Home / Filosofia e IA / Intelligenza artificiale come separare l’Hype il mito dalla realtà intervista a Kipp Bodnar

Intelligenza artificiale come separare l’Hype il mito dalla realtà intervista a Kipp Bodnar

Come separare l’Hype AI dalla realtà
Da un po’di tempo, l’intelligenza artificiale è l’argomento “caldo” tra i marketer, i tecnologi e quasi tutti gli altri, ricevendo un’enorme quantità di attenzione e ronzio da parte dei media. In una discussione con Kipp Bodnar, CMO di HubSpot, una piattaforma di crescita leader, indica che è difficile per le aziende distinguere tra hype e realtà. Il risultato è che molte aziende buttano risorse a un’opportunità che non si concretizza. Di seguito sono riportati i pensieri di Bodnar su come i marketer possono distinguere tra ciò che è possibile e ciò che non lo è.

Kimberly A. Whitler: Lei ha affermato che un sacco di buzz intorno all’IA è solo una promozione esagerata del concetto che non può mantenere la promessa … ancora. Puoi elaborare?

Kipp Bodnar : L’hype parte dell’intelligenza artificiale è che tende a guidare gli uomini d’affari a pensare che l’intelligenza artificiale sarà ovunque e prenderà completamente il sopravvento sui metodi di marketing tradizionali. Quella non è la realtà. Ci sono applicazioni in cui può aiutare, ma l’hype tende ad esagerare, almeno per il prossimo a medio termine, la sua capacità di cambiare cosa e come facciamo il nostro lavoro.

Whitler : puoi fornire un esempio?

Bodnar : certo. A HubSpot, abbiamo pensato di poter spendere un po ‘di denaro e utilizzare l’intelligenza artificiale per ottimizzare al meglio i contenuti del nostro blog per fornire articoli più mirati ai nostri lettori. La realtà è che il progetto costava molto più denaro di quanto pensavamo e non ha migliorato i risultati di molto … meno dell’1% di miglioramento. Concettualmente, come operatori di marketing o persino amministratori delegati, tendiamo ad essere entusiasti della possibilità. Immagina di essere in grado di utilizzare l’intelligenza artificiale per offrire contenuti e articoli più mirati ai consumatori. A chi non piacerebbe? Ma la realtà è che è estremamente dispendioso in termini di tempo e il payoff semplicemente non c’è. Potrebbe essere in futuro, ma non ancora.

Whitler : interessante. Quindi, stai suggerendo che il potenziale esiste, si tratta solo della “storia” dell’intelligenza artificiale che corrisponde alla capacità dell’IA?

Bodnar : È importante per la tecnologia capire sempre dove siamo nel “ciclo di hype”. Nelle prime fasi dell’introduzione di una nuova tecnologia con grandi promesse, si tende a un sacco di ottimismo, speranza e clamore. All’inizio di una nuova tecnologia, si ottiene un sacco di passaparola e si costruisce attraverso l’hype e poi si blocca, perché la tecnologia non può effettivamente fare ciò che suggerisce l’hype.

Ripensare al CRM: grande promessa di come cambierebbe il tradizionale scenario imprenditoriale. La compagnia dopo l’azienda è andata dietro a grandi promesse e finisce col rimanere delusa. Ti ricordi tutti gli articoli su come il CRM fallisce? In realtà, il CRM è stato un punto di svolta, è solo che l’hype ha creato aspettative irrealistiche.

L’email marketing ha impiegato 20-30 anni per consegnare completamente. In genere la tecnologia impiega più tempo per fornire un ROI significativo di quanto ci aspettiamo.

Whitler : Ci sono aree nell’intelligenza artificiale che credi vivano fino all’hype oggi?

Bodnar : la traduzione e la localizzazione della lingua possono essere migliorate con l’intelligenza artificiale. Possono entrambi aiutare i marketer a raggiungere il loro pubblico in modi più efficaci ed efficienti – e la tecnologia ha catturato il clamore. I chatbot e la ricerca vocale possono essere migliorati con l’intelligenza artificiale: i chatbot sono il metodo preferito di coinvolgimento dei consumatori. È un canale davvero prezioso. Siamo in un’era di convenienza. Anche la ricerca vocale sta crescendo.

La più grande opportunità per il prossimo anno è nell’elaborazione del linguaggio naturale poiché è la più lontana. Ad esempio, se si utilizza il CRM di HubSpot e si registra una chiamata con un cliente in prospettiva, il CRM lo trascriverà e cercherà parole specifiche e quindi raccomanderà azioni di follow-up.

Le aziende potrebbero non rendersi conto sempre che stanno usando l’intelligenza artificiale, ma quando lo usano correttamente, avranno un impatto significativo sul loro tempo e sulla loro produttività.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi