Questo algoritmo ha opinioni sulla tua faccia
Il progetto Stevens AI modella le prime impressioni in base alle caratteristiche facciali

Quando due persone si incontrano, si valutano all’istante, emettendo giudizi rapidi su tutto, dall’età dell’altra persona alla loro intelligenza o affidabilità, basandosi esclusivamente sul loro aspetto. Quelle prime impressioni, sebbene spesso imprecise, possono essere estremamente potenti, plasmare le nostre relazioni e avere un impatto su tutto, dalle decisioni di assunzione alle condanne penali.  

I ricercatori dello Stevens Institute of Technology, in collaborazione con la Princeton University e l’Università di Chicago, hanno ora insegnato un algoritmo di intelligenza artificiale per modellare queste prime impressioni e prevedere con precisione come verranno percepite le persone in base a una fotografia del loro viso. L’opera compare oggi, nel numero del 21 aprile degli Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.

“C’è un ampio corpus di ricerche che si concentra sulla modellazione dell’aspetto fisico dei volti delle persone”, ha affermato Jordan W. Suchow, scienziato cognitivo ed esperto di intelligenza artificiale presso la School of Business di Stevens. “Stiamo unendo tutto ciò con i giudizi umani e utilizzando l’apprendimento automatico per studiare le prime impressioni di parte delle persone l’una sull’altra”.

Suchow e il team, tra cui Joshua Peterson e Thomas Griffiths a Princeton, e Stefan Uddenberg e Alex Todorov allo stand di Chicago, hanno chiesto a migliaia di persone di dare le loro prime impressioni su oltre 1.000 foto di volti generate al computer, classificate utilizzando criteri come quanto intelligente, il soggetto di una fotografia sembrava essere eleggibile, religioso, degno di fiducia o estroverso. Le risposte sono state quindi utilizzate per addestrare una rete neurale a formulare giudizi simili sulle persone basati esclusivamente sulle fotografie dei loro volti.

“Data una foto della tua faccia, possiamo usare questo algoritmo per prevedere quali sarebbero le prime impressioni delle persone su di te e quali stereotipi proietterebbero su di te quando vedranno la tua faccia”, ha spiegato Suchow. 

Molte delle scoperte dell’algoritmo sono in linea con le intuizioni o i presupposti culturali comuni: le persone che sorridono tendono ad essere viste come più affidabili, ad esempio, mentre le persone con gli occhiali tendono ad essere viste come più intelligenti. In altri casi, è un po’ più difficile capire esattamente perché l’algoritmo attribuisce un tratto particolare a una persona.

“L’algoritmo non fornisce feedback mirati o spiega perché una determinata immagine evoca un giudizio particolare”, ha detto Suchow. “Ma anche così può aiutarci a capire come siamo visti: potremmo classificare una serie di foto in base a quella che ti fa sembrare più affidabile, ad esempio, permettendoti di scegliere come presentarti”.

Sebbene originariamente sviluppato per aiutare i ricercatori psicologici a generare immagini di volti da utilizzare in esperimenti sulla percezione e sulla cognizione sociale, il nuovo algoritmo potrebbe trovare usi nel mondo reale. Le persone curano attentamente la propria personalità pubblica, ad esempio, condividendo solo le foto che ritengono le facciano sembrare più intelligenti, sicure di sé o attraenti, ed è facile vedere come l’algoritmo potrebbe essere utilizzato per supportare tale processo, ha affermato Suchow. Perché c’è già una norma sociale intorno al presentarsi in una luce positiva, che elude alcune delle questioni etiche che circondano la tecnologia, ha aggiunto.

Ancora più preoccupante, l’algoritmo può essere utilizzato anche per manipolare le foto per far apparire il soggetto in un modo particolare, magari facendo apparire un candidato politico più affidabile o facendo sembrare il suo avversario poco intelligente o sospettoso. Mentre gli strumenti di intelligenza artificiale vengono già utilizzati per creare video “deepfake” che mostrano eventi che non sono mai realmente accaduti, il nuovo algoritmo potrebbe alterare sottilmente le immagini reali per manipolare l’opinione dello spettatore sui loro soggetti.

“Con la tecnologia, è possibile scattare una foto e creare una versione modificata progettata per dare una certa impressione”, ha detto Suchow. “Per ovvi motivi, dobbiamo stare attenti a come viene utilizzata questa tecnologia”.

Per salvaguardare la propria tecnologia, il team di ricerca si è assicurato un brevetto e ora sta creando una startup per concedere in licenza l’algoritmo per scopi etici pre-approvati. “Stiamo adottando tutte le misure possibili per garantire che questo non venga utilizzato per fare del male”, ha detto Suchow.

Mentre l’attuale algoritmo si concentra sulle risposte medie a un determinato volto in un ampio gruppo di spettatori, Suchow spera poi di sviluppare un algoritmo in grado di prevedere come un singolo individuo risponderà al volto di un’altra persona. Ciò potrebbe fornire informazioni molto più dettagliate sul modo in cui i giudizi affrettati modellano le nostre interazioni sociali e potenzialmente aiutare le persone a riconoscere e guardare oltre le loro prime impressioni quando prendono decisioni importanti. 

“È importante ricordare che i giudizi che stiamo modellando non rivelano nulla sulla personalità o sulle competenze effettive di una persona”, ha spiegato Suchow. “Quello che stiamo facendo qui è studiare gli stereotipi delle persone, ed è qualcosa che dovremmo tutti sforzarci di capire meglio”.



Modelli profondi di giudizi superficiali sul volto

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi