Home / Economia / Le tensioni tra Google e Deepmind

Le tensioni tra Google e Deepmind

Secondo quanto riferito, DeepMind ha perso un’offerta lunga un anno per ottenere una maggiore indipendenza da  
Ci sono tensioni di lunga data tra DeepMind e la nave madre

 
Le tensioni tra Google e il suo cervello AI credono in DeepMind sono sempre state affascinanti. Per mettere la relazione in termini semplici: DeepMind, fondata nel 2010, ospita alcuni dei migliori ricercatori di intelligenza artificiale al mondo che producono un flusso costante di articoli accademici e copertine di Nature . Google, nel frattempo, ha acquistato DeepMind nel 2014 e ha finanziato le sue grandi perdite , e vuole davvero spremere un po ‘di soldi da tutti quei cervelli succosi.

Ecco perché una storia recente sulle due società del Wall Street Journal è così interessante. In esso, Parmy Olson riferisce che Google ha concluso trattative di anni tra le due aziende, rifiutando infine una richiesta di DeepMind per una maggiore indipendenza.

SECONDO QUANTO RIFERITO, UN’IDEA SUGGERITA ERA CHE DEEPMIND AVESSE LO STATUS DI NON PROFIT
Secondo Olson, DeepMind ha detto al personale che i colloqui erano terminati “alla fine del mese scorso”. Un suggerimento dei fondatori di DeepMind era apparentemente che la società avesse la stessa struttura legale di un’organizzazione no profit, “ragionando sul fatto che la potente intelligenza artificiale su cui stavano ricercando non dovrebbe essere controllata da una singola entità aziendale, secondo le persone che hanno familiarità con quei piani”. Ma Google non era d’accordo con questo, dicendo a DeepMind che non aveva senso considerando quanti soldi la società ha riversato in DeepMind.

Questo conflitto non è sorprendente. I dirigenti di Google hanno ripetutamente affermato che il futuro dell’azienda risiede nell’intelligenza artificiale e numerose notizie suggeriscono che la nave madre abbia fatto pressioni su DeepMind per commercializzare il suo lavoro. Ciò ha portato a progetti di DeepMind che utilizzano la sua ricerca per migliorare la durata della batteria su Android e ridurre i costi energetici nei suoi data center , ma i vantaggi finanziari di questi sforzi non sono chiari. Nel frattempo, le perdite dell’azienda britannica continuano ad aumentare, raggiungendo un massimo di 477 milioni di sterline (circa 660 milioni di dollari) nei suoi documenti pubblici più recenti per il 2019. Se Google vuole il valore dei suoi soldi, non può dare a DeepMind qualcosa come lo status di non profit.


Oltre alle pressioni finanziarie, un altro motivo di contesa tra le due società sembra essere la supervisione etica. Un elemento molto strombazzato nell’acquisizione di DeepMind da parte di Google è stata la promessa che Google avrebbe istituito un comitato etico per garantire che la sua tecnologia fosse sempre distribuita in modo equo. La natura e lo scopo esatti di questo consiglio, incluso chi vi siede, sono sempre stati poco chiari. Un rapporto del 2019 dell’Economist afferma che il consiglio detiene persino la proprietà di qualsiasi intelligenza artificiale generale creata da DeepMind, un termine che si riferisce all’intelligenza artificiale che soddisfa o supera le capacità umane in una vasta gamma di compiti.

Lo stato di questo consiglio non è menzionato nel rapporto del WSJ , ma Olson osserva che il lavoro futuro di DeepMind sarà ora supervisionato da un comitato etico separato “composto principalmente da dirigenti senior di Google”. Olson ha notato in un tweet che questo è l’Advanced Technology Review Council, o ATRC. Secondo quanto riferito, questo è il “comitato di revisione più alto” di Google.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi