Home / APP Ai / Il ruolo dell’intelligenza artificiale AI nella creazione e cura della musica

Il ruolo dell’intelligenza artificiale AI nella creazione e cura della musica

L’intelligenza artificiale gioca un ruolo fondamentale nella cura della musica di oggi. Spotify, Apple Music e altri servizi di streaming si affidano a una miscela di algoritmi e curatori umani per fornire la loro vasta gamma di playlist personalizzate. L’intelligenza artificiale supporta sempre più gli esseri umani con la creazione di musica, da aziende come Atlas, che trovano campioni nella propria libreria in base allo stile e al carattere, a Landr, che padroneggia le tracce attraverso l’apprendimento automatico. Ma la domanda che emerge costantemente è: ci sono scenari in cui l’IA può curare o creare musica che sia altrettanto avvincente quanto gli umani?

Parlando in generale, l’IA è brava a creare melodie semplici o paesaggi sonori coinvolgenti. Ciò che è mancato fino ad oggi è incorporare l’elemento sorpresa che integra qualcosa di piacevolmente diverso che cattura la tua attenzione e ti mantiene interessato. Lauren Pufpaf, COO della società B2B di musica come servizio Feed.fm , osserva che “un pezzo coeso ed emozionante con elementi unici e una melodia inaspettata o testi penetranti non è il punto debole per la musica generata dall’intelligenza artificiale, ancora”.

Sostituisci il DJ?

Sebbene gli algoritmi possano sicuramente consigliare brani simili ad altri che ti sono piaciuti o trasmessi in streaming frequentemente, sono stati criticati per aver creato una camera di eco che si limita a rimescolare le variazioni su un tema. C’è un talento speciale nel mescolare due canzoni insieme per guidare la scoperta mentre si crea una linea di fondo da una traccia all’altra. È la personalità e l’orecchio acuto del DJ che traspare in un mix dal vivo, e la sottile arte della selezione delle tracce e del sequencing è difficile da incorporare in un algoritmo. Quindi, sebbene esista un enorme potenziale per la cura basata sull’intelligenza artificiale, in particolare perché i giganti dello streaming continuano a portare su scala il formato di ascolto dominante di oggi, lo strato di cura umano aggiuntivo guida ancora migliori esperienze di ascolto.

Dove prospera l’IA

L’intelligenza artificiale è stata sfruttata per la creazione di musica con maggior successo con l’elettronica e l’ambiente, stili che sono spesso strumentali e utilizzano elementi musicali più limitati. Gran parte della musica elettronica popolare ha schemi di ritmo e struttura dei brani più standard e prevedibili. E i paesaggi sonori ambientali e le progressioni di accordi sembrano relativamente facili da replicare. L’ambiente tradizionalmente non ha ritmi coerenti e si basa sulla musica generata dal sintetizzatore, e questo stile è spesso abbinato a meditazione, yoga, sonno e attività lavorativa mirata.

Ci sono anche esempi interessanti di musicisti che sfruttano l’intelligenza artificiale per aiutarli a sbloccare nuovi modi di suonare la loro musica esistente. Caso in questione: la band indie-rock Yacht ha alimentato l’intero catalogo (82 canzoni degli ultimi 17 anni) in una serie di algoritmi, che hanno analizzato tutte le melodie, i ritmi ei testi e li hanno riscritti in canzoni originali. Le canzoni generate al computer risultanti hanno spinto i confini di Yacht come musicisti e, quando hanno imparato a suonarli, hanno insegnato loro progressioni di accordi e transizioni uniche che non avrebbero naturalmente impiegato.

L’IA può creare il successo successivo?

Dato che l’IA sta analizzando testi e melodie che sono già stati composti, nel suo stato attuale è improbabile che crei la prossima grande cosa. Eric Stensvaag, curatore e scrittore di Feed.fm , afferma che “la maggior parte delle nuove tendenze musicali nascono organicamente, iniziando dall’underground come reazione contro lo status quo. Ad esempio, considera l’estetica essenziale e grezza del punk che contrastava con la musica rock molto raffinata e decorata degli anni ’70. Più recentemente, è inimmaginabile che un algoritmo abbia creato la rivoluzionaria “Old Town Road” di Lil Nas X “.

Quali sono le prospettive per la musica e l’intelligenza artificiale?

Siamo a un punto di svolta affascinante per l’IA, in cui persino Spotify e Apple Music non sono d’accordo sulla portata ideale degli algoritmi nella cura della musica . Nonostante le loro strategie contrastanti, tuttavia, entrambe le aziende impiegano gli esseri umani per il loro ruolo vitale in aree soggettive come il gusto, la categorizzazione e il sequenziamento. E mentre l’intelligenza artificiale ha un enorme vantaggio per la creazione di musica – cerca molte altre playlist elettroniche e ambientali generate da algoritmi – non ci aspettiamo di vedere una canzone composta dal computer in cima alle classifiche in qualunque momento presto.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi