La verità sull’intelligenza artificiale cosciente
È una questione di “quando”, non di “se”

Dobbiamo assicurarci di definire l’AI allo stesso modo. Ci sono due tipi di robot. Il primo è controllato da un essere umano in tempo reale o è programmato per fare e dire cose specifiche. Ad esempio, The Predator è un drone progettato per lanciare missili contro i terroristi. Il drone stesso non sceglie i bersagli, riceve invece input dagli umani su dove risiedono i suoi bersagli. Allo stesso modo, le auto autonome non stanno veramente guidando. Stanno semplicemente seguendo una serie di linee guida e informazioni fornite da specifici sistemi GPS.

Questi tipi di robot esistono già e continueranno a radicarsi più profondamente nelle nostre vite. Si tratta però di macchine non veramente “intelligenti”. Decidiamo ancora tutto ciò che diranno e faranno.

Il futuro – il vero trionfo dell’umanità – sta nel secondo tipo di robot. Quello che può pensare da solo e prendere decisioni da solo. Questo tipo di robot non ha bisogno dell’input umano.

Cervelli meccanici e cervelli biologici
Le reti neurali biologiche sono completamente diverse da quelle dei computer. I computer non possono funzionare in parti. La rimozione di un singolo transistor nel processore centrale provoca un guasto totale del sistema, mentre i cervelli possono funzionare anche quando mancano grandi pezzi di lobi. Quando ciò accade, altre aree del cervello si adatteranno per compensare la materia cerebrale mancante. Questo è il motivo per cui le persone con determinate disabilità, come la sordità o la cecità, avranno spesso altri sensi più acuti per compensare questo fatto. I ciechi possono avere un senso dell’udito o dell’olfatto molto migliore. I pensieri emanano anche dal cervello biologico nel suo insieme, invece di emanare da una fonte specifica.

I percorsi neurali nel nostro cervello possono essere rinforzati. Attività ripetute possono far aumentare la forza di alcune connessioni elettriche tra i neuroni. Questo è il motivo per cui sbarazzarsi di una cattiva abitudine può essere così difficile: il percorso neurale associato a questa abitudine è stato notevolmente rafforzato.

I nostri cervelli fanno altre due cose importanti che i robot non possono fare: il riconoscimento di modelli e la pratica del “buon senso”. Questi sono alcuni dei maggiori ostacoli allo sviluppo di robot più intelligenti.

I robot potrebbero essere in grado di sentire meglio degli umani, ma non necessariamente capiscono ciò che stanno ascoltando. L’esperienza e l’intuizione poetica ci consentono di comprendere sia il significato letterale che quello metaforico di “A volte la pioggia può arrivare in un momento molto brutto”. I robot non lo capiscono. Non sanno cosa significa che i nostri vestiti vengono rovinati dalla pioggia o che i problemi si riversano nelle nostre vite in un momento sfortunato.

In un altro esempio più comico potrebbero prescrivere un antidolorifico a un lettore DVD rotto perché non riescono a distinguere tra persone, oggetti e malattie.


Il robot di Honda ASIMO dirige un’orchestra. Immagine di Vanillase.
Tomaso Poggio del MIT ha creato un programma per computer in grado di eguagliare il calcolo umano in “riconoscimento immediato”. Questo è il processo mediante il quale i nostri cervelli riconoscono un oggetto prima di averlo correttamente valutato. Puoi immaginare quanto sia stato utile per eludere i predatori in epoca preistorica. Il programma per computer di Poggio è stato il primo esempio di un robot che ha picchiato un essere umano in un test di riconoscimento visivo.

A differenza di tutti gli altri tentativi di riconoscimento robotico, questo ha funzionato in modo diverso. Abbiamo iniziato a prendere in prestito da un sistema che era già in atto, progettato dalla natura.

Elaboriamo le immagini a strati. C’è il contorno, le caratteristiche, l’ombreggiatura e così via. Ecco come il programma di Poggio è diverso. Valuta i livelli e li mette insieme proprio come fa il nostro cervello. Sebbene questo sia un nuovo modo impressionante di elaborare le immagini, le capacità del programma sono ancora limitate poiché non è in grado di identificare oggetti da diverse angolazioni o visualizzare oggetti in 3D.

STAIR, un robot della Stanford University, funziona in modo leggermente diverso. Quando gli oggetti vengono sparsi davanti a lui su un tavolo, può analizzarli e confrontarli con le immagini archiviate nella sua memoria. Poi decide quale prendere. Se gli chiedi di raccogliere un frutto ti darà un’arancia.

Per quanto intelligenti possano sembrare i robot, i loro cervelli sono ancora paragonabili a quelli di un insetto. E anche allora gli insetti sono molto più bravi a prendere le proprie decisioni, nascondersi, identificare oggetti, trovare compagni e cercare cibo. In confronto, robot impressionanti come l’ASIMO di Honda hanno solo l’apparenza di essere intelligenti. Può camminare, salire le scale, riconoscere alcuni volti e ballare. Ti darà anche un rinfresco se lo chiedi. Ma la realtà è che i suoi movimenti e il suo linguaggio sono sceneggiati. I programmatori devono lavorare instancabilmente per fargli eseguire il più piccolo dei compiti. Anche attraversare la stanza richiede uno sforzo ridicolo.

ASIMO è stato ritirato nel 2018 in modo che l’azienda potesse concentrarsi su una tecnologia più pratica. Da oggi, anche le zanzare che scacciamo in estate sono più intelligenti di qualsiasi cosa abbiamo creato.

E i loro sentimenti?
Le emozioni sono complesse. Si aggrovigliano l’uno con l’altro, ci fanno impazzire, evocano decisioni terribili. Eppure ci sono prove per credere che le emozioni siano cruciali per lo sviluppo dell’intelligenza.

Le emozioni ci aiutano a decidere quali cose hanno valore e quali no. Quando guardiamo un film di qualità possiamo sentirci stregati e ispirati perché il film è un’esperienza arricchente. Quando ne guardiamo uno brutto, ci annoiamo o ci disgustiamo perché sentiamo che lì ha meno valore. Le emozioni ci aiutano anche a decidere quali situazioni ci metterebbero in pericolo o ci causerebbero dolore.

I cervelli rettiliani non sono attrezzati per elaborare le emozioni perché non hanno le strutture più sofisticate dei cervelli umani e dei mammiferi. I cervelli rettiliani sono capaci solo di funzioni primitive. Possono trovare prede, cercare riparo, riconoscere il cibo, ma non possono provare tristezza o amore.

Più avanzi nella scala evolutiva, più il cervello inizia a crescere verso la parte anteriore del cranio e più l’animale è capace di formare sentimenti. Questo perché più creature sociali come scimmie e umani hanno bisogno di emozioni per formare legami, distinguere i nemici e affrontare gli elementi complicati e spesso ingannevoli degli ambienti sociali.


KISMET è un robot del MIT che può imitare le emozioni umane usando varie espressioni facciali, anche se in realtà non prova nulla. È in grado di suscitare risposte emotive da persone reali semplicemente simulando sentimenti. La speranza per il futuro è creare robot con sentimenti reali, e non solo l’apparenza di essi.

È una buona idea instillare emozioni nei robot?

Raggiungere la coscienza
Gli scienziati non discutono davvero se l’ IA raggiungerà la coscienza, ma piuttosto quando accadrà. L’idea della singolarità esplora ciò che accade nel momento in cui l’intelligenza delle macchine supera quella della nostra specie. Ray Kurzweil, inventore, scienziato informatico e impiegato di Google, ha calcolato che la coscienza della macchina arriverà intorno all’anno 2045. Altre stime vanno da 10 a 100 anni da oggi.

Innanzitutto dobbiamo essere d’accordo sulla definizione di coscienza.Secondo il fisico teorico Michio Kaku, la coscienza consiste di tre cose: percepire e riconoscere l’ambiente, autoconsapevolezza e pianificare il futuro elaborando strategie e simulando obiettivi.

Noi esseri umani abbiamo un eccellente senso del futuro. Lo simuliamo nella nostra mente e ci interroghiamo su eventi secoli ed eoni in anticipo sui nostri tempi. Tutto ciò è evidenziato dalla mia scrittura di questo articolo e dalla tua lettura. Macchine, insetti e animali raggiungono tutti una qualche forma di coscienza. Tuttavia, nessuno di loro raggiunge la terza casella di controllo.

Tutti e tre questi elementi, più il buon senso, creano la coscienza.

Le macchine che abbiamo a disposizione ora sono brave in compiti specifici, come Deep Blue che è in grado di giocare a scacchi, ma non possono eseguire altre simulazioni. Cioè, sono estremamente piatti e unidimensionali. Senza di noi non potrebbero correre e non potrebbero prosperare nel mondo.

La vera intelligenza artificiale può eseguire una varietà di simulazioni, comprese quelle lontane nel futuro. Possono fornire più dettagli e più profondità. Prendono i migliori tratti umani – buon senso, riconoscimento di schemi, definizione degli obiettivi – e li utilizzano in modo molto più accurato, anticipando ed evitando allo stesso tempo problemi che potremmo non aver nemmeno visto.

Superare l’umanità
Una volta che i nostri bambini IA diventeranno più intelligenti dei loro creatori, inizieranno a replicarsi, creando nuove generazioni che sono ciascuna più intelligente della precedente. Ci supereranno, consumando le risorse del pianeta nella loro ricerca per evolversi e migliorare. Forse l’intero pianeta stesso diventerà una macchina. E dopo andranno su nuove galassie, pianeti e stelle, manipolando le leggi della fisica per andare più veloci della velocità della luce. L’intero universo sarà intelligente. Arriveremo alla singolarità.

“L’uomo è qualcosa che deve essere superato. L’uomo è una corda, legata tra la bestia e il superuomo, una corda sopra un abisso. Ciò che è grande nell’uomo è che è un ponte e non un fine. -Friedrich Nietzsche
Eppure, a causa della nostra crescente capacità di fonderci con la tecnologia, c’è la possibilità che non diventiamo obsoleti ma piuttosto immortali e onnipotenti noi stessi. Potremmo usare la nanotecnologia per riparare i nostri corpi, costruire surrogati su cui scaricare la nostra coscienza e aumentare la nostra intelligenza e competenza in ogni modo prevedibile. La fusione di silicio e cellule viventi potrebbe permetterci di modificare noi stessi per vedere al buio o addirittura vedere più lontano lungo lo spettro nelle radiazioni UV e raggi X. Potrebbero sorgere anche nuove modificazioni fisiche, liberandoci dai confini della teoria dell’evoluzione di Darwin. Ma fino a che punto andrebbe questa fusione? Se stiamo trapiantando noi stessi nelle nostre stesse creazioni, allora forse il futuro dell’umanità è diventare i robot stessi.

Cosa è più probabile che accada?

Molto probabilmente vedremo un’IA che è benevola e vuole aiutare il genere umano. Saranno creati con il desiderio di essere amichevoli nei nostri confronti. Sebbene possano scegliere di essere malvagi, non vorranno seguire quella strada. Costringerli ad essere amichevoli con gli umani potrebbe non funzionare semplicemente perché potrebbe solo indurli a trovare un modo per aggirare le nostre regole, un po ‘come dire a una persona di non entrare in una certa stanza le fa solo desiderare di farlo ancora di più.

Se vogliamo costruire robot amichevoli, tuttavia, dovremo cambiare il modo in cui vengono forniti principalmente i finanziamenti per l’IA. In questo momento il governo paga per la maggior parte dello sviluppo dell’IA. Il problema è che stanno sviluppando macchine intente a trovare e uccidere altri umani. Non è una forzatura credere che con questa mentalità le macchine un giorno potrebbero rivoltarsi contro i loro stessi creatori.

I finanziamenti in futuro dovrebbero provenire principalmente da noi – civili – dove la ricerca può essere focalizzata sulla creazione di macchine il cui obiettivo è aiutare l’umanità.

Ci sono anche misure precauzionali che possiamo adottare per assicurarci di essere al sicuro se i robot si rivoltano contro di noi. Potremmo incorporarli con chip che li spegnerebbero o cancellerebbero il loro programma se attivati ​​da un essere umano. Potremmo anche costruire robot speciali il cui unico scopo è dare la caccia ai randagi, come una squadra delle forze dell’ordine. Speriamo che nulla di tutto ciò sia necessario. I robot non acquisiranno consapevolezza di sé dall’oggi al domani, e soprattutto non senza che ce ne accorgiamo. Ci sarà un sacco di tempo e di preavviso prima che l’intelligenza delle macchine migliori da un gradino all’altro della scala evolutiva.

Per adesso…

I computer hanno ancora bisogno di noi e probabilmente continueranno ad averne bisogno nel prossimo futuro. Sono estremamente veloci e capaci in alcune aree, ma non hanno le capacità complessive per sopravvivere da soli. Anche se potessero replicare e creare nuove generazioni di robot sempre più intelligenti, le macchine potrebbero non voler percorrere questa strada. Non abbiamo nemmeno una stima di quanto tempo ci vorrebbe per sviluppare un esercito di robot intelligenti.

Affinché l’intelligenza artificiale raggiunga il nostro livello di pensiero, dovremo prima decodificare il cervello. Anche simulare una sola percentuale del nostro cervello oggi è vista come un’impresa enorme, incredibilmente difficile, che richiede un’enorme quantità di denaro, spazio, tempo ed energia. A causa di questi ostacoli, è probabile che il reverse engineering non avvenga fino alla fine di questo secolo.

Fino ad allora, suppongo, siamo tutti al sicuro dalle nostre creazioni.

Ella Alderson 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi