Perché l’IA è fondamentale per soddisfare le crescenti richieste ESG 

L’intelligenza artificiale (AI) può aiutare le aziende a soddisfare le crescenti aspettative in materia di reportistica ambientale, sociale e di governance (ESG)? 

Certamente, negli ultimi due anni, le questioni ESG sono diventate importanti per gli stakeholder aziendali, con crescenti richieste da parte di investitori, dipendenti e clienti. Secondo S&P Global , nel 2022 i consigli di amministrazione e i leader di governo “dovranno affrontare crescenti pressioni per dimostrare di essere adeguatamente attrezzati per comprendere e supervisionare le questioni ESG, dai cambiamenti climatici ai diritti umani ai disordini sociali”.

  
Gli investimenti ESG, in particolare, sono stati una parte importante di questo boom: Bloomberg Intelligence ha rilevato che gli asset ESG sono sulla buona strada per superare i $ 50 trilioni entro il 2025, rappresentando più di un terzo dei $ 140,5 trilioni previsti di asset globali in gestione. Nel frattempo, la rendicontazione ESG è diventata una priorità assoluta che va oltre il spuntare le caselle normative. Viene utilizzato come strumento per attrarre investitori e finanziamenti, nonché per soddisfare le aspettative dei consumatori e dei dipendenti di oggi.  

 
Ma secondo un recente studio globale Oracle ESG , il 91% dei leader aziendali si trova attualmente ad affrontare sfide importanti per fare progressi in materia di sostenibilità e iniziative ESG. Questi includono la ricerca dei dati giusti per tenere traccia dei progressi e processi manuali dispendiosi in termini di tempo per generare report sulle metriche ESG.

 

“Molti dei dati che devono essere raccolti non esistono ancora o devono provenire da molti sistemi”, ha affermato Sem J. de Spa, senior manager delle soluzioni di rischio digitale di Deloitte. “È anche molto più complesso della tua azienda, perché sono i tuoi fornitori, ma anche i fornitori dei tuoi fornitori”. 

I dati ESG sfidano l’uso dell’IA
È qui che l’IA è diventata sempre più parte dell’equazione ESG. L’intelligenza artificiale può aiutare a gestire i dati , raccogliere informazioni dettagliate sui dati, rendere operativi i dati e riferire su di essi, ha affermato Christina Shim, VP di strategia e sostenibilità, software applicativo AI presso IBM. 

 
“Dobbiamo assicurarci di raccogliere grandi quantità di dati quando si trovano in silos completamente diversi, di sfruttare quei dati per migliorare le operazioni all’interno dell’azienda, di riferire quei dati a una varietà di parti interessate e contro un panorama molto confuso di quadri ESG”, ha affermato. 

Secondo Deloitte , sebbene un sondaggio BlackRock abbia rilevato che il 92% delle società S&P riportava parametri ESG entro la fine del 2020, il 53% degli intervistati globali ha citato “scarsa qualità o disponibilità di dati e analisi ESG” e un altro 33% ha citato “scarsa qualità della rendicontazione degli investimenti sostenibili” come i due maggiori ostacoli all’adozione di investimenti sostenibili. 

Fare progressi è d’obbligo, dicono gli esperti. Sempre più spesso, questi impegni ESG e di sostenibilità non sono più semplicemente belli da avere”, ha affermato Shim. “Sta davvero diventando una sorta di base su ciò su cui le organizzazioni devono concentrarsi e ci sono standard sempre più elevati che devono essere integrati nelle operazioni di tutte le aziende”, ha spiegato. 

“La sfida è enorme, soprattutto quando emergono nuovi regolamenti e standard e i requisiti ESG sono sotto più controllo”, ha affermato De Spa. Ciò ha portato centinaia di fornitori di tecnologia ad inondare il mercato che utilizzano l’IA per affrontare questi problemi. “Abbiamo bisogno di tutti loro, almeno di molti, per risolvere queste sfide”, ha affermato.

La connessione ESG uomo-AI
Oltre alle sfide operative relative all’ESG, lo studio Oracle ha rilevato che il 96% dei leader aziendali ammette pregiudizi umani ed emozioni spesso distraggono dagli obiettivi ESG finali. In effetti, il 93% dei leader aziendali afferma che si fiderebbe di un bot piuttosto che di un essere umano per prendere decisioni sociali e di sostenibilità. 

 
“Abbiamo persone che stanno arrivando ora che sono cablate per ESG”, Pamela Rucker, consulente CIO, istruttrice per lo sviluppo professionale di Harvard, che ha contribuito a mettere insieme lo studio Oracle. “L’idea che si sarebbero fidati di un computer non è diversa per loro. Si fidano già di un computer che li guidi al lavoro, che dia loro indicazioni, che dica loro dove sono i prezzi migliori”. 

Ma, ha aggiunto, gli esseri umani possono lavorare con la tecnologia per creare cambiamenti più significativi e il sondaggio ha anche rilevato che i leader aziendali credono che ci sia ancora un posto per gli esseri umani negli sforzi ESG , inclusa la gestione dei cambiamenti (48%), l’educazione degli altri (46%) , e prendere decisioni strategiche (42%). 

“Avere una macchina che potrebbe essere in grado di vagliare alcuni di quei dati consentirà agli umani di entrare e guardare i luoghi in cui possono aggiungere un contesto attorno a luoghi in cui potremmo avere qualche ambiguità, o potremmo avere luoghi in cui c’è un’opportunità “, ha detto Rucker. “L’IA ti dà la possibilità di vedere più di quei dati e puoi dedicare più tempo a cercare di ottenere informazioni dettagliate”. 

Come le aziende possono iniziare con AI ed ESG
Seth Dobrin, chief AI officer di IBM, ha dichiarato a VentureBeat che le aziende dovrebbero iniziare ora a utilizzare l’IA per sfruttare i dati ESG. “Non aspettare che arrivino ulteriori regolamenti”, ha detto. 

Ottenere un controllo sui dati è essenziale mentre le aziende iniziano il loro viaggio verso l’integrazione delle tecnologie di intelligenza artificiale. “Hai bisogno di una linea di base per capire dove sei, perché puoi raggiungere tutti gli obiettivi e gli imperativi, puoi impegnarti in quello che vuoi, ma finché non sai dove sei, non capirai mai come arrivare dove sei bisogno di arrivare”, ha detto. 

 
Dobrin ha affermato di vedere anche le organizzazioni passare da una posizione difensiva di gestione del rischio attorno all’ESG a un approccio proattivo aperto all’AI e ad altre tecnologie per aiutare. 

“È ancora in qualche modo un esercizio di conformità, ma sta cambiando”, ha detto. “Le aziende sanno che devono salire a bordo e pensare in modo proattivo in modo da essere considerate leader di pensiero nello spazio e non solo un ritardatario che fa il minimo indispensabile”. 

Una delle aree chiave su cui IBM si sta concentrando, ha aggiunto, è aiutare i clienti a collegare i propri dati ESG e il monitoraggio dei dati con le operazioni effettive dell’azienda. 

“Se pensiamo alle strutture e alle risorse aziendali, all’infrastruttura e alla catena di approvvigionamento come qualcosa di rilevante in tutti i settori, tutti i dati che vengono acquisiti devono essere raccolti e integrati con i dati e i flussi di processo all’interno del report ESG e della parte gestionale”, Egli ha detto. “Stai cercando i dati dall’azienda.” 

Deloitte collabora con Signal AI sugli sforzi ESG
Deloitte ha recentemente collaborato con Signal AI, che offre media intelligence basata sull’intelligenza artificiale, per aiutare i clienti della società di consulenza a individuare e affrontare i rischi dei fornitori legati ai problemi ESG. 

“Con l’ascesa di ESG e mentre le aziende stanno navigando in un ambiente più complesso che mai, il mondo è stato inondato di dati non strutturati”, ha affermato David Benigson, CEO di Signal AI. “Le aziende potrebbero trovarsi costantemente in ritardo, rispondendo a questi problemi in modo reattivo piuttosto che avere il tipo di dati e approfondimenti a portata di mano per essere in prima linea”. 

 
L’emergere dell’apprendimento automatico e dell’intelligenza artificiale, ha affermato, può fondamentalmente affrontare queste sfide. “Possiamo trasformare i dati in informazioni strutturate che aiutano i leader aziendali e le organizzazioni a comprendere meglio il loro ambiente e ad anticipare quei rischi, quelle minacce più velocemente, ma anche individuare quelle opportunità in modo più efficiente, fornendo una prospettiva più esterna su questioni come ESG”. 

Ha indicato il recente contraccolpo intorno al “greenwashing”, incluso Elon Musk (che ha definito l’ESG una “truffa” perché Tesla è stata rimossa dall’indice ESG dell’S&P 500). “Vi sono accuse secondo cui le organizzazioni stanno essenzialmente valutando i propri compiti quando si tratta di classificare le proprie prestazioni e allinearsi a questo tipo di impegni ESG”, ha affermato. “In Signal, forniamo il contrasto a ciò: non analizziamo necessariamente ciò che l’azienda dice che farà, ma ciò che il mondo pensa di ciò che l’azienda sta facendo e ciò che l’azienda sta effettivamente facendo in natura. ” 

De Spa di Deloitte ha affermato che l’azienda utilizza Signal AI per quella che chiama una “catena del valore responsabile”, in pratica, la gestione del rischio dei fornitori. 

“Ad esempio, un’organizzazione sostenibile che pulisce oceani e fiumi da tutti i tipi di rifiuti ci ha chiesto di aiutarli a ottenere maggiori informazioni sulla propria catena del valore”, ha affermato. “Hanno un piccolo numero di fornitori spesso piccoli da cui dipendono e non puoi facilmente tenere traccia di ciò che stanno facendo”. Con Signal AI, ha spiegato, Deloitte può seguire ciò che sta accadendo con quelle aziende per identificare se ci sono dei rischi, se non sono più in grado di fornire, ad esempio, se c’è uno scandalo che le mette fuori mercato o se l’azienda sta causando problemi legati alla sostenibilità”. 

 
In un caso, Deloitte ha scoperto un’azienda che non trattava i propri dipendenti in modo equo. “Puoi sicuramente combattere il greenwashing perché puoi vedere cosa sta succedendo”, ha detto. “Puoi sfruttare milioni di fonti per identificare ciò che sta realmente accadendo”. 

In futuro, l’ESG avrà bisogno dell’IA e degli esseri umani
Man mano che la sostenibilità e altre normative relative all’ESG iniziano a proliferare in tutto il mondo, l’intelligenza artificiale e la tecnologia intelligente continueranno a svolgere un ruolo cruciale, ha affermato de Spa di Deloitte. “Non si tratta solo di carbonio, o anche di avere una catena del valore responsabile che abbia un’impronta netta zero”, ha affermato. “Ma si tratta anche della schiavitù moderna, degli agricoltori e di altri tipi sociali di cose su cui le aziende dovranno riferire nei prossimi anni”. 

In futuro, un fattore chiave sarà come connettere e integrare i dati insieme utilizzando l’IA, ha affermato Dobrin di IBM. “Molti offrono un pezzo di carbonio o vendono l’IA solo per l’efficienza energetica o la trasparenza della catena di approvvigionamento”, ha affermato. “Ma è necessario collegare tutto insieme in uno sportello unico, che cambierà completamente il gioco in questo spazio.” 

Non importa cosa, ha affermato Rucker, ci sarà sicuramente di più da misurare per gli strumenti basati sull’intelligenza artificiale quando si tratta di ESG. “Uno dei motivi per cui sono entusiasta di questo è perché non si tratta più solo di un’impronta di carbonio, e quelle enormi quantità di dati significano che dovrai sollevare carichi pesanti da una macchina”, ha detto. “Vedo un futuro ESG in cui l’uomo ha bisogno della macchina e la macchina ha bisogno dell’uomo. Non credo che possano esistere l’uno senza l’altro”. 

 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi