Home / AI tecnologia / La tirannia della struttura la lotta tra strutture centralizzate e le strutture distribuite

La tirannia della struttura la lotta tra strutture centralizzate e le strutture distribuite

di Amir Husain
 
Le strutture organizzative sono al centro dell’impegno umano e riflettono profondamente nelle istituzioni umane. Vi è oggi una tensione particolarmente pronunciata tra i due principali stili di strutture organizzative; centralizzato e distribuito. Non è necessaria alcuna spiegazione sull’aspetto delle strutture centralizzate. Li abbiamo visti e abbiamo interagito con loro. Il governo federale, la maggior parte delle principali istituzioni finanziarie, comprese le banche centrali e le forze armate convenzionali. Questi sono tutti esempi di organizzazioni centralizzate. Ma la centralizzazione non è solo un segno distintivo delle istituzioni. È anche una caratteristica di progettazione in sistemi su larga scala che sono al centro di grandi volumi di attività economica. Ad esempio, prendi il motore di ricerca di Google. Non è che un altro esempio di sistema centralizzato; uno che raccoglie informazioni da tutto il Web e le mantiene in un database centralizzato, gestito da una singola azienda e governato da un piccolo gruppo di dirigenti, sviluppatori ed esperti di tecnologia dell’informazione. La maggior parte dei servizi basati su cloud in voga oggi sono tutti sistemi centralizzati. Anche se possono avere componenti distribuiti in modo minimo in diverse aree geografiche per motivi di prestazioni, le loro strutture informative, meccanismi di controllo e meccanismi di governance rimangono tutti centrali.

E che dire delle organizzazioni e delle strutture distribuite? Dal mondo finanziario possiamo identificare due esempi di sistemi distribuiti che hanno occupato i titoli dei giornali di recente. Il primo è un negozio di valore decentralizzato, la criptovaluta Bitcoin. Questo è sia un mezzo di scambio a bassa frequenza che una riserva di valore ad alto volume che non richiede alcuna autorità centralizzata per funzionare. Può essere “minato” o prodotto da chiunque sia collegato alla rete bitcoin peer-to-peer, che segue le regole ed esegue i calcoli richiesti per essere un partecipante bitcoin. Tutti sono uguali in un sistema di questo tipo e nessuna entità esercita un’autorità maggiore di qualsiasi altra entità partecipante. Un altro esempio dal mondo della finanza è la community di “fondi hedge distribuiti” di WallStreetBets (WSB) su Reddit. Questo è un raduno di centinaia di migliaia di persone per lo più piccole, investitori al dettaglio che si formano ciascuno le proprie opinioni, ma possono essere influenzati da un flusso aperto di idee, opinioni e informazioni condivise con loro da altri partecipanti WSB. Nessuno può costringere la comunità WSB ad agire in un certo modo, ma può davvero emergere un consenso tra di loro. Ciò che risulta da un tale consenso può essere una potente forza economica, come è stato dimostrato nel recente incidente di breve compressione di GameStop (GME).


I sistemi distribuiti vanno oltre la finanza, ovviamente. In campo militare, gli sciami di droni autonomi su terra, mare e aria sono esempi di sistemi distribuiti emergenti che non richiedono un controller centralizzato per raggiungere i loro obiettivi di missione. Nella governance e nella struttura degli stati nazione, commonwealth, confederazioni e federazioni sono tutti esempi che esistono nel continuum dei sistemi distribuiti e centralizzati. Gli Stati Uniti hanno iniziato ad essere un sistema molto più distribuito di quanto lo siano oggi. Al quadro governativo sono stati aggiunti molti più organismi centralizzati, sovra-autorità, leggi e regolatori di quanto previsto dai fondatori del paese. Che sia buono o cattivo, bisogna riconoscere l’importanza di scegliere la struttura giusta per un sistema, un’azienda o un paese. I paradigmi centralizzati o distribuiti proiettano una struttura sui sistemi,

Centralizzare o distribuire è una questione fondamentale di progettazione sociale. Dobbiamo potenziare ulteriormente le banche centrali abilitando restrizioni su depositi distribuiti di valore e mezzi di scambio, come la criptovaluta, o dovremmo consentire alle persone di utilizzare la tecnologia per abilitare direttamente gli scambi? La scelta dell’uno o dell’altro ha enormi implicazioni e sposta il valore economico e le opportunità dalle banche e dagli intermediari alle parti impegnate nelle transazioni. Dobbiamo innovare tramite organizzazioni grandi, complesse e centralizzate come la NASA o la DARPA? O dovremmo distribuire le risorse tra dozzine o centinaia di aziende e dipartimenti di ricerca universitari, consentendo loro di formare le proprie collaborazioni quando è necessaria la scala?

Considera la rete elettrica, i regolatori e le utenze. Tutti questi operano come strutture abbastanza centralizzate. Durante la tempesta invernale del 2021 in Texas, è diventato chiaro come la dipendenza da strutture centralizzate possa significare un disastro. L’Electric Reliability Council of Texas (ERCOT), il supervisore della rete in Texas, era tristemente impreparato. E questo significava che tutti erano impreparati. Milioni di persone sono rimaste senza corrente per giorni in tutto il Texas. I prezzi del gas sono aumentati a 9,99 dollari al gallone, i tassi dell’elettricità si sono avvicinati alla stratosfera, raggiungendo i 9.000 dollari/ Mwh, in aumento da $ 50 / Mwh pochi giorni prima, e anche allora, le case sono state sottoposte a blackout continui che le privavano di calore, acqua, comunicazioni e servizi di base quando la temperatura esterna era -15 ‘C e il virus COVID dilaga . Questo contrasta con molte nazioni nel mondo in via di sviluppo dove i proprietari di casa mitigano le loro aspettative nei confronti di entità centralizzate. Assumono semplicemente che si verificheranno abbassamenti di tensione e blackout. Sono dotati di energia solare, UPS, generatori e altri mezzi di produzione distribuiti. In un fenomeno che può essere descritto solo come “equilibrio emergente”, migliaia di sistemi di produzione di energia distribuita si accendono e si spengono per immagazzinare o produrre energia, in base al comportamento della rete centralizzata. Questo potrebbe non essere il sistema più efficiente, ma è resiliente. E con la tecnologia solare, eolica e delle batterie di nuova generazione, potrebbe benissimo avvicinarsi all’efficienza di un sistema centralizzato. A quel punto il sistema centralizzato diventa una responsabilità? O forse passa da un sistema di approvvigionamento centralizzato (alcuni direbbero monopolizzato) a un mercato libero in cui possono aver luogo scambi di energia peer-to-peer.

In nessun luogo la tensione tra sistemi distribuiti e centralizzati è più palpabile che nei settori dell’informazione, delle comunicazioni e dei computer. Facebook è un sistema di archiviazione centralizzato per dati personali, immagini, scambi intimi e informazioni di geolocalizzazione per oltre due miliardi di persone in tutto il mondo. Questo database pone un’enorme quantità di potere e controllo nelle mani di una singola entità. Non ostacolando la capacità di una singola azienda di accedere a questa quantità di informazioni, abbiamo implicitamente consentito l’esistenza di tali strutture centralizzate. Inoltre, continuiamo a replicarli con Whatsapp, TikTok, Tinder, Clubhouse e altro ancora. Esistono social network distribuiti, come Mastodon, dove nessuna entità controlla tutte le informazioni, ma queste non sono ancora decollate.

Google è una ricerca centralizzata. Salesforce è un archivio centralizzato di opportunità commerciali in dozzine di settori. Zoom è un servizio di comunicazione multimediale centralizzato in grado di instradare, memorizzare, interpretare o analizzare qualsiasi scambio che scorre attraverso di esso. Può persino inviare il tuo video in Cina senza che tu lo sappia. Cellulari e telefoni fissi, Whatsapp, SMS, Dropbox, E-mail… sono tutti sistemi informativi centralizzati non controllati dall’utente. Per la maggior parte, gli utenti non hanno scelto attivamente di strutturare i nostri sistemi informativi in ​​questo modo centralizzato. I sistemi centralizzati possono essere più efficienti, soggetti a un maggiore controllo da parte di un’azienda o di un governo che offre il sistema e talvolta anche più facili da usare. Quando sono l’unica scelta e la connettività e l’accesso alle informazioni sono esigenze fondamentali, allora non c’è altra scelta che accorrere a loro. I sistemi di scambio distribuiti sono esistiti e persino scalati in passato, ma con l’avvento delle destinazioni web in stile portale, poi i social network e ora il dilagante cloud computing, sono per lo più caduti nel dimenticatoio.

Negli anni ’70, quando la connettività punto a punto tra sistemi informatici facilitata da linee telefoniche dialup era comune, il protocollo UUCP (da unix a unix) era un metodo ampiamente utilizzato per lo scambio peer-to-peer di informazioni, e-mail, e altre risorse digitali. I nodi nella rete raggiungerebbero uno o pochi altri nodi, che a loro volta raggiungerebbero altri, alla fine instradando le informazioni e diffondendole attraverso la rete più ampia. Se un nodo si guasta, dovresti semplicemente aggirarlo. Oggi, Gmail e Microsoft Exchange 365 ospitano la posta elettronica di tutti. Sai con sicurezza al 100% cosa succede alle informazioni memorizzate lì? Sai, senza dubbio, che nessun dipendente o attore maligno può accedere o abusare di queste informazioni? 

Il governo degli Stati Uniti ha scoperto che gli archivi centralizzati rappresentano un enorme rischio per la sicurezza nazionale del paese quando, nel 2015, l’Office of Personnel Management (OPM) è stato violato e tutti i dati di centinaia di migliaia di dipendenti e appaltatori governativi, persone con nulla osta di sicurezza , è trapelato. Ciò includeva sfondi dettagliati, riepiloghi finanziari, informazioni su famiglie, lavoro, contatti; l’intero record delle loro vite in grande dettaglio. Si potrebbe pensare che informazioni come questa sarebbero protette, crittografate e protette nel miglior modo possibile. Ma i grandi archivi centralizzati sono terribilmente difficili da proteggere. Presentano un bersaglio enorme e danno agli attaccanti grandi ricompense grazie alle taglie che immagazzinano all’interno. Sono come El Dorado, la favolosa città d’oro azteca, e tutti conoscono la strada per raggiungerli.

Peter Turchin, professore presso l’Università del Connecticut, è l’ideatore di “Cliodynamics”, uno studio basato sui dati dei fattori che contribuiscono all’ascesa e alla caduta di società e imperi. Egli ipotizza che non sia la carenza di risorse o la disparità, di per sé, a causare il crollo delle civiltà. Invece, è il fenomeno della “sovrapproduzione d’élite”; un conflitto tra le élite creato quando troppe persone relativamente ricche e in ascesa sono prodotte in una società che offre posizioni privilegiate solo per pochi di loro. Quando i quadri di un’élite altrimenti abilitata dal punto di vista educativo e ricca di risorse non possono ottenere posizioni a cui aspirano, iniziano a fomentare la rivolta, la ribellione e avviare spirali discendenti che fanno sprofondare la società. Visto in un certo senso, questo non è altro che una conseguenza – anche la maledizione della – centralizzazione. Una struttura centrale ha al suo vertice un unico leader. Ci sono solo tante posizioni possibili nel secondo, terzo e gradino inferiore. Quando le popolazioni diventano grandi, una struttura centralizzata impone un limite naturale al numero di persone che possono occupare posizioni chiave. È importante capire che questa è una conseguenza della struttura centralizzata stessa. Non c’è niente che si possa fare per alleviare l’effetto; l’effetto è incorporato nella struttura.

Si potrebbe quindi concludere che, se si deve credere alla ricerca di Turchin e alla vasta enumerazione delle catastrofi a scala di civiltà, esse derivano da lotte intestine d’élite causate da strutture centralizzate. Naturalmente, man mano che una società si sviluppa e diventa più prospera, aumenta anche il numero di persone che sviluppano aspirazioni più elevate. Questa non è una cosa terribile. Ma quando queste aspirazioni si mescolano a strutture che impongono un limite naturale al numero di aspiranti che possono realizzare i propri sogni, il risultato è un mix tossico ed esplosivo. Nel prospero mondo del 2050, quando 10 miliardi di persone, arricchite da tecnologie esponenziali, risiederanno nelle nostre nazioni e nei nostri continenti, possiamo rischiare strutture centralizzate che possano praticamente garantire conflitti e instabilità?

Risolvere la questione distribuita rispetto a quella centralizzata in diversi contesti sembra essere la questione chiave della civiltà che affrontiamo oggi. Quali sono i canti insulari e xenofobi per l’ultra-nazionalismo se non un rifiuto delle politiche, degli accordi e delle strutture centralizzate che potrebbero governare una comunità di nazioni? Cos’è Bitcoin se non un rifiuto del controllo governativo sull’espansione monetaria e della credibilità dell’IPC (Indice dei prezzi al consumo) come misura dell’inflazione? Cosa sono gli sciami di droni se non un attacco decentralizzato e distribuito su piattaforme centralizzate, storicamente così amate dai militari? Qual è il movimento contro il riconoscimento facciale se non un rifiuto della registrazione biometrica centralizzata che molti temono sia un tentativo di aumentare il controllo sulle popolazioni? Cos’è la campagna #DeleteFacebook se non un’espressa avversione alla larga scala, raccolta centralizzata di informazioni personali? E cosa sono migliaia di canali YouTube educativi, la Khan Academy e dozzine di piattaforme aperte di corsi se non la distribuzione della conoscenza che riduce il monopolio sull’apprendimento di cui godono le grandi università centralizzate?

Ieri, quando la tecnologia non era sufficientemente sofisticata per consentire efficienze del tipo che vediamo oggi, la centralizzazione aveva un valore. Ma in un mondo in cui le comunicazioni dirette e l’elaborazione a basso costo su larga scala delle informazioni sono possibili e persino banali, lo scopo della centralizzazione è devoluto a beneficio delle entità che consentono la centralizzazione? Purtroppo, uno di questi “vantaggi” potrebbe essere il controllo sugli utenti finali – l’uomo comune – il cittadino. Questo controllo può essere monetizzato se sei un operatore di social network commerciale o può manifestarsi come soppressione se sei un governo brutale. Ma in quasi tutti i casi, ora ha poco valore per gli individui su entrambe le estremità dello scambio. Mentre scopriamo gli aspetti brutali dei paradigmi centralizzati in un mondo in cui l’elaborazione delle informazioni su larga scala e l’intelligenza artificiale sono fenomeni quotidiani,

Stiamo entrando in un tale mondo. Un mondo non di società Global 2000, di 195 paesi, del G-8 o del G-20. Ma un mondo di sette miliardi di esseri umani connessi e autonomi che partecipano a uno scambio paritario. Prepariamoci al caos, al nuovo ordine.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi