immunai potrebbero supportare la scoperta di biomarcatori individuando i cambiamenti nel tipo e nell’espressione cellulare. Ad esempio, il team Immunai ha caratterizzato un prodotto di terapia cellulare per infusione CAR-Natural Killer T (NKT) sviluppato presso il Baylor College of Medicine per l’uso nei pazienti con neuroblastoma. I ricercatori di Baylor e Immunai hanno identificato un gene potenzialmente coinvolto nell’uccisione di cellule tumorali mediata da CAR-NKT e stanno lavorando per convalidarlo. Altrove, Immunai afferma che sta collaborando con partner commerciali per sviluppare candidati alla terapia cellulare nei tumori solidi.

Voloch afferma che Immunai sta lavorando con 5 delle più grandi aziende farmaceutiche del mondo oltre a istituzioni tra cui Stanford, Harvard, Memorial Sloan Kettering e l’Università della Pennsylvania. “Abbiamo sviluppato una nuova piattaforma per riprogrammare l’immunità estraendo AMICA, il nostro database di immunologia monocellulare armonizzato proprietario, con trasferimento all’avanguardia e algoritmi di apprendimento multi-task”, ha aggiunto. “Le nostre capacità di intelligenza artificiale e genomica funzionale integrate verticalmente ci consentono di stabilire le priorità e convalidare gli obiettivi in ​​modo più accurato”.

I settanta dipendenti Immunai hanno sede a New York City, con uffici a San Francisco e Tel Aviv. Il round della serie A annunciato oggi è stato guidato dalla Fondazione Schusterman, la famiglia Duquesne, Catalio Capital Management e Dexcel Pharma. Hanno partecipato anche gli investitori esistenti Viola Ventures e TLV Partners, portando il totale raccolto di Immunai fino ad oggi a $ 80 milioni.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi