L’uomo paralizzato cammina di nuovo grazie agli elettrodi nella sua colonna vertebrale
Dopo una caduta, Michel Roccati ha perso tutti i movimenti delle gambe, ma i suoi nuovi impianti gli consentono ora di andare in bicicletta

Michel Roccati è rimasto paralizzato dopo un incidente in moto ora cammina aiutato dagli  
 
Un uomo rimasto paralizzato in un incidente in moto nel 2017 ha riacquistato la capacità di camminare dopo che i medici gli hanno impiantato degli elettrodi nella colonna vertebrale per riattivare i suoi muscoli.

Michel Roccati ha perso ogni sensibilità e movimento delle gambe dopo l’incidente che gli ha reciso il midollo spinale, ma può stare in piedi e camminare con la stimolazione elettrica controllata in modalità wireless da un tablet.

Il team di ricerca ha affermato che l’impianto elettrico ha aiutato Roccati e altri due pazienti – tutti uomini di età compresa tra 29 e 41 anni – a stare in piedi, camminare, andare in bicicletta e persino scalciare le gambe in piscina, suscitando la speranza che piccoli dispositivi impiantabili possano aiutare a paralizzare le persone riacquistano maggiore indipendenza.

 
Rocatti utilizza il dispositivo come parte del suo allenamento e riabilitazione di routine per rafforzare i suoi muscoli e mantenersi in forma. “Ora fa parte della mia vita quotidiana”, ha detto.

Sviluppato dal Prof Grégoire Courtine, neuroscienziato presso l’Istituto Federale di Tecnologia di Losanna, e dal Prof Jocelyne Bloch, neurochirurgo presso l’ospedale universitario di Losanna, il sistema utilizza un elettrodo morbido e flessibile che viene posizionato sopra i nervi del midollo spinale, sotto le vertebre.

L’elettrodo fornisce impulsi elettrici ai nervi del midollo spinale che controllano diversi muscoli delle gambe e del busto. Le pulsazioni, a loro volta, sono controllate da un software su un tablet che emette istruzioni per una determinata azione, come stare in piedi, camminare, andare in bicicletta o dare dei calci alle gambe per nuotare.

Il dispositivo ha aiutato tutti e tre i pazienti a stare in piedi entro poche ore dall’operazione, ma le loro prestazioni sono migliorate con tre o quattro mesi di pratica e formazione. “All’inizio non era perfetto, ma potevano allenarsi molto presto per avere un’andatura più fluida”, ha detto Bloch. Ha aggiunto che si aspettava risultati simili nelle donne.

“Grazie a questa tecnologia, siamo stati in grado di prendere di mira le persone con le lesioni più gravi del midollo spinale”, ha affermato Courtine. “Controllando questi impianti, possiamo attivare il midollo spinale come farebbe naturalmente il cervello per avere il paziente in piedi, camminare, nuotare o andare in bicicletta”.

I pazienti stanno seguendo un programma di allenamento che ha permesso loro di ricostruire i muscoli persi e di muoversi in modo più indipendente, permettendo loro anche di stare in piedi e bere in un bar. Per eseguire un movimento particolare, la persona seleziona l’opzione appropriata dal proprio tablet.

Il tablet quindi contatta un dispositivo simile a un pacemaker nell’addome che invia segnali all’elettrodo impiantato. Questo stimola i diversi gruppi muscolari per il tempo e la durata giusti a spingersi in posizione eretta o ad oscillare le gambe per camminare, ad esempio. I dettagli del sistema sono riportati in Nature Medicine .

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi