Microsoft lancia la funzionalità di ricerca semantica per le aziende e nuove funzionalità di riconoscimento dei moduli in Azure
.

Durante la conferenza Microsoft Ignite 2021 , che si terrà praticamente questa settimana, la società ha annunciato nuovi prodotti e aggiornamenti in tutto il suo portafoglio di prodotti cloud Azure AI. Tra gli altri punti salienti, Microsoft ha implementato una funzionalità di ricerca semantica in Azure Cognitive Search che consente agli sviluppatori di fornire risultati di ricerca in base all’intento, anziché solo alle parole chiave. Inoltre, ha lanciato nuove funzionalità in Form Recognizer, che automatizza l’importazione di moduli per estrarre coppie di valori chiave come oggetti JSON, per accelerare l’elaborazione di determinati documenti.

I vantaggi dell’intelligenza artificiale a volte sembrano intangibili, ma i sondaggi mostrano che ciò non ha scoraggiato le aziende dall’adottare la tecnologia a frotte. Secondo Gartner, l’ uso aziendale dell’IA è cresciuto del 270% negli ultimi quattro anni, mentre Deloitte afferma che il 62% degli intervistati al suo rapporto aziendale dell’ottobre 2018 ha implementato una qualche forma di intelligenza artificiale , rispetto al 53% nel 2019. Ma l’adozione no hanno sempre successo, come ti dirà circa il 25% delle aziende che hanno visto fallire metà dei loro progetti di intelligenza artificiale.

Con le offerte nuove e migliorate, Microsoft mira ad aumentare la percentuale di implementazioni di intelligenza artificiale e machine learning di successo nell’azienda. Ad esempio, in Azure Cognitive Search, Microsoft afferma che il suo servizio di ricerca per lo sviluppo di app per dispositivi mobili e Web ora consente alle aziende di utilizzare le stesse funzionalità che alimentano motori di ricerca come Bing per offrire esperienze di ricerca contestuale nelle app.

La maggior parte delle aziende deve gestire innumerevoli bucket di dati, alcuni dei quali inevitabilmente vengono sottoutilizzati o dimenticati. Un sondaggio di Forrester ha rilevato che tra il 60% e il 73% di tutti i dati all’interno delle aziende non viene mai analizzato per approfondimenti o tendenze più ampie. Il costo opportunità di questi dati inutilizzati è notevole, con un rapporto di Veritas che lo stima di $ 3,3 trilioni entro il 2020. Questo è forse il motivo per cui il settore aziendale si è interessato a prodotti di ricerca cognitiva come Azure Cognitive Search che acquisiscono, comprendono, organizzano e agiscono sul digitale contenuto da più fonti digitali.

“I clienti si sono abituati a utilizzare query in linguaggio naturale nei motori di ricerca web, ma queste query di solito non funzionano altrettanto bene quando si utilizza un approccio di recupero tradizionale basato su parole chiave con posizionamento basato solo sulle frequenze dei termini”, Luis Cabrera-Cordon, program manager per Il team di Azure Cognitive Search di Microsoft, ha affermato in un post sul blog. “In collaborazione con il team di Bing, abbiamo integrato i loro investimenti nella ricerca semantica – centinaia di anni di sviluppo e milioni di dollari in tempo di elaborazione – nella nostra infrastruttura di query, consentendo a qualsiasi sviluppatore di sfruttare questo investimento sui contenuti ricercabili che possiedi e gestisci. “

La ricerca semantica in Azure ricerca cognitiva sfrutta le tecniche del linguaggio naturale, in particolare la corrispondenza dei concetti e la ricerca dei sinonimi, per migliorare la pertinenza e la classificazione dei risultati di ricerca e fornire un flusso di ricerca più personalizzato per gli utenti. Si collega inoltre a un nuovo connettore SharePoint che semplifica l’acquisizione e l’esplorazione del contenuto di SharePoint.

“Con il rilascio della ricerca semantica, ora possiamo abilitare un algoritmo di classificazione che utilizzerà [l’apprendimento automatico] per classificare gli articoli in base a quanto” significativi “sono relativi alla query”, ha spiegato Cabrera-Cordon. Ha affermato che i clienti ottengono anche risposte semantiche, che utilizzano un modello di intelligenza artificiale che estrae i passaggi rilevanti dai documenti principali e quindi li classifica in base alla loro probabilità di essere una risposta alla domanda. Ha aggiunto che Azure Cognitive Search ora può “estrarre la sezione più pertinente di ogni documento restituito in modo da poter scorrere rapidamente i risultati e vedere se hanno il contenuto che ti interessa, rendendo più facile valutare brevemente i risultati e andare più in profondità in quelli che ritieni pertinenti dato il tuo contesto. “

In altre notizie, Microsoft ha annunciato che Form Recognizer, un servizio cognitivo di Azure, sta introducendo il supporto per ID predefiniti e l’estrazione delle fatture, oltre alla possibilità di leggere i dati in 64 lingue aggiuntive.

La scoperta e l’automazione dei processi è comprensibilmente un grande business. Forrester stima che l’automazione dei processi robotici (RPA) e i relativi sottocampi abbiano creato posti di lavoro per il 40% delle aziende nel 2019. Secondo un sondaggio McKinsey , almeno un terzo delle attività potrebbe essere automatizzato in circa il 60% delle occupazioni, il che potrebbe essere il motivo per cui Market e Markets prevede che il solo mercato RPA varrà 493 miliardi di dollari entro il 2022.

La nuova funzione ID precostruiti in Form Recognizer consente l’estrazione automatica dei dati da passaporti e patenti di guida, supportando servizi come transazioni bancarie online, check-in di viaggio e registrazione in hotel. Per quanto riguarda il componente di estrazione dei dati dalle fatture, Microsoft afferma che aiuterà i clienti a estrarre testo, coppie chiave-valore e tabelle dai documenti per produrre dati strutturati che riflettano le relazioni nei file senza etichettatura manuale dei dati o codifica intensiva.

Il supporto linguistico di Form Recognizer si espanderà a 73 lingue questo mese dalle nove esistenti. Inglese, francese, tedesco, italiano, spagnolo, portoghese e olandese sono generalmente disponibili e cinese semplificato e giapponese sono in anteprima.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi