Home / Robot / Le nazioni che invecchiano puntano sulla robotica i robot vengono adottati più ampiamente man mano che la popolazione diventa più anziana

Le nazioni che invecchiano puntano sulla robotica i robot vengono adottati più ampiamente man mano che la popolazione diventa più anziana


Un nuovo studio del MIT mostra che le popolazioni più anziane accelerano l’automazione
 

Un nuovo studio degli economisti del Massachusetts Institute of Technology mostra che i robot vengono adottati più ampiamente man mano che la popolazione invecchia, il che colma le lacune in una forza lavoro industriale che invecchia.

Daron Acemoglu è un economista del MIT e coautore dello studio.

“Il cambiamento demografico – l’invecchiamento – è uno dei fattori più importanti che portano all’adozione della robotica e di altre tecnologie di automazione”, afferma Acemoglu.

Secondo lo studio, l’invecchiamento da solo rappresenta il 35% della variazione tra i paesi quando si tratta di adottare i robot.

“Forniamo molte prove per sostenere che questa è una relazione causale ed è guidata proprio dalle industrie che sono più colpite dall’invecchiamento e hanno opportunità di automatizzare il lavoro”, continua Acemoglu

Il documento intitolato “Demographics and Automation” è stato pubblicato da The Review of Economic Studies. È stato condotto anche da Pacual Restrepo, un assistente professore di economia alla Boston University.

Basandosi su ricerche precedenti
Il presente studio si basa su documenti precedenti dei due autori. Quei documenti riguardavano l’automazione, i robot e la forza lavoro e includevano la quantificazione dello spostamento di posti di lavoro negli Stati Uniti a causa dei robot. Ha osservato gli effetti a livello aziendale dell’uso dei robot e ha identificato gli anni ’80 come un momento chiave nella sostituzione dei posti di lavoro con i robot.

Il nuovo studio ha esaminato più livelli di dati demografici, tecnologici e di settore dai primi anni ’90 fino alla metà degli anni ‘2010. Gli autori hanno scoperto una relazione notevole tra la forza lavoro che invecchia e l’impiego di robot in 60 diverse contee. 

I ricercatori hanno anche scoperto che il 35 percento della variazione nell’uso dei robot tra i paesi era dovuto al solo invecchiamento e il 20 percento della variazione nelle importazioni di robot era dovuto anche al solo invecchiamento.

Le differenze tra i paesi
Quando si tratta di paesi specifici, la Corea del Sud sta invecchiando più rapidamente e adottando i robot più ampiamente, mentre la popolazione anziana della Germania rappresenta l’80% della differenza nell’implementazione dei robot tra essa e gli Stati Uniti 

“I nostri risultati suggeriscono che un bel po’ di investimenti nella robotica non è guidato dal fatto che questa è la prossima ‘incredibile frontiera’, ma perché alcuni paesi hanno carenza di manodopera, in particolare di manodopera di mezza età che sarebbe necessaria per gli operai lavoro”, dice Acemoglu.

I due autori hanno anche esaminato i dati a livello di settore in 129 paesi e hanno scoperto che tutto ciò è vero anche per i tipi di automazione non robotici.

“Troviamo la stessa cosa quando guardiamo ad altre tecnologie di automazione, come macchinari a controllo numerico o macchine utensili automatizzate”, afferma Acemoglu. “Non troviamo relazioni simili quando guardiamo a macchinari non automatizzati, ad esempio macchine utensili non automatizzate o cose come i computer”.

Questa ricerca può fornire informazioni su altre tendenze su larga scala. Ad esempio, c’è una notevole differenza tra l’adozione dell’automazione in risposta alla carenza di manodopera e come un modo per tagliare i costi e sostituire i lavoratori. Mentre i robot in Germania sono più spesso implementati per compensare l’assenza di lavoratori, i robot negli Stati Uniti spesso sostituiscono la forza lavoro più giovane.

“Questa è una potenziale spiegazione del motivo per cui la Corea del Sud, il Giappone e la Germania – i leader negli investimenti nei robot e i paesi che invecchiano più rapidamente al mondo – non hanno visto risultati del mercato del lavoro [così negativi] come quelli negli Stati Uniti”, afferma Acemoglu .

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi