Home / curiosità / Lil Miquela robot intelligente di 19 anni su instagram

Lil Miquela robot intelligente di 19 anni su instagram

I creatori virtuali non sono AI, ma l’AI sta arrivando per loro


Uno degli elementi più influenti di Instagram è un robot intelligente di 19 anni. 1,5 milioni di follower di Lil Miquela la guardano mangiare sorbetto sulla spiaggia, visitare le sue gallerie d’arte preferite e frequentare altri modelli di robot. Tranne che Lil Miquela non è davvero un essere intelligentemente artificiale. Anche lei non è un robot.

Lil Miquela è un influencer digitale creato utilizzando la motion graphics, qualcosa che le aziende sono state a lungo in grado di fare. Ma anche se non è veramente una creazione di intelligenza artificiale, il suo successo ha ispirato i venture capitalist come Betaworks ad investire pesantemente in creatori virtuali e lavorare con le startup per far progredire la tecnologia. Il futuro degli influencer, secondo il direttore generale del bootcamp di Betaworks, Danika Laszuk, sono gli esseri digitali che sono effettivamente alimentati dall’IA.

Il prossimo campo di avvio di Betaworks si concentrerà su ciò che Laszuk chiama “media sintetici” – una combinazione di immagini generate al computer e funzionalità AI. La società prevede di realizzare una serie di investimenti da $ 200.000 in 10 startup che desiderano creare una tecnologia in grado di creare migliori influencer digitali. Per quelli che hanno successo, ci sono soldi da fare: Lil Miquela ha lavorato con marchi come Supreme e grandi magazzini come Barney’s. Potrebbe non essere reale, ma i soldi lo sono.

“La percezione di ciò che è influente, o chi è un influencer, sta cambiando”, ha detto Laszuk.

I CREATORI VIRTUALI SONO QUI
Fu Lil Miquela a catturare l’interesse di Betaworks. “Abbiamo iniziato a prestare attenzione a questo spazio all’inizio dell’anno scorso”, ha detto Laszuk. Ha detto che due tendenze si sono scontrate al momento giusto: le persone hanno trovato valore nel divertimento a Lil Miquela, pur sapendo che non era reale, e “enormi progressi” nelle reti neurali hanno iniziato a permettere ai computer di creare modelli realistici “quasi indistinguibili” – come Shudu . Questo ha offerto la possibilità di realizzare modelli digitali ancora migliori, che potrebbero competere con Lil Miquela.

Laszuk vede un futuro prossimo in cui i creatori virtuali non richiedono alcun coinvolgimento umano. Tutto sarebbe completamente generato dal computer, dalle immagini che pubblicano alle didascalie che le accompagnano. Le tecnologie di apprendimento automatico consentirebbero quindi ai creatori di interagire con le persone su Instagram e Twitter. Non è un’idea completamente nuova, ma non è mai stata eseguita con successo. Microsoft, ad esempio, ha lanciato un chatbot di nome Tay nel 2016 progettato per twittare come un adolescente; è stato messo offline circa un giorno dopo, dopo aver iniziato a cinguettare commenti razzisti e sessisti che la sua intelligenza artificiale ha raccolto dall’interazione su Twitter. La sfida della programmazione di sane relazioni uomo-robot è un’area in cui Betaworks spera che i suoi investimenti possano affrontare.

“LA PERCEZIONE DI CIÒ CHE È INFLUENTE, O CHI È UN INFLUENCER, STA CAMBIANDO.”
Altri gruppi di capitale di rischio stanno investendo in creatori virtuali e stanno mettendo anche la tecnologia AI dietro di loro. Spark Capital ha condotto un round di investimento da $ 125 milioni in Brud, la società dietro Lil Miquela, secondo TechCrunch . Altre società che si concentrano sulla creazione di tecnologia in grado di produrre creatori virtuali e influencer digitali, come Shadow, Superplastic e Toonstar, hanno anche ricevuto finanziamenti per produrre creatori virtuali che vivranno su Instagram e Snapchat.

PARTE DELLA NOSTRA VITA QUOTIDIANA
Rendere gli influenzatori virtuali in grado di funzionare su molte app popolari è un altro ostacolo per i loro creatori umani, ha detto Edward Saatchi, che ha co-fondato la società di “esseri virtuali” Fable Studio ed era solito eseguire Oculus Story Studio. Non è abbastanza per Lil Miquela esistere solo su Instagram – non quando ci sono Snapchat, YouTube, Facebook, Twitch, TikTok e una pletora di altre piattaforme social.

“Pensa ad una persona reale”, ha detto Saatchi. “È super bello essere fuori e incontrare persone, ma vuoi anche scorrere il loro Instagram.”

Fable Studio ha progettato il suo primo personaggio virtuale, Lucy, per esistere in realtà virtuale, e ora lo studio sta cercando di capire come raccontare storie con lei su altre piattaforme.

Gli investimenti nell’IA aiuteranno Fable e altre aziende a raccontare queste storie, ha detto Saatchi, ma non pensa che eliminerà mai la necessità di avere un umano dietro la faccia virtuale. “Vuoi sempre un narratore, perché questo ci aiuterà ad amare il personaggio di più”, ha detto. “Pensa a quanto sarebbe meno interessante Lil Miquela se fosse solo un progetto ingegneristico.”

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi