Home / Società / L’Intelligenza Artificiale nella gestione delle prigioni in mezzo al coronavirus

L’Intelligenza Artificiale nella gestione delle prigioni in mezzo al coronavirus

COME L’IA PUÒ AIUTARE A GESTIRE LE PRIGIONI IN MEZZO A PANDEMIA COVID-19

Con i detenuti rannicchiati insieme in celle a maglia stretta all’interno delle carceri, non c’è da meravigliarsi quindi che queste strutture siano vulnerabili alle epidemie di COVID-19. Insieme all’approccio apatico nei confronti della salute e del benessere delle persone incarcerate, gestire una pandemia di questa portata è stato più impegnativo, in particolare nelle zone di contenimento.

Alcune misure che sono state prese in considerazione per ostacolare la diffusione di questo virus nelle strutture correttive comportano misure per abbattere la popolazione dietro le sbarre. Ciò può includere la modifica delle norme per spostare alcuni prigionieri in isolamento, liberare i trasgressori per la prima volta o quelli catturati per reati non violenti o addirittura rilasciare temporaneamente coloro che hanno già scontato la maggior parte della pena.

Inoltre, molti detenuti hanno condizioni di salute di base, il che li rende più suscettibili ai gravi sintomi COVID-19. Detto questo, l’accesso prontamente disponibile ai medici per il trattamento dei detenuti infetti e altre disposizioni in materia di assistenza medica come maschere e saponi potrebbero anche contribuire a ridurre l’entità dell’epidemia all’interno dei sistemi carcerari. Ciò potrebbe anche allentare la pressione sulle carceri con personale insufficiente in cui il personale esistente si autoisolva o è in congedo per malattia.

Anticipando che il coronavirus entrerà in spazi chiusi come le prigioni nonostante le precauzioni, le autorità dovrebbero sfruttare le nuove tecnologie per ridurre l’impatto del virus. Ecco alcuni modi in cui le carceri possono integrare l’IA e altre tecnologie per rispondere adeguatamente alla pandemia:

Videosorveglianza basata sull’intelligenza artificiale
Le tecnologie avanzate di riconoscimento facciale e la videosorveglianza basata sull’intelligenza artificiale possono aiutare i gestori delle prigioni a condurre analisi della folla e garantire il rispetto dei protocolli di distanza sociale. Una startup basata su Gurugram, Staqu Technologies, aveva introdotto una piattaforma di analisi video basata sull’intelligenza artificiale in diverse carceri nell’Uttar Pradesh alla fine dell’anno scorso.


Monikered JARVIS, utilizza l’intelligenza artificiale per scansionare i filmati CCTV e le autorità di allarme, oltre a fornire informazioni fruibili. Questo motore di analisi video consentirà una risposta più rapida in situazioni di emergenza come questo focolaio. Sebbene questo prodotto sia stato lanciato per tenere sotto controllo le pratiche illegali all’interno delle celle di prigione con l’aiuto del ” monitoraggio intelligente di oggetti, folla e perimetri”, è altrettanto rilevante in questa pandemia, se non di più.

Anche se alcune carceri potrebbero non essere ben attrezzate per gestire tali risorse ad alta tecnologia per applicare adeguatamente il distanziamento sociale, misure come queste dovrebbero essere considerate prioritarie.

Sistemi di screening basati sull’intelligenza artificiale
La stessa startup ha anche lanciato una nuova termocamera nel suo portafoglio JARVIS per integrare le attività di screening, specialmente nelle carceri. La nuova tecnologia di Staqu esamina le firme del calore attraverso le telecamere e invia un avviso quando viene rilevato un detenuto con una temperatura corporea superiore a 37 ° C fino a una distanza di 100 metri.

Interventi tecnologici efficienti come questi dovrebbero essere integrati in quanto la salute dei detenuti è spesso trascurata nelle carceri. Se non adeguatamente schermato per segnalare i detenuti che potrebbero essere potenzialmente portatori del virus e infettare ulteriormente gli altri, potrebbe essere catastrofico.

Inoltre, lo screening automatizzato dovrebbe essere integrato con una banca dati contenente informazioni pertinenti. Poiché le persone entrano ed escono regolarmente dai locali, siano essi visitatori o medici, le informazioni critiche relative ai loro viaggi e all’anamnesi medica devono essere registrate e conservate su base regolare.

La gestione di COVID-19 comporterà probabilmente la chiusura di scuole e biblioteche e dovrebbero essere prese in considerazione considerazioni sul numero di persone che entrano in carceri e prigioni e su come ogni passaggio può essere rivalutato e monitorato.

Leggi anche un approccio di apprendimento automatico per il monitoraggio degli indicatori COVID19
ML & RPA per aiutare il personale penitenziario
Alcune catene ospedaliere hanno sfruttato l’IA e le tecnologie correlate per gestire meglio il personale e gestire altre funzioni amministrative per allentare la pressione sul sistema generale. Con le crescenti responsabilità condivise tra gli ufficiali in una prigione a corto di personale, la programmazione è diventata più complessa.

Alcune aziende sono in grado di fornire soluzioni basate sull’intelligenza artificiale per pianificare accuratamente una rotazione attorno al personale esistente e disponibile. In base ai posti vacanti, può allinearli con turni appropriati in base alla loro esperienza e set di abilità.

Ad esempio, Globus.ai, con sede in Norvegia, utilizza tecniche di deep learning (DL) e machine learning (ML) per abbinare gli operatori sanitari a compiti specifici, contribuendo in tal modo a riempire gli slot disponibili. La stessa tecnologia, sebbene alcune modifiche, può essere potenzialmente impiegata nelle carceri per rendere più efficiente la pianificazione della rotazione.

Un altro esempio è Blue Prism , che ha utilizzato l’automazione dei processi robotici (RPA) per affrontare il COVID-19, anche nelle carceri. Il National Health Service (NHS) nel Regno Unito ha utilizzato i suoi servizi per automatizzare un cruscotto centrale che mantiene per tenere traccia dei casi positivi di COVID-19 nelle carceri. Questo, a sua volta, aiuta il personale a gestire i detenuti colpiti dal virus.

Sistemi di disinfezione automatizzati
La diffusione di robot per pulire e disinfettare stanze e corridoi in grandi stabilimenti per promuovere misure senza contatto è in aumento. Una società con sede in Danimarca, i robot UVD hanno migliorato le procedure di pulizia negli ospedali automatizzando il processo con l’aiuto dei suoi robot.

Attualmente utilizzata negli ospedali per proteggere il personale medico dall’infezione, la sua soluzione può essere applicata anche all’interno dei sistemi carcerari. I robot emettono luce ultravioletta su superfici apparentemente sporche per porre fine ai virus abbattendo la loro struttura del DNA.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi