Home / APP Ai / Microsoft concede in licenza il modello di linguaggio GPT-3 di OpenAI

Microsoft concede in licenza il modello di linguaggio GPT-3 di OpenAI

Nel tentativo di espandere la loro partnership in corso con la società di intelligenza artificiale, Open AI, Microsoft ha recentemente acquisito una licenza esclusiva del massiccio modello di linguaggio GPT-3. GPT-3 , lanciato a maggio 2020 da Open AI , è stato un modello di linguaggio auto regressivo all’avanguardia che ora aiuterà Microsoft a sviluppare e fornire soluzioni AI avanzate ai propri clienti. L’azienda mira a sfruttare lo straordinario potere della generazione avanzata di linguaggio naturale per espandere il proprio portafoglio di offerte.

Microsoft ha già utilizzato le tecnologie di supercalcolo Azure AI di OpenAI per lanciare il più potente supercomputer progettato su misura per l’addestramento dei modelli AI altrettanto massicci di OpenAI. Il supercomputer, progettato da OpenAI insieme a Microsoft, conterrebbe oltre 285.000 core del processore, 10.000 schede grafiche e 400 gigabit al secondo di connettività per i server GPU – afferma di essere la quinta macchina più potente al mondo.

E ora la società sta espandendo la partnership con la ricerca di OpenAI concedendo una licenza a GPT-3. Secondo il post sul blog dell’azienda , la società vede questa come un’incredibile opportunità per espandere la sua piattaforma AI basata su Azure per democratizzare la tecnologia AI ed estendere il proprio portafoglio di prodotti e servizi insieme alle loro esperienze utente. “La nostra missione è garantire che questa piattaforma AI sia disponibile per tutti – ricercatori, imprenditori, hobbisti e aziende – per potenziare le loro ambizioni di creare qualcosa di nuovo e interessante”, ha dichiarato Kevin Scott – Vicepresidente esecutivo e Chief Technology Officer di Microsoft in il post del blog.

L’azienda vede un immenso potenziale con GPT-3 di OpenAI , la maggior parte dei quali non è stata ancora immaginata, a partire dall’aiutare direttamente gli umani con la loro creatività nella scrittura e nelle composizioni fino alla descrizione e alla sintesi di grandi blocchi di dati di lunga durata, incluso il codice. L’azienda mira anche a convertire il linguaggio naturale in un altro linguaggio per creare immense possibilità.

Detto questo, questo accordo non avrà alcun impatto sull’accesso GPT-3 tramite l’API di OpenAI per gli utenti, che possono continuare a creare applicazioni con l’API fornita, ha dichiarato OpenAI nel loro post sul blog.

Secondo il post del blog di OpenAI, a differenza della maggior parte dei sistemi di intelligenza artificiale progettati per un caso d’uso specifico, l’API di OpenAI offre un’interfaccia “text in, text out” generica. Ciò consente agli utenti di provarlo praticamente su qualsiasi attività in lingua inglese.

Microsoft ritiene che per scalare realmente le possibilità di intelligenza artificiale, “in modo responsabile, economico ed equo”, sarebbe necessario più di quanto una grande azienda tecnologica possa mettere in campo. Ed è per questo che, sebbene Microsoft utilizzerà le straordinarie capacità di GPT-3 nel proprio portafoglio a vantaggio dei propri clienti, continuerà anche a collaborare con OpenAI per continuare a sfruttare e democratizzare il potere della ricerca sull’IA, costruendo un’intelligenza artificiale generale sicura. “Quel futuro sarà ciò che ne faremo – e credo che siamo sulla strada giusta”, ha concluso Scott.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi