Home / AI Intelligenza Artificiale / Modulus Therapeutics raccoglie 3,5 milioni di dollari

Modulus Therapeutics raccoglie 3,5 milioni di dollari

Modulus Therapeutics si assicura i finanziamenti, cerca di espandere la piattaforma di progettazione della terapia cellulare
Modulus Therapeutics, società di progettazione di terapie cellulari basata sull’intelligenza artificiale con sede a Seattle, ha annunciato di aver completato un round di semi da 3,5 milioni di dollari con una sottoscrizione in eccesso. Guidati da Madrona Venture Group, c’era anche la partecipazione di KdT Ventures e dell’Allen Institute for AI (AI2). 

Il nuovo finanziamento andrà all’espansione della piattaforma Convergent Design di Modulus della società. Insieme all’annuncio del finanziamento, la società ha formato il proprio comitato consultivo scientifico, fondato da Alana Welm e Raphael Gottardo.

Sviluppare il sistema
Max Darnell, Ph.D, ha fondato Modulus nel 2020 insieme al bioinformatico Bryce Daines, Ph.D. I due facevano parte dell’Allen Institute of Artificial Intelligence (AI2), un istituto di ricerca fondato da Paul Allen, cofondatore di Microsoft. Secondo i fondatori, volevano inventare una piattaforma per la scoperta sistematica e ripetibile di terapie cellulari di nuova generazione, che potrebbero essere utilizzate per migliorare la lotta del sistema immunitario contro i tumori solidi.

Bryan Hale è amministratore delegato presso l’incubatore AI2. 

“La missione dell’Incubatore AI2 è aiutare i fondatori a lanciare aziende di intelligenza artificiale che hanno il potenziale per cambiare il mondo”, ha affermato Hale . “Sfruttando l’intelligenza artificiale all’avanguardia per cercare trattamenti salvavita per i tumori solidi, Modulus ha il potenziale per un impatto davvero grande”.

Chris Picardo è investitore presso Madrona Venture Group. 

“Modulus ha un obiettivo ambizioso e una piattaforma innovativa che combina il moderno apprendimento automatico , la biologia sintetica e l’automazione di laboratorio all’avanguardia per trattare i tumori e debellare il cancro”, ha affermato Picardoas. “Il loro metodo sblocca un vero screening ad alto rendimento per le cellule NK che combattono il cancro e crea un nuovo enorme set di dati che è perfettamente adatto per l’IA. Siamo entusiasti di lavorare con loro mentre costruiscono il loro team e le loro capacità”.

Terapie in via di sviluppo
La massima priorità dell’azienda è sviluppare terapie basate su cellule natural killer per il trattamento del carcinoma mammario metastatico e si sta basando sui recenti progressi compiuti nella loro applicazione contro i tumori solidi.

Alana Welm è un consulente scientifico. 

“Gli approcci di scoperta ad alto rendimento in tipi di cellule come le cellule natural killer sono rimasti indietro rispetto a quelli in altri tipi di cellule”, ha affermato Welm. “Siamo davvero entusiasti delle prospettive terapeutiche di esplorare i diversi modi in cui queste cellule possono essere ingegnerizzate”. 

Il processo di progettazione di queste cellule è ancora un processo complesso che è limitato dalla comprensione umana della biologia, quindi Modulus sta sviluppando la sua piattaforma Convergent Design per combinare componenti tecnologici chiave, come l’editing genetico, l’apprendimento automatico, la multi-omica e l’alto rendimento screening in vivo . Ciò contribuirà a portare un approccio intelligente e imparziale alla progettazione della terapia cellulare. 

Max Darnell, Ph.D. è co-fondatore di Modulus. 

“Quando combinate, queste tecnologie forniscono un percorso per scoprire i miglioramenti di cui le cellule hanno bisogno per svolgere un compito terapeutico complesso, come combattere un tumore solido”, ha affermato Darnell. “L’attuale progettazione della terapia cellulare è come cercare di trovare la via d’uscita dal bosco senza un GPS. Questa piattaforma ci offre gli strumenti per navigare nello spazio di progettazione della cella in modo sistematico ed efficace”.

Invece di concentrarsi su una singola funzionalità come il targeting, Convergent Design lavora per “consentire un miglioramento simultaneo lungo più assi di importanza terapeutica convergenti su progetti cellulari ottimizzati”, secondo il comunicato. 

“Modulus è l’unica azienda che abbiamo visto focalizzata sull’ingegnerizzazione del telaio di queste celle”, ha affermato Rima Chakrabarti, MD, Principal di KdT Ventures. “Modulando il macchinario cellulare innato, Modulus può ottimizzare non solo l’efficacia terapeutica, ma anche una migliore producibilità e conservazione, avvicinandoci a terapie cellulari immunitarie curative e pronte all’uso”.

Invece di apprendere l’impatto di un gene alla volta, una delle chiavi di Modulus è che può apprendere come intere reti di geni influiscono sulla funzione di una cellula.

Bryce Daines, Ph.D., è co-fondatore di Modulus. 

“Combinando lo screening ad alto rendimento con l’apprendimento automatico per interpretare e prevedere le interazioni genetiche otteniamo un moltiplicatore sul nostro rendimento sperimentale che sminuisce gli approcci precedenti, ripetuti su tipi di cellule e malattie; il risultato è un volano di scoperta”, afferma Daines.

 

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi