Le macchine sentono dolore?
Scienziati di tutto il mondo hanno trovato modi per portare un senso di consapevolezza ai robot, incluso provare dolore, reagire ad esso e resistere a condizioni operative difficili.
 
“Fa male quando ti sparano?” chiede Edward Walter Furlong, guardando un giubbotto di pelle con i fori di proiettile. “Sento ferite, i dati potrebbero essere chiamati dolore”, risponde Arnold Schwarzenegger. Le battute del blockbuster di fantascienza Terminator 2: Il giorno del giudizio anticipano “macchine con una mente”. 

Il dolore è relativo e se ha senso o meno che le macchine cablate diventino senzienti è un punto controverso.

Il dottor Ben Seymour dell’Università di Cambridge afferma: “Il dolore è l’apice della coscienza, ovviamente non è piacevole”. L’università ha pubblicato un breve documentario, “Pain in Machine” per esplorare ulteriormente il concetto.


La codifica dei robot con “sentimenti umani” ha applicazioni più ampie. Tali robot possono aiutare le persone nello spettro a sviluppare abilità sociali. I social bot sono disponibili per aiutare i veterani a far fronte al PTSD (disturbo da stress post-traumatico) e come compagni di geriatria. In Giappone, molte persone si affidano ai robot per tenere a bada la depressione.

Il dottor Nikhil Agarwal, CEO di IIT Kanpur (FIRST, AIIDE e C3i Hub) , afferma che la definizione di dolore non è la stessa per gli esseri umani e le macchine. “In una macchina, il dolore è legato all’attività della macchina, ad esempio: se è presente l’hardware e viene utilizzata per un lungo periodo, ciò ne provoca l’usura e richiede la sostituzione. In termini di software, se c’è un bug nel programma, un virus o un codice dannoso, ciò causa un dolore che deve essere curato”.

Uncanny Valley

Le sembianze umane dei robot possono scoraggiarci. Il concetto si chiama Uncanny Valley. 

“Le macchine provano dolore?” è una domanda molto filosofica, afferma Anuj Gupta, Head of AI , Vahan . “Alcuni robot reagiscono quando vengono colpiti. Significa che ‘sentono’ dolore – no. La loro reazione è una combinazione di sensori e software. È come un giocattolo che reagisce ai gesti delle mani. Attualmente, le macchine non possono sentire nulla. Possono essere programmati per ingannare gli umani simulando le emozioni umane, incluso il dolore”. 

Alcuni anni fa, gli scienziati della Nanyang Technological University, Singapore, hanno sviluppato dei “mini-cervelli” per aiutare i robot a riconoscere il dolore e attivare l’auto-riparazione. 

Da sinistra: il Professore Associato Nripan Mathews, il Dr Rohit Abraham John e il Professore Associato Arindam Basu hanno sviluppato un modo in cui i robot hanno l’intelligenza artificiale (AI) per riconoscere il dolore e per autoripararsi quando vengono danneggiati. Credito fotografico: NTU
 

L’approccio incorpora l’IA nei nodi dei sensori, collegati a più unità di elaborazione piccole e meno potenti che agiscono come “mini-cervelli” sulla pelle robotica. Quindi, combinando il sistema con materiale in gel ionico autorigenerante, i robot, quando danneggiati, possono recuperare le loro funzioni meccaniche senza l’intervento umano.

Spiegando i ‘mini-cervelli’, coautore dello studio, il professore associato Arindam Basu, della School of Electrical & Electronic Engineering dell’università, afferma: “Se i robot devono lavorare con gli umani, c’è da preoccuparsi se lo farebbero interagire in sicurezza. Per garantire un ambiente sicuro, gli scienziati di tutto il mondo hanno trovato modi per portare un senso di consapevolezza ai robot, incluso provare dolore, reagire ad esso e resistere a condizioni operative difficili. Tuttavia, la complessità di mettere insieme la moltitudine di sensori richiesti e la conseguente fragilità di un tale sistema è un ostacolo importante per un’adozione diffusa”.

Mikhail Lebedev, supervisore accademico presso il Center for Bioelectric Interfaces dell’Università HSE, afferma: “I robot possono persino stimolare sensazioni di dolore: alcune forme di contatto fisico che hanno una sensazione normale o un contatto che provoca dolore. Questo contatto cambia drasticamente il comportamento del robot. Inizia a evitare il dolore ea sviluppare nuovi modelli di comportamento, cioè impara – come un bambino che è stato bruciato da qualcosa di caldo per la prima volta”.

Affetto

I ricercatori dell’Università di Osaka, in Giappone, hanno sviluppato un robot realistico, Affetto, con la pelle sintetica e la capacità di provare dolore .

Affetto può distinguere tra un tocco leggero o un colpo duro. Il team dietro il robot ha affermato che aiuterebbe i robot a comprendere ed entrare in empatia con gli umani.

Affetto è dotato di un “sistema nervoso del dolore” alimentato dall’IA) e di una tecnologia per la pelle personalizzata per reagire alle sensazioni utilizzando una varietà di espressioni facciali.

Minoru Asada, il ricercatore capo del progetto, ha dichiarato: “Ingegneri e scienziati dei materiali hanno sviluppato un nuovo sensore tattile e lo hanno collegato ad Affetto, che ha uno scheletro realistico del viso e del corpo ricoperto di pelle artificiale”.

Affetto può discriminare tra tocchi delicati e duri dai segnali rilevati e il collegamento di sensori cutanei ad Affetto aiuta il robot a evitare qualsiasi tocco che causi “dolore”. I robot sociali vengono programmati per mostrare reazioni empatiche al dolore negli altri attraverso un meccanismo di rispecchiamento simile a quello sperimentato dagli esseri umani”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi