Home / Economia / I robot nelle aziende peggiorano le condizioni di lavoro delle persone

I robot nelle aziende peggiorano le condizioni di lavoro delle persone

Perché ho sbagliato a essere ottimista sui robot

Gli esseri umani vengono schiacciati in un sistema robotico che lavora al ritmo di un robot

Ero una tecno-ottimista. Pensavo che una nuova ondata di automazione potesse liberarci dal lavoro monotono o arduo. I magazzini al dettaglio online sembravano un esempio perfetto. Era un settore in espansione in cui i “raccoglitori” a basso reddito dovevano camminare fino a 15 miglia al giorno per raccogliere gli ordini dei clienti dagli scaffali, diretti e monitorati da braccialetti o cuffie. Avevo intervistato i magazzinieri che si spalmavano di vaselina i piedi con le vesciche per superare la giornata. Prima avessimo inventato i robot per eseguire questi lavori simili a quelli dei robot, pensavo, prima gli umani sarebbero stati liberi di fare qualcosa di meno cupo. Ma ora che sono arrivati ​​i robot, mi rendo conto di essermi sbagliata.

L’aumento della domanda di acquisti online causato dalla pandemia ha accelerato l’automazione del magazzino. Il gruppo di ricerca Statista prevede che il mercato globale dell’automazione del magazzino aumenterà da 15 miliardi di dollari nel 2019 a 30 miliardi di dollari entro il 2026. Ma i robot non stanno sostituendo del tutto il lavoro di raccolta, perché le dita umane rimangono migliori delle macchine nel maneggiare oggetti vari. “Faccio fatica a trovare il robot che sarà in grado di gestire un sacco di gesso di Parigi, un po ‘per un martello pneumatico, un bidone della spazzatura in acciaio zincato, una lama per sega e un secchio di vernice da 5 galloni”, ha spiegato un responsabile del magazzino ai ricercatori dell’Università della California, Berkeley. Invece, molti lavori di magazzino stanno diventando in parte umani, in parte robot. Questo sta trasformando il lavoro, non necessariamente in meglio.

Chuck è un carrello robotico autonomo che guida un raccoglitore umano attraverso un magazzino da uno scaffale all’altro. 6 River Systems, che vende o noleggia i robot a operatori di magazzino come DHL, XPO Logistics e Office Depot, afferma che la tecnologia allevia la tensione sui lavoratori perché non devono più spingere un carrello in giro. Ma anche Chuck ha un ritmo incessante. “La ricerca mostra che quando i dipendenti si muovono, rallentano”, spiega il suo sito web . Un rapporto di “business case” di 6 River Systems afferma che i lavoratori che stabiliscono il proprio ritmo “viaggiano solo la metà della velocità di quando seguono Chuck [e] anche la loro velocità senza Chuck oscilla selvaggiamente”.

Amazon, che ha acquistato la società di robotica Kiva per 775 milioni di dollari nel 2012, è più ingegnosa. Nei suoi magazzini automatizzati, i robot portano gli scaffali ai raccoglitori , che restano fermi invece di camminare tutto il giorno. Ciò significa niente più vesciche o perdite di tempo tra le scelte. Le scelte lavoratore medio di circa 100 articoli all’ora se in giro, ma più di 300 articoli all’ora nel sistema automatizzato, secondo notizie rapporti .

Ma mentre il lavoro è migliorato in alcuni modi, è peggiorato in altri. Stare in piedi tutto il giorno è difficile per il corpo, così come allungarsi, torcersi, piegarsi e tirare senza essere in grado di impostare il proprio ritmo. Un’indagine lo scorso anno dal Center for Investigative Report ha rilevato che, per ciascuno degli ultimi quattro anni, i tassi di pregiudizio sono stati significativamente più alta presso i magazzini robotizzati di Amazon rispetto ai suoi quelli tradizionali. Il Comitato di New York per la sicurezza e la salute sul lavoro, un’organizzazione di lavoratori, sindacati e professionisti della salute e della sicurezza, ha intervistato 145 lavoratori in un magazzino automatizzato Amazon a Staten Island. Due terzi hanno sperimentato dolore fisico durante il lavoro (specialmente ai piedi, alle ginocchia, alla schiena, alle caviglie, alle spalle e alle mani) e il 42% ha continuato a soffrire quando non era al lavoro.

Alla fine anche questi ruoli potrebbero essere automatizzati, ma secondo la maggior parte degli esperti questa tecnologia è lontana almeno un decennio . Nel frattempo, gli esseri umani vengono inseriti in un sistema robotico che lavora al ritmo di un robot. Ciò porta vantaggi evidenti alle aziende e ai loro clienti, che ricevono le consegne in modo rapido ed economico. Ma ci sono costi per i lavoratori e per la società. I disturbi muscoloscheletrici , ad esempio, sono una delle principali cause di disabilità e malattia più avanti nella vita, il che si aggiunge al conto dei contribuenti per i benefici e l’assistenza sanitaria.

Secondo l’OCSE, il 14% dei posti di lavoro nei paesi ricchi è altamente automatizzabile, mentre è probabile che un ulteriore 32% cambi perché molti, ma non tutti, i compiti del lavoro possono essere automatizzati. Molta attenzione accademica e dei media è stata prestata ai lavori che potrebbero scomparire. Ciò che accade all’interno dei magazzini è un promemoria per preoccuparsi di come verranno trasformati i lavori rimanenti.

La disumanizzazione e l’intensificazione del lavoro non sono inevitabili. Ma un risultato diverso richiederà scelte diverse e una diversa distribuzione del potere sul posto di lavoro. Se vogliamo avere colleghi robot, dobbiamo progettare processi attorno ai punti di forza e fragilità degli esseri umani, con modi per loro di esprimere i problemi, proporre soluzioni e rivendicare una quota dei guadagni di produttività.

In altre parole, dobbiamo assicurarci che i robot funzionino per noi e non il contrario.

sarah.oconnor ft.com

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi