Il nuovo strumento di programmazione trasforma schizzi e scrittura a mano in codice 

un’interfaccia che consente agli utenti di scrivere a mano e disegnare all’interno del codice del computer, una sfida alla codifica convenzionale, che in genere si basa sulla digitazione.

 

ITHACA, NY – I ricercatori della Cornell University hanno creato un’interfaccia che consente agli utenti di scrivere a mano e disegnare all’interno del codice del computer, una sfida alla codifica convenzionale, che in genere si basa sulla digitazione.

L’interfaccia basata su penna, chiamata Notate, consente agli utenti di taccuini digitali computazionali di aprire tele di disegno e diagrammi di scrittura a mano all’interno di righe di codice informatico tradizionale e digitalizzato.

Alimentata da un modello di deep learning, l’interfaccia collega contesti di programmazione scritti a mano e testuali: la notazione nel diagramma scritto a mano può fare riferimento al codice testuale e viceversa. Ad esempio, Notate riconosce i simboli di programmazione scritti a mano, come “n”, e quindi li collega ai loro equivalenti dattiloscritti.

“Un sistema come questo sarebbe ottimo per la scienza dei dati, in particolare con lo schizzo di grafici e grafici che poi interagiscono con il codice testuale”, ha affermato  Ian Arawjo , autore principale dell’articolo e studente di dottorato nel campo della scienza dell’informazione. “Il nostro lavoro mostra che l’attuale infrastruttura di programmazione ci sta effettivamente frenando. Le persone sono pronte per questo tipo di funzionalità, ma gli sviluppatori di interfacce per la digitazione del codice devono prenderne atto e supportare immagini e interfacce grafiche all’interno del codice.

Arawjo ha anche affermato che il lavoro dimostra un nuovo percorso in avanti introducendo la codifica basata su penna e basata sull’intelligenza artificiale in un momento in cui le tavolette grafiche stanno diventando più ampiamente utilizzate.

“Strumenti come Notate sono importanti perché ci aprono a nuovi modi di pensare a cosa sia la programmazione e a come diversi strumenti e pratiche di rappresentazione possono cambiare questa prospettiva”, ha affermato  Tapan Parikh , professore associato di scienze dell’informazione e coautore dell’articolo.

Lo strumento è stato descritto in ” Programmazione notazionale per ambienti notebook: un caso di studio con circuiti quantistici “.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi