Mentre molti altri settori sono colpiti dall’inflazione elevata e dal rallentamento dei tassi di crescita, il mercato dei software sufficientemente sofisticati per comunicare digitalmente con gli esseri umani non sta rallentando.

Denominati chatbot, si prevede che la domanda globale di questi esseri umani virtuali aumenterà di quasi il 500% tra il 2020 e il 2027 per diventare un’industria da 2 miliardi di dollari l’anno, secondo una nuova ricerca di mercato .

 
Presentazione Perché rendere operativa la mesh di dati è fondamentale per operare nel cloud (2)
Oggi l’uso di questi assistenti e compagni digitali è già diffuso. Considera che più di due terzi dei consumatori in tutto il mondo hanno interagito con un chatbot negli ultimi 12 mesi e la maggior parte ha riferito di aver avuto un’esperienza positiva. Tuttavia, il 60% dei consumatori afferma di ritenere che gli esseri umani siano migliori degli assistenti virtuali quando si tratta di comprendere i loro bisogni.

Quest’ultima statistica è preoccupante perché pone la domanda: cosa crede l’altro 40%? Suppongono che un algoritmo sia migliore di una persona nel comprendere i bisogni e i desideri umani?

 

I programmi di intelligenza artificiale (AI) e machine learning (ML) che stanno alla base dei chatbot sono capaci di raggiungere risultati straordinari, di cui abbiamo visto solo la punta dell’iceberg. Ma mettersi nei panni degli esseri umani – e sentire i loro sentimenti – non è tra i loro risultati attuali, o probabilmente futuri.

Cioè, aspettarsi che l’IA abbia le emozioni, i desideri, le insicurezze e i sogni degli esseri umani è una falsa pista. Sfortunatamente, la paura degli onnipotenti automi in stile Terminator è un errore con profonde radici nel passato che ci perseguita ancora oggi. Non solo queste paure sono esagerate e antiquate, ma ci distraggono dall’investire in uno dei modi migliori per far progredire l’umanità.

È viva
Più di due secoli fa, Mary Shelley pubblicò Frankenstein e il mondo vide per la prima volta uno scienziato pazzo in piedi sopra un cadavere rianimato e urlando: ” È vivo !” Da quel momento in poi, le persone si sono comprensibilmente preoccupate che gli umani potessero perdere il controllo sulle loro creazioni.

Il franchise di Terminator non ha fatto alcun favore all’innovazione umana, con immagini di robot che guadagnano così tanta sensibilità che si scatenano su tutte le furie omicida e eliminano del tutto gli umani.

Le stesse preoccupazioni persistono oggi, ma con una svolta interessante: un numero sorprendentemente alto di utenti del social chatbot Replika crede che il programma abbia sviluppato una propria coscienza . In un altro caso, un ingegnere di alto livello di Google è stato messo in congedo amministrativo dopo aver affermato che il programma di intelligenza artificiale LaMDA è senziente e ha un’anima.

 
Quello che sta realmente accadendo qui è che l’intelligenza artificiale, creata dalle persone per rispecchiare le persone, sta diventando molto brava nel suo lavoro. Vediamo sempre più un riflesso accurato di noi stessi in questo specchio, e questa è una buona cosa. Significa che l’IA sta migliorando e in futuro elaboreremo usi ancora migliori per essa.

L’errore deriva dal pensare che la tecnologia prenderà vita nello stesso modo in cui gli esseri umani e gli animali sono vivi, credendo che avrà la stessa sete di potere, la stessa vanità e il tipo di piccole lamentele che hanno le persone che creano l’IA. La programmazione di base di una macchina non assomiglierà mai al DNA e agli impulsi naturali di una persona. Per questo motivo, “prendere vita” per una macchina non significa prendere il potere, eliminare le minacce o fare una miriade di altre cose che la nostra immaginazione ha imparato a temere.

L’intelligenza artificiale non ha un’agenda se non quella di imparare, che è esattamente ciò che dovremmo lasciarle fare. Essendo lo strumento più potente mai inventato per la prosperità umana, dovremmo liberare l’IA sull’intera gamma di dati che è stata creata nel corso della storia umana, ma in questo momento, gran parte di quei dati sono nascosti in database disparati in tutto il mondo.

Stiamo perdendo tempo chiedendoci se le macchine sono diventate senzienti o meno . La domanda migliore è: indipendentemente dal fatto che possa pensare da solo, in quali altri modi possiamo sfruttare il fantastico e crescente potere dell’IA per far crescere la ricchezza umana, la salute e la felicità?

Facendo il suo lavoro
L’IA impara e può anche imitare in base a ciò che apprende. In molti casi, imita così bene che le persone credono che sia vivo.

 
Con le sue capacità di apprendimento, l’IA potrebbe curare le malattie , aiutarci a pianificare le città del futuro e persino aiutarci a evitare conflitti armati.

Dobbiamo solo togliere le catene. Con le sue capacità di imitare la vita, l’IA può aiutare a fornire un’esperienza più ricca per tutti coloro che vivono oggi. Questo perché l’IA può avvicinarci alle persone che amiamo, portandole in vita davanti ai nostri occhi.

Che si tratti di algoritmi e immagini che consentono agli atleti dilettanti di conferire con le leggende dello sport nel loro apice tramite la tecnologia del “gemello digitale” o di replicare e preservare uno dei legami più stretti conosciuti sul pianeta, quello tra madre e figlio , l’IA può rendere la vita più felice e più completo.

Per essere chiari, questo non è solo accademico per me. Ho messo i miei soldi e il mio tempo quando la mia bocca è. In qualità di fondatore di una startup tecnologica digitale postuma, YOV . Ho passato ogni giorno dal 2019 a creare software così potenti da preservare la relazione tra me e mia madre malata terminale, utilizzando l’elaborazione del linguaggio naturale e algoritmi di apprendimento automatico che simulano le nostre conversazioni tramite testo.

Sfortunatamente, migliori algoritmi riescono a replicare la vita, più le persone tendono a preoccuparsi che stiano diventando vivi.

Dovremmo invece preoccuparci che la fantascienza ci abbia insegnato a temere l’IA. Ciò che dovrebbe spaventarci è che uno degli strumenti più potenti per il progresso umano potrebbe essere trattenuto dall’ignoranza e impedito di raggiungere il suo pieno potenziale. Ma, semmai, le nostre preoccupazioni sull’IA dovrebbero essere dirette ai programmatori che creano ed eseguono gli algoritmi e le macchine stesse.

Dopotutto, lo sviluppo dell’IA frenato dalla superstizione e dall’ansia è il vero spettacolo dell’orrore.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi