Framework ML open source Ray versione 2.0
La nuova versione include funzionalità che semplificano la creazione e la gestione dei carichi di lavoro dell’IA
 
La tecnologia di apprendimento automatico Ray di Anyscale è passata a Ray 2.0 , diventando una delle soluzioni più popolari per le organizzazioni per gestire carichi di lavoro di intelligenza artificiale (AI) complicati. 

Con Ray 2.0, la piattaforma ha segnato il prossimo traguardo significativo al Ray Summit-2022 tenutosi a San Francisco mercoledì. Con l’aggiunta di Ray AI Runtime (AIR), un livello di runtime per l’esecuzione di servizi ML, Ray 2.0 dispone di funzionalità che semplificano la creazione e la gestione dei carichi di lavoro AI.

 
“Stiamo usando Ray per addestrare i nostri modelli più grandi. Quindi, è stato molto utile per noi in termini di capacità di scalare fino a una scala senza precedenti”, ha affermato Greg Brockman, CTO e co-fondatore di OpenAI, al vertice. 

Grazie a Ray, i modelli di machine learning possono ora scalare su risorse hardware, supportando i flussi di lavoro MLops. Ray 1.0 è stato rilasciato a settembre 2020 dopo aver subito più revisioni negli ultimi due anni.

Oltre alla nuova versione, Anyscale , il principale sostenitore commerciale di Ray, ha anche annunciato una nuova piattaforma aziendale per l’esecuzione di Ray, raccogliendo 99 milioni di dollari per promuovere l’adozione commerciale.

Il framework open source Ray è stato utilizzato da varie aziende come Shopify e Instacart. È un elemento fondamentale per i principali innovatori di intelligenza artificiale OpenAI e il team dietro il GPT-3 Large Language Model e la tecnologia di generazione di immagini DALL-E.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi