È possibile insegnare all’IA più abilità contemporaneamente? Le visualizzazioni immersive che utilizzano l’olografia sono più vicine alla realtà che mai? Nessuno può dire con certezza cosa riserverà esattamente il futuro dell’intelligenza artificiale (AI). Ma un modo per dare un’occhiata è guardare la ricerca che Nvidia presenterà al Siggraph 2022 , che si terrà dall’8 all’11 agosto.

Nvidia sta collaborando con i ricercatori per presentare 16 articoli al Siggraph 2022, che abbracciano molteplici argomenti di ricerca che incidono sull’intersezione tra grafica e tecnologie di intelligenza artificiale. 


Un documento descrive in dettaglio l’innovazione con modelli di apprendimento per rinforzo, realizzati da ricercatori dell’Università di Toronto e dell’UC Berkeley, che potrebbero aiutare a insegnare più abilità contemporaneamente all’IA.

Un altro approfondisce nuove tecniche per aiutare a costruire mondi virtuali su larga scala con primitive di grafica neurale istantanea . Avvicinandosi alle tecnologie viste solo nella fantascienza, c’è anche la ricerca sull’olografia che un giorno potrebbe aprire la strada a una nuova tecnologia di visualizzazione che consentirà la telepresenza immersiva.


“Il nostro obiettivo è fare un lavoro che avrà un impatto sull’azienda”, ha detto a VentureBeat David Luebke, vicepresidente della ricerca grafica di Nvidia. “Si tratta di risolvere problemi in cui le persone non conoscono già la risposta e non esiste una soluzione ingegneristica facile, quindi devi fare ricerca”.

L’intersezione tra ricerca e IA aziendale
I 16 articoli che Nvidia sta aiutando a presentare si concentrano sulle innovazioni che hanno un impatto sulla grafica, che è ciò di cui tratta lo spettacolo Siggraph. Luebke ha osservato, tuttavia, che quasi tutta la ricerca è rilevante anche per l’uso dell’IA al di fuori del campo grafico.

“Penso alla grafica come a una delle applicazioni di calcolo più difficili e interessanti”, ha affermato Luebke. “Quindi non sorprende che l’IA stia rivoluzionando la grafica e la grafica stia fornendo una vera vetrina per l’IA”.

Luebke ha affermato che i ricercatori che hanno lavorato al modello di apprendimento per rinforzo in realtà si considerano più nel campo della robotica che della grafica. Il modello ha una potenziale applicabilità ai robot così come a qualsiasi altra IA che deve imparare a eseguire più azioni.

“Il problema della grafica è che è davvero, davvero difficile ed è davvero, davvero avvincente”, ha detto. “Siggraph è un luogo in cui mostriamo le nostre realizzazioni grafiche, ma quasi tutto ciò che facciamo lì è applicabile anche in un contesto più ampio”.

Olografia computazionale e futuro della telepresenza
Durante la pandemia di COVID-19, individui e organizzazioni in tutto il mondo acquisiscono improvvisamente molta più familiarità con le tecnologie di videoconferenza come Zoom. C’è stato anche un uso crescente dell’utilizzo delle cuffie per realtà virtuale, collegandosi al concetto emergente del metaverso . Il metaverso e la telepresenza potrebbero un giorno diventare molto più coinvolgenti.
Uno dei documenti presentati da Nvidia al Siggraph ha a che fare con un concetto noto come olografia computazionale. Luebke ha spiegato che a livello di base, l’olografia computazionale è una tecnica in grado di costruire una scena tridimensionale, in cui l’occhio umano può concentrarsi ovunque all’interno di quella scena e vedere la cosa corretta come se fosse davvero lì. La ricerca presentata al Siggraph descrive in dettaglio alcuni nuovi approcci all’olografia computazionale che potrebbero un giorno portare a visori VR che sono notevolmente più sottili delle opzioni attuali, fornendo un’esperienza più coinvolgente e realistica.

“Questo è stato una specie di Santo Graal per la computer grafica per anni e anni”, ha detto Luebke a proposito del lavoro sull’olografia computazionale. “Questa ricerca sta dimostrando che è possibile utilizzare il calcolo, comprese le reti neurali e l’intelligenza artificiale, per migliorare la qualità dei display olografici che funzionano e hanno un bell’aspetto”.

Guardando oltre i semplici articoli presentati al Siggraph, Luebke ha affermato che la ricerca Nvidia è davvero interessata alle innovazioni della telepresenza. 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi