Home / curiosità / Novak Djokovic ha usato l’IA l’intelligenza artificiale di RightChain per allenarsi per Wimbledon

Novak Djokovic ha usato l’IA l’intelligenza artificiale di RightChain per allenarsi per Wimbledon


Una società di gestione della catena di approvvigionamento ha applicato la sua tecnologia al tennis. Ha funzionato.


Una giusta osservazione è stato un atto di resistenza. La finale maschile del 2019 a Wimbledon è durata quattro ore e 57 minuti, rendendola la più lunga mai registrata all’All England Club. Roger Federer e Novak Djokovic sembravano essere perfettamente abbinati, fino a quando non lo erano. Alla fine, Djokovic ha prevalso e i fan sono stati lasciati a discutere su ciò che ha permesso al grande serbo di raggiungere finalmente la vittoria.
Probabilmente sarebbero sorpresi di apprendere che alcuni dei vantaggi di Djokovic potrebbero derivare dall’intelligenza artificiale, che ha incorporato nel suo gioco per la prima volta durante Wimbledon di quest’anno.
Tutto è iniziato con una squadra padre-figlio amante del tennis le cui carriere sono radicate saldamente nel mondo più quotidiano della gestione della catena di approvvigionamento. Ed Frazelle e suo figlio Andrew sono proprietari della RightChain di Atlanta, un’azienda avanzata di software di ottimizzazione, pianificazione e analisi della catena di fornitura. La maggior parte dei clienti di RightChain – tra cui giganti Fortune 500 come Colgate, Caterpillar, Ford, Baxter e Coca-Cola – vogliono trovare il modo più efficiente di spostare il prodotto dalla produzione alle mani del cliente.
L’intelligenza artificiale per il tennis come quella sviluppata da RightChain offre una visione estremamente dettagliata di come i giocatori e i loro avversari si avvicinano al gioco.
Ma le Frazelle si chiedevano se gli stessi concetti che funzionano per la gestione della catena di approvvigionamento potessero essere applicati al tennis. “Quando ci si arriva”, dice Ed, “il gioco del tennis consiste nel prendere la palla dal punto A al punto B.”
Si scopre che la sua logica era corretta.
Un’abbinamento perfetto
Ed ha appreso per la prima volta dell’analisi del tennis quando ha preso alcune cliniche gestite da un collega dell’analista di strategia di Djokovic Craig O’Shannessy. “Oggi abbiamo avuto modo di parlare dell’analisi dei dati e del suo ruolo nel tennis”, afferma Frazelle. “Ho contattato Craig per vedere se potevamo potenzialmente aiutarlo a portarlo al livello successivo.”
O’Shannessy gestisce una società di analisi delle partite chiamata Brain Game Tennis e collabora con Djokovic, tra gli altri professionisti, dal 2017. Analizza i loro schemi di gioco e li aiuta a capire sia come migliorare le proprie prestazioni sia quali strategie dovrebbero assumere contro avversari specifici. Sempre più spesso, questo tipo di analisi aiuta i giocatori a comporre i propri giochi con il massimo livello di dettaglio, facendo potenzialmente la differenza tra una vittoria e una perdita.
A sostenere gli sforzi di O’Shannessy è Warren Pretorius, CEO di Tennis Analytics , che ha sviluppato un modello di analisi video che utilizza la codifica manuale, che ha aperto la strada nel 2013. “I giocatori non volevano eseguire l’analisi da soli, quindi hanno iniziato l’outsourcing per me “, spiega. “Ho una grande banca dati e si sovrappongono a Craig su molti progetti.”
I grafici Pretorius corrispondono a oltre 25 indicatori chiave di prestazione, come errori, servizi di tiro e posizionamento e tolleranza dei colpi. Quindi combina l’analisi e la visualizzazione dei dati per estrarre le informazioni sulle partite e generare parole chiave su video indicizzati. “Ciò significa che allenatori o giocatori possono utilizzare le parole chiave per produrre ricerche a più livelli”, spiega. “Ad esempio, un allenatore sarebbe in grado di cercare tutti i secondi servizi ampiamente colpiti sul campo di battaglia sui punti di pressione, e quindi guardare il video associato.”
I servizi di analisi del tennis come quelli offerti da Brain Game Tennis e Tennis Analytics hanno contribuito a migliorare il gioco generale e la strategia, ma non hanno ancora approfondito il gioco specifico in modo molto dettagliato. Ed pensava che la sua tecnologia potesse approfondire ulteriormente il modo in cui ogni partita veniva giocata.
Dopo che le Frazelle raggiunsero O’Shannessy, i futuri soci decisero di incontrarsi a Wimbledon. Anche Pretorio era incuriosito. “Abbiamo iniziato letteralmente a gestire i dati quella notte”, afferma Frazelle.
Dove si incontrano la gestione della catena di approvvigionamento e il tennis
Le applicazioni di intelligenza artificiale di RightChain aiutano le aziende a semplificare le loro catene di approvvigionamento suddividendo il processo in 25 componenti. Ad esempio, la previsione utilizza un algoritmo basato sull’intelligenza artificiale per creare e aggiornare continuamente un modello unico per ciascun prodotto. L’ottimizzazione della rete utilizza un algoritmo che determina dove posizionare i centri di distribuzione in base a una moltitudine di criteri definiti dall’utente.
Mentre l’analisi da sola è monodimensionale, l’IA può trovare schemi ripetibili, misurare le lunghezze dei rally e determinare dove esattamente un giocatore colpisce una palla.
Frazelle utilizza la tecnologia appropriata per analizzare ogni componente della catena di fornitura e fornisce ai clienti rapporti dettagliati su come operare nel modo più efficiente nel suo complesso. Ha deciso di interrompere il viaggio di una palla da tennis da un capo all’altro in modo simile. “Per il tennis, abbiamo cambiato i campi per concentrarci sulla destinazione e l’origine della palla”, spiega. “È un sistema di coordinate molto formale che associa il campo da tennis a un livello di dettaglio non precedentemente disponibile.” In particolare, ogni area di servizio è divisa in 12 sotto-zone e il campo posteriore è diviso in otto di queste zone.
Ad esempio, mentre l’analisi del gioco del tennis da solo è unidimensionale, l’IA può trovare schemi ripetibili, misurare le lunghezze dei rally e determinare dove un giocatore colpisce esattamente una palla. “La tecnologia ci offre livelli e schemi aggiuntivi per un’analisi più dettagliata”, afferma O’Shannessy. “Una cosa è dire a un giocatore cosa sta succedendo, e un’altra è mostrarli con tabelle e grafici. I grafici forniti da Ed riducono i dati in più modi e conducono facilmente i nostri occhi su dove vivono le vere chiavi della vittoria. “
Mentre il software esistente poteva contare il numero di colpi sul dritto che ogni giocatore ha vinto, il software di Ed è in grado di specificare se si sono verificati quando il giocatore stava scontando, qual era la durata del raduno quando si sono verificati, quale era il punteggio in quel momento e se il rally ha seguito un modello specifico di gioco nei primi quattro colpi.
O’Shannessy afferma che una delle sue vendite più difficili ai giocatori li ha convinti che la coerenza del gioco – i lunghi rally che si verificano in pratica – è stata sopravvalutata, qualcosa che l’analisi dei video non può del tutto dimostrare, ma l’IA. “È un fenomeno naturale che più a lungo dura una manifestazione, più uniforme è il gioco”, spiega O’Shannessy. “Ma un giocatore è più dominante all’inizio di una manifestazione – le regole del primo colpo. Gli strumenti RightChain ci aiutano a convincere visivamente i giocatori che il loro focus dovrebbe essere su quei tocchi iniziali. “
Pretorius aggiunge che il modo in cui i giocatori percepiscono il modo in cui si esibiscono sul campo può essere molto diverso da quello che sta realmente accadendo. “Quindi, invece di guardare i dati in modo isolato, con l’IA, ora possono ottenere la storia della loro evoluzione del gioco”, dice.
Mentre l’aggiunta dell’IA al gioco di Djokovic a Wimbledon potrebbe parlare da sola, O’Shannessy afferma che è solo l’inizio di dove la tecnologia può fare sport. “Questa è ormai una pratica standard con i miei clienti”, afferma. “Ci baseremo su questo perché una migliore comprensione emerge da più scavi. Non siamo nemmeno vicini a inchiodarlo e sono entusiasta di imparare e crescere con l’analisi. ”
Per la tennista Frazelle, sposare la sua saggezza professionale con lo sport che ama è stato un bonus inaspettato e speciale: “Avere un po ‘di influenza nel tennis è un sogno diventato realtà”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi