Home / Economia / Redis Labs ottiene una valutazione da 1 miliardo di dollari

Redis Labs ottiene una valutazione da 1 miliardo di dollari

Redis Labs, creatore di software di database, ottiene una valutazione da $ 1 miliardo con una nuova raccolta di fondi

La startup di software di database Redis Labs è l’ultimo unicorno della Silicon Valley grazie a un nuovo round di finanziamento che arriva sulla scia di un forte slancio pandemico.

La società di Mountain View, in California, ha annunciato martedì di aver raccolto nuovi $ 100 milioni per portare la sua valutazione a nord di $ 1 miliardo. Il round di serie F è guidato da TCV e dall’investitore di lunga data Bain Capital Ventures, con la partecipazione di Francisco Partners, Goldman Sachs Growth, Viola Ventures e Dell Technologies Capital. Redis Labs ha ora raccolto quasi 250 milioni di dollari in totale da quando è stata fondata nove anni fa, e il CEO Ofer Bengal afferma che la raccolta di fondi posiziona a uno o due anni dalla disponibilità IPO.

“Per aziende come la nostra, si tratta di una crescita rapida”, dice Bengal a Forbes . “Come MongoDB, prima che diventassero pubblici, hanno bruciato circa 350 milioni di dollari. Il mercato premia molto la crescita rapida, quindi ci rendiamo conto che per crescere velocemente, dobbiamo spendere. Non c’è modo di aggirarlo. “

Redis Labs vende software e un servizio cloud basato su Redis, un database open source. Il prodotto è stato lodato per le sue capacità di memorizzazione nella cache, in cui le applicazioni sono in grado di essere eseguite più velocemente memorizzando dati che possono essere riutilizzati, ma ha aumentato le funzionalità nel corso degli anni. I clienti paganti, di cui Redis Labs conta più di 8.000 in settori quali finanza, tecnologia e sanità, si affidano anche al prodotto Redis Enterprise per diverse applicazioni, come l’elaborazione di reclami o la messaggistica. Il rivenditore di abbigliamento Gap si affida al software del database per la gestione dell’inventario e l’evasione degli ordini, e Bengal afferma che tre delle prime quattro emittenti di carte di credito del mondo utilizzano il prodotto per l’autorizzazione delle transazioni in tempo reale.

Il software ha i suoi vantaggi in termini di velocità e scalabilità, componenti fondamentali per le aziende che si aggiornano con le moderne implementazioni tecnologiche come il machine learning. Bengal afferma che Redis Labs, che ha cofondato con il chief technology officer Yiftach Shoolman, è in grado di ridurre i tempi di risposta delle applicazioni a meno di un millisecondo dalle centinaia di millisecondi necessari sui database di vecchia generazione come Oracle o SQL Server di Microsoft. Ma Redis Labs non è solo nel suo spazio. Le società di gestione dei dati come MongoDB, DataStax e Couchbase offrono alle aziende altri modi per alimentare applicazioni e servizi e, sebbene l’azienda sia diventata lo sponsor del progetto Redis open source nel 2015, altre piattaforme come Amazon Elasticache forniscono modi alternativi per utilizzare il database.

Sul fronte dell’open source, anche la tempistica del round di finanziamento arriva in un momento cruciale per l’azienda. A giugno, Salvatore Sanfilippo (noto nella comunità di coding come “Antirez”), il principale sviluppatore e manutentore di Redis, ha annunciato che si sarebbe dimesso dal suo ruolo. Resta da vedere come il progetto open source, che costituisce la spina dorsale delle offerte a pagamento di Redis Labs, cambierà man mano che la leadership architettonica del suo creatore verrà sostituita da un nuovo core team. Bengal rimane ottimista, citando come precedente la transizione del linguaggio di codifica Python da un singolo creatore a un team. “Abbiamo costruito questa nuova governance e questo nuovo team con largo anticipo, quindi la transizione è stata molto semplice”, afferma.


Ha anche motivo di credere che l’ampliamento della visione del prodotto dell’azienda stia avendo successo. Le entrate per la startup sono cresciute di circa il 50% anno su anno negli ultimi anni, dice, e ora si attestano a circa $ 100 milioni (la società afferma che non è ancora positivo il flusso di cassa, ma che sta “facendo progressi verso redditività”). La pandemia di Covid-19 non ha frenato la crescita; invece, dice Bengal, ha registrato un picco di nuovi clienti e ha concluso un accordo che considera una pietra angolare per la crescita futura. A maggio, la società ha annunciato di aver stretto una partnership con Microsoft per integrare Redis Enterprise direttamente nel servizio cloud Azure. La mossa segue una partnership simile con Google Cloud che, secondo Bengal, ha visto una crescita del 300% da quando è iniziata lo scorso anno.

Il nuovo finanziamento andrà alle vendite e al marketing, alla continua sponsorizzazione di Redis open source e ad ulteriori innovazioni di prodotto, afferma Bengal. La società ha annunciato a maggio il lancio di una funzionalità di intelligenza artificiale che il CEO ritiene potrebbe essere l’altra opportunità chiave del mercato da cogliere. “Tutti parlavano di tecnologie per costruire modelli di IA molto efficienti”, afferma. “Solo di recente, le persone si sono rese conto che c’è un altro aspetto, ovvero che una volta che hai il modello, devi renderlo disponibile all’applicazione in modo molto efficiente. Al momento, non esiste un leader di mercato in questo spazio. Per noi è molto naturale espandersi a questo. “

“Il mercato è quasi illimitato”, afferma Enrique Salem, partner di Bain Capital Ventures, che è nel consiglio di amministrazione dal 2019. “Riteniamo fermamente che, date le dimensioni del mercato e data la nostra posizione nel mercato, vedremo un successo società pubblica lungo la strada. “

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi