Home / Società / La Nhtsa l’agenzia governativa americana che si occupa di sicurezza stradale, ha aperto un’indagine formale sul Tesla Autopilot

La Nhtsa l’agenzia governativa americana che si occupa di sicurezza stradale, ha aperto un’indagine formale sul Tesla Autopilot

Gli Stati Uniti lanciano un’ampia indagine sul pilota automatico Tesla su numerosi incidenti 

Le autorità di regolamentazione statunitensi hanno aperto la più grande revisione dell’Autopilot di Tesla da quando è stata introdotta la funzione di assistenza alla guida, incentrata su una serie di collisioni con veicoli di emergenza che hanno provocato numerosi feriti e almeno un decesso.

 
La National Highway Traffic Safety Administration afferma che il suo Office of Defect Investigations ha aperto la revisione il 13 agosto per esaminare 11 incidenti che coinvolgono Tesla che colpiscono veicoli nelle “scene dei primi soccorritori”. Circa 765.000 veicoli prodotti tra il 2014 e il 2021, inclusi tutti i modelli della gamma Tesla, i modelli S, X, 3 e Y, sono coperti dall’indagine.

“Valuterà le tecnologie e i metodi utilizzati per monitorare, assistere e rafforzare l’impegno del conducente nel compito di guida dinamica durante l’operazione di pilota automatico”, ha affermato NHTSA. L’indagine valuterà l’efficacia del “Rilevamento e risposta di oggetti ed eventi” del sistema e le circostanze in cui l’Autopilot è progettato per funzionare. 

Tesla non ha risposto a una richiesta di commento. Né lui né il CEO Elon Musk hanno commentato l’indagine tramite i canali dei social media. 

L’indagine è la più grande nella storia dell’azienda e arriva quando Tesla espande la disponibilità della sua cosiddetta funzione Full Self-Driving, che la società ha detto ai regolatori della California non è in realtà una tecnologia di guida autonoma . L’NHTSA nel gennaio 2017 ha concluso un’indagine su un incidente della Model S in Florida che ha ucciso il proprietario del veicolo, che all’epoca utilizzava il pilota automatico, senza trovare colpa dell’azienda . La famiglia di un pilota della Model X che è stato ucciso in un incidente nella Silicon Valley mentre utilizzava il sistema ha citato in giudizio Tesla nel maggio 2019 , affermando che la tecnologia è difettosa.

Tesla coinvolta in ciascuno degli 11 incidenti in esame utilizzava il pilota automatico o il controllo della velocità di crociera sensibile al traffico quando si sono verificati gli incidenti. NHTSA all’inizio di quest’anno ha detto che stava esaminando 23 incidenti in cui l’Autopilot potrebbe essere stato coinvolto.

 
Da quando il sistema è stato introdotto sette anni fa, i sostenitori della sicurezza hanno sollevato dubbi sul fatto che il nome del pilota automatico suggerisca che la funzione di assistenza alla guida può portare molti utenti a riporre troppa fiducia in esso. Ciò è stato confermato da numerosi proprietari di Tesla che hanno pubblicato video nel corso degli anni che trattano l’Autopilot come un sistema autonomo, con alcuni che dormono al volante o addirittura si siedono sul sedile posteriore mentre viaggiano lungo l’autostrada. Il pilota automatico è un sistema avanzato di assistenza alla guida 2, o ADAS, e l’azienda avverte gli utenti che devono rimanere sempre pronti a prendere il controllo del veicolo.

“Tesla ha trattato i propri clienti come cavie e implementato una tecnologia difettosa che può uccidere le persone con la falsa promessa è un pilota automatico,” Jamie Court, presidente della Consumer Watchdog, un gruppo di pressione di sicurezza di Los Angeles, ha detto in una dichiarazione sul Lunedì. 

Nel 2020 un tribunale tedesco ha stabilito che chiamare il sistema Autopilot era fuorviante per i consumatori e ha vietato a Tesla di utilizzare sia quel termine che la guida completamente autonoma per i veicoli venduti in quel mercato.

 

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi