L’indice annuale rileva che l’IA si sta “industrializzando” ma necessita di metriche e test migliori

La Cina ha superato gli Stati Uniti nel numero totale di citazioni di ricerca sull’intelligenza artificiale, meno startup di intelligenza artificiale ricevono finanziamenti e il Congresso parla di intelligenza artificiale più che mai. Queste sono le tre principali tendenze evidenziate nell’indice AI 2021 , un rapporto annuale pubblicato oggi dalla Stanford University. Giunto al suo quarto anno, l’Indice AI tenta di documentare i progressi nell’intelligenza artificiale, nonché l’impatto della tecnologia sull’istruzione, le startup e la politica del governo. Il rapporto descrive i progressi nelle prestazioni dei principali sottodomini dell’IA, come il deep learning, il riconoscimento di immagini e il rilevamento di oggetti, nonché in aree come il ripiegamento delle proteine.

L’indice AI è compilato dallo Stanford Institute for Human-Centered Artificial Intelligence e da un comitato direttivo di 11 membri, con contributi dell’Università di Harvard, OCSE, Partnership on AI e SRI International. L’indice di intelligenza artificiale utilizza set di dati da una serie di fonti, come i dati di ricerca sull’intelligenza artificiale di arXiv, i dati di finanziamento di Crunchbase e sondaggi di gruppi come Black in AI e Queer in AI. Una tendenza importante identificata anche nel rapporto è l’industrializzazione dell’IA, ha affermato Jack Clark, capo di un gruppo OCSE che lavora sulla valutazione dell’impatto degli algoritmi ed ex direttore delle politiche per OpenAI.

“Penso che la storia per me sia che l’IA si sta industrializzando e non sappiamo come valutarne l’industrializzazione in modo olistico perché ci mancano molti dei dati che ti aspetteresti esistessero. E penso che sia perché l’intelligenza artificiale è appena passata da “non funziona” a “funziona abbastanza bene per la distribuzione commerciale” molto più rapidamente di quanto ci si potrebbe aspettare. E questo significa che … tutti corrono, inclusa la comunità di ricerca, per tenere il passo con il ritmo delle implementazioni commerciali “, ha detto.

Altri importanti suggerimenti dal rapporto:

Secondo i dati forniti da LinkedIn, Brasile, India, Canada, Singapore e Sud Africa hanno registrato i livelli più alti di assunzioni di AI dal 2016 al 2020.
Gli investimenti globali totali, come gli investimenti privati ​​e le fusioni e acquisizioni, sono cresciuti del 40% nel 2020. Ma per il terzo anno consecutivo, i finanziamenti per le startup AI saranno destinati a un numero inferiore di startup.
Nel 2019 circa 2 laureati su 3 con dottorato di ricerca. in AI in Nord America è entrato nell’industria, dal 44% nel 2010.
La maggior parte dei Ph.D. AI i laureati provengono da fuori degli Stati Uniti e 4 su 5 rimangono nel paese dopo la laurea.
Un’analisi delle notizie di 500.000 blog e 60.000 notizie in lingua inglese ha rilevato che le storie sull’etica dell’IA erano tra le storie più popolari relative all’IA nel 2020, inclusa la copertura di argomenti come il licenziamento di Timnit Gebru da parte di Google e le iniziative etiche introdotte dalla Commissione europea e dalle Nazioni Unite. e il Vaticano.
La partecipazione alle principali conferenze di ricerca sull’IA è raddoppiata nel 2020 poiché la maggior parte dei gruppi ha scelto di tenere riunioni virtuali.
Le donne rappresentavano il 18% del dottorato di ricerca AI. laureati, secondo un sondaggio del 2020 Computing Research Association.
La Cina ha superato gli Stati Uniti nelle citazioni cartacee totali, ma gli Stati Uniti hanno mantenuto un vantaggio di due decenni nelle citazioni alle conferenze di ricerca sull’intelligenza artificiale.
In base al numero totale di stelle GitHub, TensorFlow è la libreria di software AI più popolare, seguita da Keras e PyTorch.
I documenti relativi all’IA su arXiv sono cresciuti da circa 5.500 nel 2015 a quasi 35.000 nel 2020.
Un sondaggio tra i membri di Queer in AI 2020 ha rilevato che circa la metà degli intervistati ha subito molestie o discriminazioni e ha riscontrato problemi di inclusività.
I ricercatori accademici conducono in articoli totali pubblicati in tutto il mondo. Ma negli Stati Uniti, la ricerca aziendale è al secondo posto, mentre la ricerca governativa è al secondo posto in Europa e Cina.
Dal 2004 al 2019, la Carnegie Mellon University (16), il Georgia Institute of Technology (14) e l’Università di Washington (12) hanno perso il maggior numero di docenti a favore dell’industria.
La parte del rapporto dedicata al progresso verso le sfide tecniche evidenzia i progressi nei sistemi di visione artificiale e nei modelli linguistici, nonché nell’intelligenza artificiale per compiti come la scoperta di farmaci o una sintesi chimica e molecolare efficace.

Il rapporto dell’Indice AI mostra i progressi nei sistemi di intelligenza artificiale che possono essere utilizzati per la sorveglianza, come il sistema di rilevamento di oggetti YOLO. Notevoli progressi sono stati fatti anche con VoxCeleb, che misura la capacità di identificare una voce da un set di dati contenente 6.000 persone. L’indice AI registra un calo del tasso di errore uguale di circa l’8% nel 2017 a meno dell’1% nel 2020.

“Questa metrica ci dice che i sistemi di intelligenza artificiale sono passati da un tasso di errore uguale all’8% a circa lo 0,5%, il che ti dice che questa capacità verrà implementata silenziosamente in tutto il mondo”, ha detto Clark.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi