Indico Data applica l’IA per aggiungere valore ai dati non strutturati

Sbloccare i dati intrappolati in milioni di documenti, inclusi PDF, immagini, note scritte a mano, audio, video ed e-mail, non è certo una nuova sfida per le organizzazioni. Per affrontare questa sfida, Indico Data utilizza il deep learning basato sull’intelligenza artificiale (AI) per estrarre i dati archiviati in formati non strutturati e renderli significativi. 

I dati non strutturati sono una delle fonti di informazioni preziose più non sfruttate. In effetti, il MIT riporta che l’80-90% di tutti i dati aziendali non è strutturato. Sbloccare anche una piccola percentuale di ciò potrebbe dare alle aziende un vantaggio competitivo, affermano gli esperti.


Aggiunta dell’IA ai dati non strutturati
La piattaforma dati non strutturata basata sull’intelligenza artificiale di Indico Data è progettata per aiutare le aziende a estrarre e dare un senso ai dati in formati che altrimenti sarebbero quasi impossibili da definire. L’azienda ha annunciato oggi il lancio di un nuovo strumento, Indico 5.
“Ciò che ci rende diversi è la tecnologia di base che abbiamo costruito attorno a quella che descriviamo come ‘IA composita’, ha detto a VentureBeat il CEO di Indico Data, Tom Wilde. “Le basi dell’IA composita sono essenzialmente una parte di deep learning, una parte di dati, una parte di algoritmi, tutti sintetizzati insieme all’interfaccia dell’applicazione che abbiamo creato”.
Indico Data afferma di essere unico in quanto ha una percentuale di successo complessiva del 95% nell’implementazione della sua tecnologia di intelligenza artificiale e nel portarla in produzione, a differenza del settore, che vede un tasso di errore di circa l’80% quando si tratta di implementare l’IA, l’azienda dice.

Piattaforma dati Indico 5.
L’obiettivo business-to-business della piattaforma di Indico Data è quello di colmare quello che l’azienda definisce il “divario di impatto” che si trova tra i dati non strutturati in vari formati e fornire ai clienti gli strumenti per ricavare informazioni significative da quei dati in modo completo ed efficiente modi e modi perseguibili.  

“Tra cinque anni guarderemo indietro e sarà ovvio che i dati non strutturati dovevano essere risolti come un problema a sé stante perché tecnicamente è così difficile”, ha detto Wilde. “A quel punto penso che quasi tutte le principali aziende Fortune 1000 avranno una strategia per i dati non strutturati nello stesso modo in cui ora hanno un data warehouse, una strategia di data lake e una strategia di analisi”.

Dare struttura al non strutturato
Occorrono solo circa 200 documenti per addestrare un modello Indico per estrarre dati con una precisione estremamente elevata, secondo il sito Web di Indico Data , “Questo perché la piattaforma Indico è costruita su un database di circa 500 milioni di punti dati etichettati, abbastanza per abilitarlo per comprendere quasi tutti i documenti o le immagini. 
La tecnologia utilizza quindi AI, ML e l’elaborazione del linguaggio naturale, in più di 70 lingue, per tradurre i dati non strutturati in ciò che è necessario per il caso d’uso di un cliente specifico. 


Indico 5 vanta diverse nuove funzionalità che promettono di rendere questa esperienza più fluida per la sua base di clienti, incluso il collegamento automatico e la creazione di connessioni di etichettatura; dividere e separare anche i documenti più complessi; supporto universale per documenti che riconosce la scrittura a mano così come il testo; e una base di flusso di lavoro che consente agli utenti di rivedere ogni fase del processo di automazione e adattarlo alle proprie esigenze con una base low-code.

Tra le altre funzionalità, Indico 5 si allena su un ciclo sfalsato, che consente all’IA di rivedere eventuali correzioni apportate dagli esseri umani nel processo e imparare da tali informazioni per il miglioramento successivo.

L’imperativo dei dati non strutturati
La decisione di assumere dati non strutturati non è stata affatto una decisione facile per il team di Indico Data. La società afferma di aver individuato le complessità legate all’interruzione del mercato dei dati non strutturati e i suoi piani di crescita non si fermano qui.

“Lo chiamiamo imperativo dei dati non strutturati. Per decenni, le persone non hanno affrontato i dati non strutturati come un imperativo strategico perché non potevano”, ha affermato Wilde. “Intrappolato in quei dati opachi c’è un valore reale in termini di creazione di nuovi prodotti, miglioramento dell’efficienza in termini di costi dell’azienda e decisioni migliori da questo nuovo set di dati. Ciò crea maggiori informazioni su attività specifiche come la sottoscrizione di assicurazioni, ad esempio. Si tratta di dati in entrata e in uscita ed è così che costruisci un modello di rischio. E questo è un esempio di ciò che lo sblocco improvviso di questo nuovo set di dati può migliorare”.

Indico Data punta a crescere ulteriormente e ad ampliare la sua portata del settore dalle sole assicurazioni, finanze e immobili per includere l’assistenza sanitaria e le scienze della vita, entrambe con grandi quantità di dati non strutturati in attesa di essere sfruttati.

Indico Data

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi