Home / Economia / Pony.ai raccoglie 100 milioni di dollari in più per far avanzare la sua tecnologia per i veicoli autonomi

Pony.ai raccoglie 100 milioni di dollari in più per far avanzare la sua tecnologia per i veicoli autonomi

La startup di auto a guida autonoma Pony.ai ha annunciato oggi di aver raccolto $ 100 milioni in un’estensione del suo round di serie C. . I fondi portano il totale della società raccolto a oltre $ 1 miliardo con una valutazione post-money di $ 5,3 miliardi, rispetto ai $ 3 miliardi di febbraio 2020.

Alcuni esperti prevedono che la pandemia accelererà l’adozione di tecnologie di trasporto autonomo. Nonostante la necessità di disinfezione, le auto senza conducente possono potenzialmente ridurre al minimo il rischio di diffusione di malattie. Ad esempio, Pony.ai afferma di aver consegnato più di 15.000 pacchi di cibo e kit sanitari in California durante la crisi sanitaria del COVID-19.

L’ex capo architetto di Baidu James Peng ha co-fondato Pony.ai nel 2016 con Tiancheng Lou, che ha lavorato al progetto di auto autonome di Google X prima che fosse scorporato in Waymo. I due mirano a costruire auto autonome di livello 4 – auto in grado di funzionare senza la supervisione umana in determinate condizioni, come definito dalla Society of Automotive Engineers – per ambienti “prevedibili” come parchi industriali, campus universitari e piccole città, con un tentativo finestra di implementazione di diversi anni da adesso.

La piattaforma hardware full-stack di Pony, PonyAlpha, sfrutta lidar, radar e telecamere per tenere sotto controllo gli ostacoli fino a 200 metri dalle sue auto a guida autonoma. PonyAlpha è la base per i camion completamente autonomi e la soluzione di consegna merci dell’azienda, che ha iniziato i test nell’aprile 2019 e viene distribuita su auto di prova a Fremont, in California, ea Pechino e Guangzhou in Cina.

Pony.ai, che ha uffici a Guangzhou e Fremont, è una delle poche aziende ad essersi assicurata una licenza di collaudo di veicoli autonomi a Pechino. In California, ha ottenuto un permesso per le operazioni di robo-taxi dalla California Public Utilities Commission. Le uniche altre società ad essersi assicurate una simile licenza in California sono Cruise, AutoX, Aurora, Voyage, Waymo e Zoox.

Lo scorso ottobre, Pony.ai ha collaborato con Via e Hyundai per lanciare BotRide , il secondo servizio di robo-taxi pubblico di Pony.ai dopo un programma pilota (PonyPilot) a Nansha, in Cina. BotRide ha consentito a motociclisti e carpooler di chiamare i SUV elettrici Hyundai Kona autonomi attraverso app sviluppate con Via, provenienti da una flotta di 10 auto con guidatori di sicurezza umana al volante.

Ad agosto, Pony.ai ha firmato un accordo con Bosch per “esplorare il futuro della manutenzione e riparazione automobilistica per le flotte autonome”. Pony.ai e la divisione Automotive Aftermarket di Bosch in Nord America intendono sviluppare e testare soluzioni di manutenzione della flotta per programmi di robo-taxi commerciali. Pony.ai afferma di aver iniziato a pilotare un programma di manutenzione con Bosch nella Bay Area di San Francisco all’inizio di luglio.

Tra gli altri potenziali vantaggi, la guida autonoma promette il funzionamento continuo delle flotte e la riduzione dei tempi di fermo. Secondo un rapporto McKinsey del 2017, i robo-taxi potrebbero ridurre il costo totale di proprietà di un operatore di flotta dal 30% al 50% rispetto alla proprietà di veicoli privati ​​e di circa il 70% rispetto alla mobilità condivisa, sconvolgendo significativamente il mercato. Ma i robo-taxi avranno bisogno di infrastrutture di manutenzione molto diverse rispetto alle automobili, in parte perché potrebbero non essere monitorate regolarmente; hanno solo pochi minuti tra i passeggeri; e sfoggiano parti costose, sensibili e non convenzionali, come i sensori lidar.

Pony.ai fa concorrenza a Daimler, che nell’estate 2018 ha ottenuto dal governo cinese un permesso che le consente di testare auto a guida autonoma alimentate dalla piattaforma Apollo di Baidu sulle strade pubbliche di Pechino. E la startup Optimus Ride si è sviluppata una piccola flotta di navette senza conducente a Brooklyn. Waymo, che ha accumulato oltre 20 milioni di miglia nel mondo reale in oltre 25 città negli Stati Uniti e miliardi di miglia simulate, nel novembre 2018 è diventata la prima azienda ad ottenere un permesso di test per auto senza conducente dal California Department of Motor Vehicles (DMV ). Altri concorrenti includono Tesla, Aptiv, May Mobility, Cruise, Aurora, Argo AI, Pronto.ai e Nuro.

Tuttavia, solo Nuro, Waymo, Cruise e Argo competono con la raccolta fondi di Pony.ai. Con l’eccezione di Argo, ciascuno ha raccolto più di 3 miliardi di dollari di capitale di rischio a valutazioni che vanno da 7,5 miliardi di dollari (Argo) a 175 miliardi di dollari (Waymo).

Fortunatamente per Pony.ai, ha collaborazioni con il gruppo automobilistico statale cinese FAW e GAC Group, un produttore di automobili con sede a Guangzhou, per sviluppare veicoli robo-taxi di livello 4. Ha anche una collaborazione congiunta con On Semiconductor per prototipare il rilevamento delle immagini e le tecnologie di elaborazione per la visione artificiale. E Pony.ai ha percorso oltre 1,5 milioni di chilometri autonomi (o circa 932.056 miglia) a fine anno 2019, mettendolo a una distanza impressionante da Yandex (2 milioni di miglia) e Baidu (1,8 milioni di miglia).

La Brunei Investment Agency, il fondo sovrano del Brunei e CITIC Private Equity Funds Management hanno partecipato all’estensione della serie C. Gli investitori precedenti ed esistenti in Pony.ai includono Toyota, l’editore di videogiochi Beijing Kunlun Wanwei , Sequoia Capital China, IDG Capital e Legend Capital. La piattaforma per l’innovazione degli insegnanti del consiglio di amministrazione del piano pensionistico per gli insegnanti dell’Ontario ha guidato quest’ultimo round, con la partecipazione di Fidelity China Special Situations PLC, 5Y Capital, ClearVue Partners, Eight Roads e altri.

“L’innovazione tecnologica sta trasformando costantemente le industrie tradizionali e la guida autonoma cambierà i modi di trasporto tradizionali nel prossimo futuro”, ha detto a VentureBeat un portavoce del CPE. “CPE crede che Pony.ai guiderà questa tendenza e la aiuterà a cogliere l’opportunità per una crescita più rapida.”

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi