Home / Economia / Microsoft e Shell l’intelligenza artificiale e la tecnologia per ridurre le emissioni di carbonio

Microsoft e Shell l’intelligenza artificiale e la tecnologia per ridurre le emissioni di carbonio

Microsoft e Shell annunciano una nuova partnership per utilizzare l’intelligenza artificiale e la tecnologia per ridurre le emissioni di carbonio

Affrontare le emissioni di carbonio è una delle maggiori sfide che il mondo deve affrontare oggi. Per le grandi aziende, questo significa fare una mossa strategica e gestita verso l’aumento dell’uso di fonti di energia rinnovabile, oltre a creare efficienze in tutti gli aspetti delle loro operazioni.

Microsoft e Shell annunciano una nuova partnership per utilizzare l’intelligenza artificiale e la tecnologia per ridurre le emissioni di carbonio
Microsoft e Shell annunciano una nuova partnership per utilizzare l’intelligenza artificiale e la tecnologia per ridurre … [+] ADOBE STOCK
È un compito difficile da gestire da soli, anche per un’azienda sulla scala del gigante tecnologico Microsoft o del titano dell’energia Shell. Ma lavorare insieme crea nuove possibilità che vanno oltre ciò che è probabile che potrebbero realizzare individualmente. Oltre a rispettare i propri impegni a zero emissioni di carbonio, c’è anche l’opportunità di aiutare altre aziende all’interno dei loro vasti ecosistemi di clienti e fornitori a raggiungere i loro obiettivi ambientali e di sicurezza.

Questo è stato l’argomento di una conversazione che ho avuto questa settimana con Judson Althoff, vicepresidente esecutivo di Microsoft per gli affari commerciali mondiali, e Huibert Vigeveno, direttore a valle di Shell.

Abbiamo parlato per celebrare l’annuncio di un’importante partnership tra le due società, con l’obiettivo di combinare l’esperienza di Shell nella creazione di energia pulita ed efficiente con l’esperienza di Microsoft in tecnologie all’avanguardia, come l’intelligenza artificiale (AI), il cloud computing e il Internet delle cose (IoT).

Ciò ha portato a una serie di iniziative per ridurre l’impronta di carbonio, tra cui aiutare Microsoft a rispettare il suo impegno a diventare carbon neutral entro il 2025, nonché a sviluppare ambienti di lavoro più sicuri e puliti.

“Ciò di cui siamo entusiasti di questo annuncio è che la partnership tecnologica e innovativa con Shell ci aiuterà ad arrivarci”.

I progetti finora avviati hanno coinvolto specialisti di intelligenza artificiale di Microsoft che collaborano con i data scientist di Shell per sondare le aree operative in cui è probabile che la cooperazione abbia l’impatto più profondo. Ciò ha portato allo sviluppo di 47 applicazioni separate progettate per ridurre l’impronta di carbonio del business della produzione di energia. L’archiviazione dei dati e il carico di lavoro di elaborazione vengono gestiti tramite la piattaforma Azure di Microsoft, quindi le informazioni e le efficienze acquisite in un’area operativa possono essere utilizzate a vantaggio di qualsiasi altra area. Ciò ha incluso la creazione di funzionalità “gemello digitale” per creare un modello virtuale simulato dell’intero processo di generazione di energia. Oltre a ottimizzare le proprie operazioni, le soluzioni saranno offerte anche come servizio a qualsiasi altra organizzazione con cui lavorano che potrebbe trarne vantaggio.

Althoff descrive il concetto di costruire il gemello digitale in termini di mettere un “tessuto sensore” in tutte le aree delle operazioni di Shell, un tessuto che finora ha raccolto oltre 10 miliardi di righe di misurazioni e osservazioni. Un’operazione affrontata in questo modo è stata la produzione e la distribuzione di gas naturale liquefatto da parte di Shell. Vengono creati modelli in tempo reale che consentono agli algoritmi di intelligenza artificiale di calcolare con precisione le regolazioni più efficienti che possono essere apportate ai parametri operativi al fine di ridurre la quantità di CO2 emessa durante il processo. Ciò consente la ricerca e la sperimentazione che richiederebbero anni per essere svolte a un ritmo notevolmente accelerato nel mondo digitale.

Un’altra applicazione monitora e registra il tasso di corrosione dei dispositivi di protezione utilizzati dai lavoratori coinvolti in ambienti e materiali pericolosi, consentendo loro di essere sostituiti in modo efficiente e migliorando la sicurezza in loco. Come per le applicazioni che guidano l’efficienza nella produzione di gas naturale liquefatto, questa sfrutta l’apprendimento automatico e la tecnologia di calcolo cognitivo.

Come mi ha detto Vigeveno: “Penso sia giusto dire che entrambe le nostre organizzazioni hanno ambizioni climatiche molto audaci. Entrambi vogliamo essere zero, ma collettivamente crediamo di poter davvero svolgere un ruolo nella transizione energetica.

“Questo non è qualcosa che puoi fare da solo, ma devi davvero farlo con i partner e andando settore per settore. Quindi, questa [partnership] non porterà valore solo alle nostre organizzazioni ma ai nostri clienti in tutto il mondo.”

Anche all’interno delle proprie operazioni, tuttavia, lo spazio per guidare un cambiamento positivo è immenso, con Shell che gestisce 45.000 punti vendita in tutto il mondo che servono 30 milioni di clienti ogni giorno e il software Windows 10 di Microsoft installato su oltre un miliardo di dispositivi.

Ma è espandendo l’uso di queste applicazioni a fornitori, clienti e altri partner che è probabile che si vedano i maggiori vantaggi.

Vigeveno mi ha detto: “L’ambizione di entrambe le nostre società è davvero quella di aiutare il mondo a decarbonizzare, ed entrambi ci rendiamo conto che è davvero la decarbonizzazione dei nostri clienti che ci permetterà di realizzare queste ambizioni”.

L’obiettivo è implementare la tecnologia settore per settore, riconoscendo che sebbene possa servire i clienti in settori dall’aviazione agli zoo, le esigenze di settori specifici saranno molto diverse, così come le opportunità per creare cambiamento, efficienza e miglioramenti della sicurezza.

Chiaramente Shell è stata un’azienda basata sulla tecnologia sin dal primo giorno. Le scoperte nell’esplorazione e nella perforazione sono state le fondamenta della sua attività più di cento anni fa. Ma la partnership con un’azienda la cui funzione principale è la fornitura di tecnologia, come Microsoft, le consente di accedere a competenze e infrastrutture di livello mondiale in tutti i campi della tecnologia dell’informazione. La sua capacità di sfruttare l’ intelligenza artificiale , il cloud computing e l’ambiente ricco di sensori creato dall’IoT, in particolare, è di enorme valore per il gigante dell’energia.

Allo stesso modo, Microsoft contribuirà a raggiungere i propri obiettivi di emissione nonché a ridurre i costi operativi della sua rete globale di data center e strutture di elaborazione, collaborando con Shell sull’implementazione delle energie rinnovabili e altri cambiamenti che guidano l’efficienza nelle sue operazioni.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi