OpenAI rimuove la lista d’attesa DALL-E, consentendo a chiunque di registrarsi, e testa l’API 

OpenAI ha annunciato oggi che il laboratorio di ricerca sta rimuovendo la lista d’attesa per la sua versione beta DALL-E, consentendo a chiunque di iscriversi, citando sistemi di sicurezza migliorati e lezioni apprese dall’uso nel mondo reale. Inoltre, sta testando un’API DALL-E con diversi clienti e afferma che prevede di offrirla presto in modo più ampio in modo che sviluppatori e clienti possano utilizzarla per creare app su DALL-E.

L’annuncio arriva nel contesto di un numero crescente di startup che offrono generatori di intelligenza artificiale da testo a immagine più accessibili, tra cui Midjourney , che è stato rilasciato in open beta a metà luglio, nonché Stable Diffusion open source di Stability AI , che è stato rilasciato ad agosto (il suo nuovo CIO, Daniel Jeffries, ha scritto un nuovo post sul blog oggi dicendo che l’azienda sta “rimettendo le distanze nell’IA”).

 
Sfruttare i dati e l’intelligenza artificiale per guidare l’azione nella tua organizzazione
Secondo un post sul blog appena rilasciato, Open AI ha affermato che “ridimensionare in modo responsabile un sistema potente e complesso come DALL·E, mentre apprende tutti i modi creativi in ​​cui può essere utilizzato e utilizzato in modo improprio, ha richiesto un approccio di distribuzione iterativo”.

OpenAI ha notato che attualmente ci sono più di 1,5 milioni di utenti che creano oltre 2 milioni di immagini al giorno con DALL-E, con circa 100.000 utenti che condividono le loro creazioni e feedback nella sua community Discord. 

 

Nuove funzionalità DALL-E e filtri più robusti
Gli artisti, in particolare, hanno fornito input e feedback importanti da quando il documento di DALL-E 2 è stato annunciato ad aprile, afferma il post sul blog, portando a funzionalità come Outpainting , aggiunta ad agosto, che consente agli utenti di continuare un’immagine oltre i suoi confini originali e creare immagini più grandi di qualsiasi dimensione.

 
Secondo OpenAI, negli ultimi mesi ha reso i suoi filtri più robusti al fine di “rifiutare i tentativi di generare contenuti sessuali, violenti e di altro tipo che violano la nostra politica sui contenuti e costruire nuove tecniche di rilevamento e risposta per fermare l’uso improprio”.

Quando DALL-E 2 è stato rilasciato, ha suscitato risposte rapsodiche per il suo utilizzo di tecniche avanzate di deep learning per generare e modificare immagini fotorealistiche semplicemente comprendendo le istruzioni di testo. All’improvviso si è verificato uno tsunami di condivisione di immagini di teiere e sedie a forma di avocado, oltre a forti preoccupazioni per set di dati distorti che hanno rafforzato gli stereotipi sulle donne e sulle persone di colore.

Ma OpenAI sostiene che “le lezioni apprese dall’implementazione e dai miglioramenti ai nostri sistemi di sicurezza rendono possibile una disponibilità più ampia”.

 
Le spinose domande sul copyright DALL-E rimangono
Tuttavia, rimangono spinose domande sulla proprietà dell’immagine DALL-E: a luglio, quando OpenAI ha annunciato che avrebbe ampliato l’accesso beta a  DALL-E 2 , ha anche offerto a quegli utenti pieni diritti di utilizzo per commercializzare le immagini che creano con  DALL-E , incluso il diritto di ristampa, vendita e merce.

Secondo il portavoce di OpenAI, il feedback degli utenti ha rilevato che i diritti di utilizzo completi sono ciò che vogliono i creatori. OpenAI, tuttavia, mantiene la proprietà dell’immagine originale “principalmente in modo da poter applicare meglio la nostra politica sui contenuti”. 

Ma i creativi, così come gli esperti legali, trovano poco chiari i problemi relativi alla proprietà e al copyright. 

 
Bradford Newman, che guida la pratica di apprendimento automatico e intelligenza artificiale dello studio legale globale Baker McKenzie, nel suo ufficio di Palo Alto, ha risposto alla domanda “Chi possiede le immagini DALL-E?” è tutt’altro che chiaro. E, ha sottolineato, le ricadute legali sono inevitabili. 

“Se DALL-E viene adottato nel modo in cui penso [Open AI] lo immagina, ci saranno molte entrate generate dall’uso dello strumento”, ha detto a VentureBeat ad agosto. “E quando hai molti giocatori sul mercato e problemi in gioco, hai un’alta possibilità di contenzioso”

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi