I motori di ricerca tradizionali esistono ormai da oltre due decenni. Google, che è sinonimo di ricerca, ha lanciato il suo motore di ricerca nel 1998 e negli anni è diventato il motore di ricerca più utilizzato al mondo.

Nulla si è mosso per anni ei motori di ricerca hanno continuato a funzionare allo stesso modo: indicizzazione ed estrazione in base a una parola chiave colpita. Ma le cose stanno per cambiare. Microsoft è pronta a cambiare le regole del gioco con l’integrazione di ChatGPT con il suo motore di ricerca Bing . 

Sebbene Bing non sarà il primo motore di ricerca a integrare un modello di intelligenza artificiale di grandi dimensioni poiché You.com, Neeva AI e Perplexity AI lo hanno già fatto con successo finora, un’iniziativa di un giocatore più grande segnerebbe l’evoluzione dei motori di ricerca. 

 
Anche i motori di ricerca tradizionali utilizzano l’intelligenza artificiale da alcuni anni. Google Search ha già sfruttato la potenza dell’intelligenza artificiale dal 2015, quando ha introdotto l’algoritmo RankBrain. Nel corso degli anni, altri algoritmi come Neural Matching, BERT e MUM, tra gli altri, sono stati incorporati nella Ricerca Google.

Tuttavia, gli approcci recenti sono stati molto diversi. I Large Language Models (LLM) stanno rapidamente sviluppando e padroneggiando varie applicazioni. Ora, le capacità degli LLM vengono utilizzate per definire la prossima generazione di motori di ricerca. 

Aumento dei motori di ragionamento
I motori di ricerca tradizionali non rispondono direttamente alle esigenze di informazioni e forniscono invece riferimenti. Pertanto, sfruttando le capacità di LLM come GPT-3, le startup stanno costruendo motori di ricerca che forniscono risposte mirate alla tua query di ricerca, insieme alle pagine web indicizzate. 

Il motore di ricerca incentrato sulla privacy You.com ha recentemente lanciato youChat, un chatbot simile a ChatGPT che fornisce risposte in anticipo insieme a citazioni. You.com ha aggiunto il bot al suo motore di ricerca come funzionalità.


Allo stesso modo, Neeva AI, un motore di ricerca a pagamento, fa un ulteriore passo avanti. Una volta che un utente digita la sua query, la risposta generata dall’intelligenza artificiale è la prima cosa che vedi.

 

“Neeva AI sta guidando una nuova frontiera della ricerca AI che sfrutta LLM all’avanguardia e uno stack di ricerca indipendente per creare un’esperienza di ricerca unica e trasformativa”, ha affermato la società.

La natura estrattiva dei motori di ricerca tradizionali e la natura astrattiva dell’approccio generativo trovato negli LLM che sono alla base di ChatGPT devono fare i conti tra loro per fornire un’esperienza migliore per l’utente. 

“Ciò si tradurrà in una nuova generazione del motore di ricerca – il ‘motore di ragionamento’ – in grado di fornire una risposta conversazionale simile a quella umana supportata e ragionata dalla fonte attraverso citazioni”, ha detto ad AIM Raj Neervannan, co-fondatore e CTO, AlphaSense. . 

Neervannan ha spiegato come AlphaSense abbia sfruttato le più recenti tecnologie di intelligenza artificiale per fornire risultati di ricerca in un modo più naturale e nativo che sia trasparente per l’utente. “Utilizziamo modelli linguistici per insegnare la semantica ai nostri motori di ricerca e l’abbiamo combinata con la capacità di fornire risultati di ricerca precisi e statici che legano i risultati alla fonte a livello di frammento in qualsiasi documento o fonte. Per i nostri utenti che conducono ricerche di mercato, questa tecnologia aiuta a identificare istantaneamente le tendenze e riassumere lunghi report, oltre a raccogliere, digerire e analizzare più facilmente grandi quantità di informazioni in più lingue”, ha aggiunto.Cosa succede ai motori di ricerca tradizionali?
Riteniamo che i motori di ricerca tradizionali come Google Search e Bing continueranno a esistere, evolversi e sfruttare le capacità degli LLM. Microsoft sta già pianificando di integrare ChatGPT con Bing. Google, d’altra parte, ha pubblicato un documento di ricerca intitolato “Rethinking Search: Making Domain Experts out of Dilettantes”   a questo proposito nel 2021. I ricercatori di Google hanno proposto una riprogettazione radicale che elimina l’approccio del ranking e lo sostituisce con un’unica grande AI modello linguistico: una versione futura di BERT o GPT-3 . 

Questo approccio non cambia solo il funzionamento dei motori di ricerca, ma anche il modo in cui interagiamo con essi. “I motori di ricerca tradizionali dovranno imparare a posizionarsi meglio con un motore stateful in modo nativo e generare una risposta che riepiloghi i risultati della ricerca. Questo è un grande salto rispetto ai modelli attuali che si limitano a indicizzare ed estrarre in base a una parola chiave”, ha concluso Neervannan.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi