Home / AI tecnologia / La PNL sarà in grado di leggere la lingua dei segni ?

La PNL sarà in grado di leggere la lingua dei segni ?


L’elaborazione del linguaggio naturale (PNL) è uno dei sottocampi più importanti dell’intelligenza artificiale (AI). Implica che i computer siano in grado di analizzare e comprendere il linguaggio umano ed è spesso utilizzato in software di traduzione, chatbot, assistenti vocali e vari strumenti in molti settori. Tuttavia, è spesso incentrato sulle lingue parlate, il che significa che non si rivolge alle oltre 200 lingue dei segni su cui fanno affidamento quasi 70 milioni di persone in tutto il mondo. 

Questo potrebbe presto cambiare man mano che una nuova ricerca affronta il problema. Kayo Yin, studentessa magistrale del Language Technologies Institute, è co-autrice di un nuovo documento che esamina la PNL per le lingue dei segni.

Incluse le lingue dei segni nella PNL
L’articolo intitolato ” Includere le lingue dei segni nell’elaborazione del linguaggio naturale ” ha ricevuto il premio per il miglior articolo a tema al 59° incontro annuale dell’Associazione per la linguistica computazionale. Gli altri coautori includevano Amit Moryossef della Bar-Ilan University in Israele; Julie Hochgesang dell’Università Gallaudet; Yoav Goldberg della Bar-Ilan University e dell’Allen Institute for AI; e Malihe Alikhani della School of Computing and Information dell’Università di Pittsburgh.

“Le lingue dei segni, anche se sono una parte significativa delle lingue utilizzate nel mondo, non sono incluse”, ha detto Yin. “C’è una domanda e un’importanza nell’avere una tecnologia in grado di gestire le lingue dei segni”.

Secondo gli autori, le comunità che usano la lingua dei segni lottano da decenni per imparare e usare le lingue e per farle riconoscere come legittime.

La soppressione della lingua dei segni
“Tuttavia, in una società prevalentemente orale, le persone sorde sono costantemente incoraggiate a usare le lingue parlate attraverso la lettura delle labbra o la comunicazione basata sul testo”, afferma il documento. “L’esclusione delle lingue dei segni dalle moderne tecnologie linguistiche sopprime ulteriormente la firma a favore delle lingue parlate”.

L’interesse di Yin per la lingua dei segni è apparso per la prima volta mentre stava svolgendo un lavoro di sensibilizzazione in un rifugio per senzatetto come studente universitario all’École Polytechnique di Parigi. Ha riconosciuto la difficoltà che le persone sorde avevano nello stabilire connessioni con gli altri, quindi Yin ha iniziato a imparare la lingua dei segni francese e ha reso la traduzione della lingua dei segni uno dei punti focali della sua ricerca universitaria. 

Le lingue dei segni, che si basano principalmente su gesti delle mani, espressioni facciali e movimenti della testa e del corpo, consentono di trasmettere più parole contemporaneamente, a differenza delle lingue parlate. Le lingue dei segni utilizzano anche scorciatoie, che agiscono in modo simile ai pronomi nelle lingue parlate. Gli strumenti di elaborazione della PNL sono estremamente efficienti nel gestire un linguaggio complesso, molto meglio dei modelli di visione artificiale. 

“Abbiamo bisogno che i ricercatori in entrambi i campi lavorino mano nella mano”, ha detto Yin. “Non possiamo comprendere appieno la lingua dei segni se guardiamo solo alle immagini”.

Secondo Hochgesang, una linguista sorda che si concentra sulle lingue dei segni, erano a malapena presenti nella letteratura, nelle classi linguistiche e nelle ricerche incontrate nel perseguimento della sua laurea. Quando si tratta di laurea, il linguaggio coinvolge solo il discorso. 

“Su scala personale, questo ha fatto male. Ha completamente ignorato il mio modo di essere”, ha detto Hochgesang. “Quando ero uno studente, non mi vedevo nei dati descritti e questo rendeva davvero difficile per me connettermi. Che non sia ancora migliorato molto in questi giorni è un peccato. L’unico modo in cui questo genere di cose cambierà è se saremo inclusi di più”.

Yin afferma che il documento è un grande passo avanti per motivare gli individui e riunire le comunità. 

“È davvero emozionante vedere un documento che ho scritto motivare le persone e spero che possa apportare un cambiamento in queste comunità”, ha detto Yin.

 

 

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi